Archivi del giorno: 5 settembre 2018

MA IL PROBLEMA DELLA SINISTRA È RENZI ED IL SUO DOCUMENTARIO SU FIRENZE

MA IL PROBLEMA DELLA SINISTRA È RENZI ED IL SUO DOCUMENTARIO SU FIRENZE. IN PIÙ TRASMESSO SULLE TV DI BERLUSCONI E, PER IL GIORNALE DI REGIME, “IL FATTO” TORNA A FAR POLITICA

Il problema della sinistra è che, a parte l’antiberlusconismo ad oltranza, con girotondi e farfalline e far emergere ed innamorarsi di gente come Travaglio, non è che abbia fatto gran cosa.

La stessa sinistra, bella, splendida splendente, dal pedegree puro e rosso, quella lì insomma, quella di Bersani ed i tacchini sui tetti, quella di Bersani che si erige a guida spirituale, dà consigli, ma nella sua carriera di segretario del Pd, ha sempre promosso maggioranze con il capo di Forza Italia (ha mai fatto un referendum fra gli iscritti a proposito?).

Nel 2013, ma anche nel 2011, quando Silvio Berlusconi dovette abbandonare Palazzo Chigi sull’onda delle fibrillazioni dei mercati finanziari e il Presidente della repubblica operò affinché nascesse un governo guidato da Mario Monti e appoggiato dal Pd e da Forza Italia.

Il Pd a guida bersaniana mica obiettò qualcosa? Ma va là!

Mica chiese che si andasse al voto, com’era giusto che fosse, dando la possibilità di far votare gli italiani per sconfiggere Berlusconi nelle urne, ma va là!

Sappiamo come finì.  B con la narrazione del complotto di palazzo, riuscì a quasi vincere nel 2013 e

Bersani ancora conta le macchie del giaguaro.

A Renzi, personalmente, sono grata di non aver ceduto a dialogare? Mettere lingua in bocca? Smucinarsi? Sussurrarsi con il Movimento, ha fatto bene e siccome penso che sia davvero un politico come si deve ha capito, prima di tutti, la vera natura di questi personaggi e penso che rispetti più degli altri la Democrazia, ne ha un concetto davvero alto: ha perso, si è dimesso ed ha detto: avete vinto? Bene, governate.

Il popolo ha creduto a tutte le storielle, le bufale e le promesse? Bene, adesso si assuma la sua responsabilità, ed io aggiungo che è la prima volta che sento un discorso così, sarebbe pure ora che gli italiani assumessero le conseguenze del voto, senza la rete di protezione, perché la rete qual era? Pd con Movimento? Ebbene no, peccato per quelli che avevano già preparato la rete.

Anche per questo, Grazie Renzi! Io mi sono sentita difesa dagli insulti, dall’odio che, giorno dopo giorno, il Movimento riversava e riversa a chi vota Pd.

Solo per quegli insulti, per quell’odio, mai capirò chi si dice di sinistra e poi li ha votati, se la sinistra è davvero così allora preferisco magari essere più al centro, ma mai potrei votare per gente che è contro la scienza, contro i vaccini, con un leader che dice che l’AIDS è una invenzione, con gente che vuole sostituire il parlamento con un blog.

La storia che il Pd doveva dialogare è per chi crede agli asini che volano.

Il Movimento, le prove tecniche di lingua in bocca con la lega, le ha fatte da un bel pezzo, in parlamento europeo sono alleati con Farage, allora basta con la favoletta che c’è un poco di sinistra lì dentro. Bene, sono CAXXi di quelli di sinistra che li hanno votati, adesso assumano in coscienza di averli votati e vederli mano per mano con Salvini, troppo comodo, fare come i piccioni, sca…zzare e chiamare il Pd per pulire la coscienza di quelli che volevano mandare messaggi: sì ma Renzi è despotico, Renzi è deriva autoritaria, il Pd non è più di sinistra.

Infatti il PD dovrebbe davvero essere un partito di centro sinistra, e la sinistra rossa rossa, si crei un partito, un movimento, un qualcosa se riesca a non scindersi dopo 5 minuti, si proponga al popolo e si faccia votare.

Per quanto riguarda Renzi, spero, farà quello che vuole, senza dover rendere conto a nessuno: vuole fare conferenze? Bene, vuole fare documentari? Bene, e se li passa la tv berlusconiana, non vedo cosa ci sia di male (a proposito, La sinistra non ha mai fatto una legge sul conflitto di interessi, colpa di Renzi pure questo?).

Di Battista il rivoluzionario che tutto il mondo ci invidia, scrive libri e sono pubblicati da Mondadori, che appartiene a Berlusconi, dicendo che gli è stata lasciata ampia libertà.

Ma il problema è Renzi ed il suo documentario su Firenze. eh vuoi mettere? in più trasmesso sulle tv di Berlusconi!

Questi sì che sono argomenti di sinistra!

(Bonjour Tristesse)

Un’amica carissima ci ha fatto dono di un bellissimo e originale commento che pubblichiamo con piacere.

Annunci