NOI NON ABBIAMO NIENTE DA SPARTIRE CON CHI HA BRINDATO ALLA SCONFITTA NEL REFERENDUM DEL 4 NOVEMBRE 2016.

NOI NON ABBIAMO NIENTE DA SPARTIRE CON CHI HA BRINDATO ALLA SCONFITTA NEL REFERENDUM DEL 4 NOVEMBRE 2016.

Europee che fare?

Probabilmente siamo fuori dal coro, ma desideriamo dire la nostra.

Dopo considerazioni tra noi, poche persone comunque, siamo giunti alla decisione che dare il nostro voto all’attuale Pd, sarebbe come indicare a questa dirigenza, che condividiamo quella che noi consideriamo invece una pericolosa deriva riguardo alle alleanze con i traditori.

Noi non abbiamo niente da spartire con chi ha brindato alla sconfitta nel referendum del 4 Novembre 2016.

Dobbiamo fermare subito questa infausta decisione, noi i traditori non li vogliamo al nostro fianco, vogliamo averli di fronte, per guardarli bene in faccia.

Per il bene del nostro paese e della sinistra, consideriamo che un pesante flop di questo Pd alle europee, farà cambiare rotta alla direzione e sarà un bene nell’ottica di un futuro risultato alle prossime elezioni politiche italiane.

Noi non siamo nessuno, contiamo poco ma non ci sentiamo obbligati, per spirito di appartenenza, ad osservare le scelte della dirigenza.

Ognuno di noi quindi deciderà se votare più Europa, oppure disertare il voto.

Annunci

Una Risposta

  1. Renzi, con la sua disciplina, sta dando una lezione ai sui colleghi su come si sta in un partito.
    A mio avviso, però, sta peccando di ingenuità politica.

    Pochi minuti fa, nella trasmissione di Corrado Augias, Quante Storie, alla domanda di Augias a Zagrebelsky, ospite della trasmissione, (Augias ha votato sì alla riforma costituzionale di Renzi), perché lui Zagrebelsky, abbia votato no.
    E lui ha risposto di aver votato no, convinto che vincessero i Sì. E che è rimasto di stucco quando ha visto i risultati, con la vittoria del no.
    La mia impressione è che questi cosiddetti maestri del nostro tempo, un po’ la facciano proprio fiuori dal vaso. Uno studioso, accademico, può rispondere in questo modo senza sembrare un sempliciotto?
    Come se uno camminasse per strada, e sapesse che dove sta mettendo i piedi c’è una buca, ci mette il pedi dentro comunque convinto che ci sia l’asfalto.
    Incredibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: