DI MAIO È PEGGIO DI SALVINI. CI METTERÀ IN MUTANDE

DI MAIO È PEGGIO DI SALVINI. CI METTERÀ IN MUTANDE

In due giorni, prima sul commercio estero e poi sul decreto dignità, il ministro incompetente, che non aveva capito le relazioni tecniche che gli avevano scritto, scoperto con le mani nella marmellata, piagnucola al complotto e minaccia di licenziare i tecnici dello Stato.

Soprattutto il Presidente dell’Inps, Boeri, che ha avuto la faccia tosta e l’arroganza di non essere d’accordo con questo governo e di dimostrare, numeri alla mano, le conseguenze di questo decreto “dignità” che fa perdere tanta dignità alle persone, il lavoro, sia pure precario, ma sempre di lavoro si tratta.

Una cosa inaudita, mai vista, irresponsabile e nefasta. Persino una meschina lite tra ministeri.

Anche un bambino capisce che penalizzare il rinnovo dei contratti a termine, con causali e costi aggiuntivi per le imprese, equivale a tagliarli, interromperli e trasformarli in disoccupazione.

La stima è di 8.000 posti in meno ogni anno, che si aggiungono ai tanti disoccupati già presenti.

Del resto, lo riconosce implicitamente Di Maio, somaro com’è, quando replica che alla penalizzazione dei contratti a termine, “compenseranno”, con un incentivo, alle assunzioni a tempo indeterminato.

Quindi è vero: si sono accorti che penalizzando i contratti a termine, senza una compensazione, sarebbe un disastro, una falcidia, la creazione diretta, “attiva” di disoccupati ad opera di un governo.

Ma la “compensazione” è un’altra falsità, bugia, cialtroneria di Di Maio: non c’è nel decreto dignità.

Ne parlano ora, solo dopo che l’ha proposta, onore al merito, Berlusconi.

E, nella spiegazione di Di Maio, la “compensazione” è una beffa, una truffa, una presa per i fondelli: l’impresa che non annulla il contratto a termine, semplicemente, recupera la penalizzazione, vale a dire lo 0,5 % di contributo aggiuntivo in caso di rinnovo.

Un raggiro.

In tutto questo la condotta delle opposizioni è ben distinta.

Mentre Forza Italia ribadisce che le misure di Di Maio sono “disastrose e da cambiare”, il Pd tace.

Anzi, per sperare di aprire contraddizioni tra Lega e Cinque Stelle, come sognano Martina, Orlando, Damiano, Camusso e Landini, non solo strizzano l’occhio a Di Maio ma, addirittura promettono di sostenere il “ministro della disoccupazione”, peggiorando il suo decreto dignità nelle sue parti restrittive dei contratti a termine e aggiungendo dirigismo, ostacoli burocratici e penalizzazioni al rinnovo dei contratti a termine.

Il contrario di Forza Italia.

Quella del Pd è una condotta immorale e idiota.

Sta screditando e consumando l’eredità più positiva, meritevole e riconosciuta anche dai numeri, della politica del governo Renzi: il Job act e l’aumento dell’occupazione giovanile.

E solo per strizzare l’occhio ai 5 Stelle e offrire sostegno a questi incompetenti.

Ma possiamo aspettare il congresso per rovesciare questa linea “filo cinque Stelle” ?

Cari Renzi, caro Calenda e cari “riformisti” del Pd: con questa linea e questa segreteria al congresso il Pd ci arriverà morto.

E con lui anche voi.

Smentite Martina e la Cgil.

Rivoltatevi annunciando l’opposizione in Parlamento, senza quartiere, alle nefandezze dei 5 Stelle.

Tutte.

Di Maio è peggio di Salvini. Ci metterà in mutande.

Vuole imitare Trump. Gli hanno detto che un sovranista mette i dazi. E così, lui che invidia Salvini e vuole apparire più sovranista del Salvini.

Magari sognando una comune battaglia contro il “liberismo”, come straparla l’altro dottò, il Zingaretti candidato.

Gesu’…..Ci resta solo la Confindustria a stoppare il festival degli ignoranti.

 

 

Annunci

6 Risposte

  1. “Ci resta solo la Confindustria a stoppare il festival degli ignoranti”! Già, la stessa che scrisse quel gran bel capolavoro del Jobs Act allo sborone di rignano il quale, non contento, pure l’art. 18 cancellò! Ora, se reintrodurre la schiavitù significa eliminare la disoccupazione, lo credono solo coloro che con il vecchio potere sono collusi oppure hanno rinunciato a riflettere.

    1. Mi dispiace, cara signora, che abbia preso una frase che esprime totale sconforto, per una cosa sentita. E’ solo per dire: ma come siamo finiti!
      Se lei crede che il lavoro anche precario, sia una schiavitù, debbo dirle che tutto il lavoro, se così considerato, diventa schiavitù. Solo per il fatto che si deve ubbidire ad un padrone.
      Il lavoro è dignità quando viene pagato e riconosciuto. In qualunque modo.
      Diventa schiavitù quando si lavora in nero e si fa guadagnare assai il padrone. Quello è anche sfruttamento.
      Un saluto.

  2. il PD ed io,riflessioni….
    ce la metto tutta ,serenamente mi dico che vabbé, dai, su, é un passaggio negativo,
    si deve sperare che con tutte le intelligenze che si ritrova , qualcosa si combinera’( flash! paralizzante dentro il mio cervello, vertigini, nausea, smarrimento) poi la realta’ riprende il suo corso.
    Ma quale? quello dei Martina Cuperlo e Franceschini? il trio lescano che fa da coretto ai pentacosi? con Emiliano e Boccia che danzano tarantelle ?
    naaaaaaa, che opposizione puo’ venire da certa gente? ridicoli, semplicemente ridicoli e mica ci vuole uno scienziato per dirlo, no, il ridicolo per fortuna non uccide nessuno, senno’ li dentro uhhh! hai voglia! bisognerebbe erigere un monumento ai caduti del ridicolo, con una lapide a futura memoria: ” dopo anni e anni di duro ed eroico lavorio dietro le quinte, , furono annientati dal ridicolo che non videro venire, mai.”
    Aspetto fiduciosa la nascita di un altro soggetto politico, penso che quando la sbronza carnevalesca finira’, staremo talmente male economicamente, che ci vorranno cervelli che funzionano per farci trovare l’uscita dal labirinto comico e tragico nel quale il POPOLO italiano é entrato contento e felice, con una mascherina e un pugno di coriandoli….

    1. Diceva Gramsci: quando muore il vecchio, il nuovo non nasce.
      E nel caso attuale, il Pd com’è stato sognato, è davvero morto. Non arriverà nemmeno al congresso. Con la nuova segreteria un buon 10% se ne sta andando, diventato come me, apolide politicamente.
      Ma il peggio è che non se ne accorgono. O fanno finta.
      Per esempio: come farà andare d’accordo la Bellanova con Boccia. Una che è per il progresso e l’altro che invece vuole dire di no a tutto (no Ilva, no Tap) e vuole correre dietro al grillismo?
      Si dice che bisogna dare voce a tutti, perfetto, ma il risultato è che tutti vorranno comandare e per dare ragione a tutti, non si fa niente, si vivacchia.
      Che bello dirà qualcuno (i fuoriusciti), è tornato il caminetto.
      Ciao carissima, un grande abbraccio.

  3. Un consiglio Spera…..vai in ferie ne hai bisogno!

    1. Tu dici?
      Può darsi.
      Grazie di prenderti cura della mia salute.
      Sai un amico, anche come te, non è mai male.
      Ciao. Buone vacanze anche a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: