Archivi tag: sapre

IL CHIACCHIERICCIO

IL CHIACCHIERICCIO

Fino a pochissimi anni fa, forse due o tre, un insegnante, in classe o in un’aula universitaria, dispensava un sapere che era già depositato nei libri, almeno in parte.

Trasmetteva oralmente uno scritto, una pagina-fonte.

Se inventava qualcosa, evento raro, all’indomani lo metteva in pagina.

La cattedra imponeva l’ascolto del portavoce del sapere. Per quell’oralità chiedeva silenzio. Non lo ottiene più.

Formatasi in età scolare, alle classi elementari e preparatorie, cresciuta fino allo tsunami nella scuola secondaria, l’onda lunga di ciò che si chiama “chiacchiericcio” ha raggiunto le aule universitarie, che ne traboccano riecheggiando, per la prima volta nella storia, di un vocio permanente che rende faticoso l’ascolto o inascoltabile la vecchia voce del libro.

Il fenomeno è generalizzato e degno di attenzione. I ragazzi non leggono, né intendono ascoltare l’esposizione orale di ciò che è scritto.

Ridotti al silenzio da tre millenni, i ragazzi producono in coro un rumore di fondo che sovrasta il megafono della scrittura.

Perché chiacchierano, nel vocio dei compagni chiacchieroni? Perché questo sapere annunciato ce l’hanno tutti. Per intero.

A disposizione.

Sottomano.

Accessibile tramite il Web, Wikipedia, il palmare, il cellulare, con qualsiasi mezzo portatile.

Spiegato, documentato, illustrato, con una quota di errori analoga a quella delle migliori enciclopedie.

Non si ha più bisogno del portavoce di una volta, salvo che qualcuno abbia un guizzo inventivo originale, ma è raro.

Fine dell’era del sapere.

Annunci