Archivi tag: la realtà

I CONTI NON TORNANO E ALLA SBRONZA COLLETTIVA SEGUE IL MAL DI TESTA

I CONTI NON TORNANO E ALLA SBRONZA COLLETTIVA SEGUE IL MAL DI TESTA

Li hanno coccolati, alimentati, fatti crescere con una benevolenza ruffiana e connivente. Perfetti lacchè.

Mai un contraddittorio, mai domande capaci di svelare l’inconsistenza e la fragilità di proposte irrealizzabili.

Sono saliti tutti sul carro dei vincitori.

Giornalisti folgorati sulla via delle stelle, intellettualoidi radical chic in cerca di un porto nel quale spiaggiarsi, attori e attrici sul viale del tramonto, cantanti che, avendo smarrito la vena creativa, cercavano nuovi mecenati che li sponsorizzassero.

Rivoluzionari della domenica, sinistrati in cerca di vitto ed alloggio.

Tutti a raccontarci del “nuovo” che stava avanzando, del verbo del sacro blog e del gazebo padano.

Li incensavano servili e proni, tutti pronti a sperticarsi nell’elogio dell'”honestà”, della democrazia diretta, delle forche giustizialiste di piazza.

Mentre il padrone della Srl si arricchiva ed aumentava il suo potere, incitando i suoi adepti a sputtanare gli avversari sul web, nel silenzio complice di ciò che resta della stampa italiana.

Dopo mesi di farsa seguiti alle lezioni nazionali, dopo che I vincitori le hanno tentate tutte per giustificare fallimenti e promesse elettorali irrealizzabili e dopo avere tentato di trovare un capro espiatorio alla loro inettitudine, prima il PD e oggi l’Europa, oggi, come risvegliatisi improvvisamente da un lungo letargo della ragione, gli “intellettuali” italiani sono costretti ad affrontare la realtà.

Non siamo alla presa di coscienza piena del danno arrecato al paese, non parliamo poi di autocritica, ma qualche flebile voce dissonante nel panorama adulante del giornalismo italiano inizia a scorgersi all’orizzonte.

Chi a sinistra li ha votati quasi giocando, quelli che “La Srl è una costola della sinistra”, oggi sono silenti, paiono essersi liquefatti, comprendono che lo “scherzo è finito” e sta per arrivare il conto salato da pagare.

Le menzogne si palesano.

I conti non tornano ed alla sbronza collettiva segue un mal di testa insopportabile.

Molti saranno coloro che per un tempo indefinito resteranno tramortiti, travolti da questo delirio di massa, ma avere costretto Lega ed Srl a confrontarsi, con la fatica del tentativo di governare, li ha svelati nella loro fatua inconsistenza, nella demagogia surreale della loro proposta.

 

Annunci