PER BATTERE I POPULISTI NON BASTANO LE CHIACCHIERE E NEMMENO LE MANIFESTAZIONI

PER BATTERE I POPULISTI NON BASTANO LE CHIACCHIERE E NEMMENO LE MANIFESTAZIONI

Sembra quasi impossibile che la gestione della cosa pubblica sia finita nelle mani di questa classe dirigente, gialla o verde poco importa.

Chiamarla “classe dirigente” è troppo, comunque sono lì e dettano leggi senza alcun riguardo per la buona creanza, per gli usi e per la prassi, e neppure per le forme istituzionali più basilari.

“Hanno vinto le elezioni, mica si sono comprati l’Italia!”

Chi si prende il potere non lo molla così, dicendo: “Va be’, ci abbiamo provato, adesso fate voi!”

Ma adesso l’opposizione (ammesso che ci sia), quali mezzi ha per uscire da questa situazione, insopportabile per tutte le persone di buon senso, per chi ha il senso dello Stato e del lavoro, della convivenza civile e del progresso?

In una democrazia l’unico mezzo ammesso è la vittoria elettorale, su questo non ci piove.

Banale, ovvio.

Ma alle elezioni bisogna arrivarci, e poi vincerle, altrimenti siamo punto e a capo.

Non basta sopravvivere, o anche fare un buon risultato, bisogna vincere.

O si vince e si governa davvero, o si perde e continuano a governare loro.

Ma esiste questa consapevolezza nel dibattito nel dibattito politico nel centrosinistra? No, altrimenti avrebbe un altro tono.

C’è solo un istinto di sopravvivenza, una tendenza a sfangarla, a posizionarsi in vista di future sconosciute evoluzioni, piuttosto che provare, con decisione, a ribaltare la situazione.

È difficile!

Ma se gli obbiettivi non sono chiari, non saranno chiare nemmeno le strategie.

Dovrebbero capirlo anche quelli che si crogiolano nel 3% o che sono soddisfatti da 2 o 3 punti in più, dal gusto di prendere un voto in più del vicino di banco.

Perdenti, sono perdenti senza speranza. Inutili e dannosi alla causa della rinascita del Paese.

La legge elettorale permette di presentarsi con un solo partito, o anche con due, forse tre, basta che siano comunque una squadra che fa gioco di squadra, e non un pollaio.

Serve un programma di minima, chiaro, comprensibile, non ideologico ma pragmatico, che vada incontro alle esigenze reali basilari delle persone reali, non alle fumisterie da talk show.

Serve un leader, riconoscibile e riconosciuto. Non sarà Renzi, ma ci sono tanti bravi presidenti di Regione, o Sindaci o Assessori che formano una ottima classe dirigente e quindi un leader che non sia oggetto di liti e incomprensioni, si dovrebbe trovare.

Possibile che non si riesca a produrre un progetto così?

Possibile, certo.

Infatti, stando alle notizie di cronaca che arrivano dal Pd, per le primarie, si stanno proponendo una serie di personaggi che sono lontani mille anni luce dalla possibilità di definirli Leader veri e credibili. Una vera miseria.

Ma allora bisogna smetterla di scandalizzarsi per Casalino, Di Maio, Toninelli, Salvini, Di Battista, Borghi, Berlusconi e tutto il circo Barnum.

Annunci

10 Risposte

  1. SE L’UOMO NON AVESSE CARATTERE, SAREBBE DIVERSO DALLE GALLINE CHE DALLA SERA ALLA MATTINA BECCANO A TESTA IN GIU’ ?

    1. Grazie cara amica collaboratrice,
      adesso il tuo commento è un articolo del blog.
      Un grande abbraccio.

  2. Per te quanto farà il PD alle europee?

    1. Credo stia attorno al 15-16% non di più.
      Purtroppo.
      Un saluto.

      1. Lo temo anch’io. Sdrammatizzo un po’ dicendoti che ho sfornato un nuovo post, molto ironico e autoironico… spero che ti strappi qualche sorriso! 🙂

        1. Grazie, vado subito a leggere.
          Ciao
          Un abbraccio.

  3. Quando il paese avra’ finito il volo nel precipizio, il popolo piangente potra’ raccogliersi

    silenziosamente sulla lapide di marmo, con incise sopra queste parole memorabili:

    ” «Se Bankitalia vuole un governo che non tocca la Fornero, la prossima volta si presenti alle elezioni con questo programma ”

    In futuro verranno tanti psicologi , psichiatri, a studiare il senso di queste parole.

    1. Carissima,
      ti rispondo con le parole di Giuseppe Turani
      “La Banca d’Italia non ha bisogno di candidarsi perché è indipendente: fa il suo lavoro e emette i suoi pareri (di solito richiesti e ben accetti). Se a Di Maio e ai suoi amici quei pareri non vanno bene, li contestino, discutano. In una democrazia si fa così.
      Ma non dicano “Si candidino alle elezioni”, questa è una battuta da cretini, che ignorano due secoli di costruzione dello Stato moderno”.
      Ecco con chi abbiamo a che fare!
      Un abbraccio carissima.

  4. un abbraccio anche a te

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: