È PROIBITO GIOCARE A PALLONE NEL CAMPETTO DELL’ORATORIO


È PROIBITO GIOCARE A PALLONE NEL CAMPETTO DELL’ORATORIO

Oratorio rumoroso, il Giudice chiude il campetto

Leggo su Avvenire l’articolo scritto da Alessandra Turrisi; un giudice a Palermo chiude il campetto dell’oratorio.

Alessandra spiega la vicenda. Alcuni inquilini di un edificio che si affaccia sul cortile parrocchiale presentano un ricorso lamentando un uso improprio di quello spazio e una situazione perenne di rumore intollerabile. Contestano i «raduni ludici e sportivi con l’impiego di molteplici palloni da gioco e impianti amplificatori durante molte ore del giorno».

Esito, il giudice va ben oltre le richieste dei ricorrenti e stabilisce che siamo davanti a una intollerabilità delle attività ricreative e ludiche» svolte dall’Oratorio e«vieta lo svolgimento di qualsiasi attività ludica o ricreativa che implichi l’impiego di palloni sugli spazi esterni della parrocchia e dell’oratorio in assenza di porte da gioco calcistico regolarmente munite di reti e distanti almeno un metro e mezzo dalle pareti dell’oratorio, in modo da evitare che le pallonate rimbalzino in modo rumorosissimo contro esse; di barriere perimetrali in gommapiuma»; «stabilisce che la pratica ludica sia limitata ad un solo sport per volta e con l’impiego di una sola palla; vieta l’utilizzo di impianti di amplificazione compreso il megafono»; il basket «una sola volta alla settimina per una durata non superiore ad un’ora» e una serie di altre limitazioni di orario.

Per ulteriori dettagli leggete l’intero articolo (https://www.avvenire.it/attualita/pagine/vietato-giocare-a-pallone-palermo-loratorio-si-ribella?fbclid=IwAR0ireubAydAwucdtR2MezxnFBz1OsmVptyMM6vhd1zsrw_wi1iuovzRHwk)

che spiega come non si tratti di un casi isolato e come stavolta, a pari delle altre, la cittadinanza si muova in protesta anche se gli esiti sono oscuri.

Chiaro è che siamo davanti a un dirittismo, quello degli inquilini, che si scontra contro il diritto del bambini di crescere in contesti di socializzazione tradizionale, basati su relazione reale. Difficile parlare di luoghi, di contesti generativi quando in casi come questi tutto si perde tra gli articoli di un codice.

Giovanni Paolo II ha definito gli oratori come, “Ponti tra la Chiesa e la strada”

Una metafora affascinane che può aprire a un’interpretazione laica e intensa. Un cortile animato è uno spazio che diventa luogo, che vive una funzione sociale, che riconnette i ragazzi con il contesto. E’ un luogo di impegno volontario con il suo carico di gratuità e dono. Per dirlo con il linguaggio di Fondazione Ebbene…è un Luogo di Prossimità, carico di quel bene relazionale difficile da quantificare ma di certo impatto sociale.

Già, sarà stato rumoroso, anche il megafono sarà risultato insopportabile alle orecchie di qualcuno, ma il fragore ha sempre il profumo della Vita.

Spero in una grande mobilitazione di buonsenso e una soluzione che tenga conto del diritto di ognuno, compreso quello dei ragazzi che chiedono di essere accompagnati nella loro crescita.

Ho un’altra personalissima idea del rumore, staremo a vedere.

8 Risposte

    1. Già,
      fin dove si può spingere il parere indiscutibile di un giudice?
      In questo caso a imporre il gioco limitato ad un solo sport per volta e con l’impiego di una sola palla.
      Comunque il rumore dei bambini che giocano non è rumore, ma come dice la giornalista, è Vita.
      Ciao Un abbraccio.

  1. Hai perfettamente ragione avrebbero dovuto dare delle regole e non proibire ai bambini di giocare. Un abbraccio anche a te.

    1. Il guaio è che, per questi bambini, non rimane che stare per strada, dove oggi non si impara più niente, non è più uno dei luoghi dove si capisce come è fatta la vita. Per strada non si incontrano gli altri.
      Grazie girosblog, un abbraccio.

      1. Il problema se stanno per strada rischiano di essere assoldati per affari loschi. Speradisole un abbraccio.

        1. Eh! sì, sì, spesso vengono assoldati dalla malavita. Proprio in quelle terre dove quel giudice ha preso questa decisione.
          Questi giudici dovrebbero leggere Don Milani, Don Primo Mazolari e darsi una mossa, capire i ragazzi e aiutarli e non buttarli per la strada.
          Ciao, un abbraccio a te.

  2. che dire di quando compri casa a basso prezzo perchè vicino ad attività produttive e poi si fa causa all’attività perchè rumorosa?
    Dalle mie parti con questo sistema hanno chiuso un altoforno e una fonderia!!!
    grazie giudici!

    1. Qui è in ballo l’ondeggiare della gente, che compra casa con poco, tuttavia sa bene che lì attorno c’è rumore, e poi si lamenta sapendo con certezza che un giudice darà loro ragione, nel caso di una denuncia. E così, come conseguenza, si mandano a casa persone che restano senza lavoro, lavotatori con famiglie da mantenere, ma i vicini dormiranno sonni tranquilli. La coscienza dell’uno o dell’altro dov’è?
      Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: