Archivi tag: diego fusaro

UN VIRUS CONTRO LE TURBOMINCHIATE


UN VIRUS CONTRO LE TURBOMINCHIATE

Per chi se lo fosse perso, il noto filosofo sovranista Diego Fusaro ha affermato che il Coronavirus sarebbe un complotto ordito dagli USA.

Speriamo si trovi presto un vaccino per questo virus, anche perché subito dopo bisognerà occuparsi di cercarne uno contro le turbominchiate, con questi pseudofilosofi sovranisti dilaganti su tutti i canali esistenti.

In effetti c’è un altro virus che ci sta avvelenando oltre a quello cinese, e ci sta avvelenando da molto più tempo.

È anche più insidioso, perché quando ne siamo colpiti non ci accorgiamo, anzi pensiamo di star meglio.

Ed è anche un virus che fa molte, molte più vittime.

È il virus della “notizia falsa”, (quella che dai giornali e giornalisti informati viene definita “fake news” che fa tanto radical chic), della balla cosmica spacciata per verità, del complottismo.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Eurispes, la Shoah “non è mai avvenuta” per il 15,6 per cento degli italiani. Nel 2004, i negazionisti erano “solo” (comunque troppi) il 2,7.

Cos’è cambiato dal 2004 ad oggi?

È cambiato che l’informazione è passata dai tanto vituperati giornali, ai liberi, democraticissimi social, dove, come diceva Umberto Eco, l’opinione di un ubriaco vale come quella di un premio Nobel.

Ciascuno, sui social, non solo dice, ma assicura, giura, sentenzia.

Di solito è un anonimo, sicuramente un cialtrone acclarato, ma non importa, quello che viene scritto dalla mitica “gente” è sicuramente vero.

Così, oltre al 15,6 per cento di italiani certi che la Shoah sia un falso storico, abbiamo un 34 per cento di italiani che ritiene “giustificata” l’evasione fiscale, un 53,2 che ritiene insicura la propria città (che per carità, i furti in casa ci sono) per non pensare quanti siano convinti che l’uomo non è mai stato sulla Luna.

In questi giorni, a proposito di virus cinese, gira su WhatsApp un audio di un tale, con accento emiliano, che sostiene che “non vi stanno dicendo la verità”, che il virus “è stato prodotto nei laboratori militari”, che c’è un “paziente zero” che non risulta censito, (sarebbe quello che ha sparso il virus) e che “a Roma è atterrato un aereo pieno di malati gravi, ma hanno tenuto nascosto la notizia”.

Chi è questo signore che parla con tono tanto assertivo, tanto convincente, che spara numeri impressionanti con altrettanto impressionante precisione? Un anonimo.

Eppure molti gli credono, come credono sempre a tutto ciò che instilla il dubbio, su ogni fatto, di un complotto mondiale ordito per fregarci.

E così ci costruiamo un comodo alibi per i nostri fallimenti. È sempre colpa di qualcun altro.

E a proposito di complotti, visto che vengono sempre tirate in ballo le industrie farmaceutiche, ecco, speriamo che trovino un vaccino anche contro le turbominchiate.

I FILOSOFI DI MODA


I FILOSOFI DI MODA

Il filosofo Diego Fusaro (tanto di moda in questo momento, per la destra) sostiene che dietro le sardine ci sia “il vuoto assoluto e che le loro battaglie prive di sostanza, rappresentino la contestazione ideale che piace al potere e che ad esso giovi. Ecco perché il Pd, partito filobancario, le celebra”.

Un altro filosofo, un po’ più in età, Massimo Cacciari sostiene il contrario e propone addirittura a Zingaretti di aprire un congresso con le sardine.

Io, che filosofa non sono, ma che mi attengo a quello che vedo dico, sostengo e ribatto che: “opporsi al salvinismo è già un programma politico, il più forte, il più educativo. Non comprenderne la portata è il segno di quanto si sia abbassata l’intelligenza complessiva e di quanto sia inutile la polemica filosofica su queste sardine, improvvisamente, apparse in tutte le piazze.”

Mi meraviglio, o forse no, del filosofo giovane, che con i suoi ragionamenti sembra vivere al di fuori della realtà.

Ecco che cosa non vogliono le sardine: i bagliori di una guerra che Salvini ha voluto e ottenuto. In accordo con la nuova normativa fissata dal leader leghista, la questura di prato ha multato 21 cittadini accusati di aver causato un blocco stradale durante la manifestazione dei lavoratori di un piccola azienda che protestavano contro il lavoro nero e turni sterminati. Multe da mille a quattromila euro ciascuna. colpiti anche lavoratori di altre aziende scesi in piazza per solidarietà e un paio di studentesse accorse per lo stesso motivo. Si può continuare a rimproverare le sardine di non avere un programma politicamente fondato, ma è un gioco al massacro, fasullo come fake smentito dalla sua stessa premessa, perché, come è stato detto, opporsi al salvinismo è già un programma politico.

Lo voglia o no, signor Fusaro, le sardine esistono e gridano forte, anzi fortissimno, contro l’odio, il il razzismo, il fascismo e l’imbecillità di chi chiede i pieni poteri per governare e di chi fa multare lavoratori che scioperano per i loro diritti.

Si rassegni Fusaro, le sardine non hanno il vuoto dietro, non avranno mai un partito, ma hanno un’idea di società e di umanità che come filosofo di destra lei non comprenderà mai.

E hanno ragione da vendere.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: