Archivi tag: salvini e di maio altro ventennio

VALE LA PENA RICORDARE? PENSO DI SÌ

VALE LA PENA RICORDARE? PENSO DI SÌ

Ricordo che ho scritto per anni e anni, su questo blog, pensieri infuocati e indignati contro Berlusconi e i suoi governi.

Mi sembrava, allora, il male assoluto, una visione della vita, della dignità delle donne (su questo punto le donne implicate ci hanno messo del loro per dare una bella mano), del rispetto di alcuni principi fondamentali di convivenza democratica e della carta costituzionale, da combattere e respingere con tutte le mie forze.

Sollievo, momentaneo, nel 2011, quando rovinosamente come sappiamo, il nostro è stato costretto a lasciare il governo della nostra amata repubblica. Ricordo che ero andata a pranzo fuori e avevamo brindato.

Ora ci si ritrova daccapo con quel grande popolo, i votatori del berlu, che naturalmente non è sparito, ha solo trovato un altro imbonitore, o meglio due, così anche chi si definiva “di sinistra” ha potuto essere solleticato a “provare”, a chi affidare la risoluzione delle proprie ansie e paure, senza tenere in alcun conto, una volta ancora, un centinaio di principi basilari su cui si è costruito, faticosamente, questo Paese.

Infatti com’è stato possibile che il berlu abbia governato 20 anni o giù di lì, nonostante le porcate fatte?

A ben pensarci il nostro Paese è fatto da ventenni, nel senso di cicli di venti anni.

Ho visto pochi giorni fa “La grande storia”, che narrava di come gli Italiani assistettero indifferenti all’emanazione delle leggi razziali, con cacciata di tutti gli insegnanti e studenti e bambini dalle scuole pubbliche, divieto di esercizio di attività commerciali o d impresa e di molte professioni, ecc. e con tutto quello che ne conseguì.

Questa è la storia. Prendiamone atto.

Le “parentesi” dei governi di sinistra o meglio di centro sinistra, perché mai e poi mai questo paese, col suo passato, vedrà un governo puro di sinistra, costituiscono eccezioni, dettate dai momenti di down dei governi, quasi naturali, di destra a tratti estrema.

Noi, come al solito, crediamo di stare dalla parte giusta: in trincea.

Chissà, forse dobbiamo aspettarci ancora una ventennio, stavolta legaiolo.

Non resta che prepararci e fare del nostro meglio, sempre.

Annunci