LA NOIA CI ASSALE

LA NOIA CI ASSALE

Stiamo vivendo un periodo di tempo politico, in cui ci assale la noia.

Tutto è prevedibile.

Le battute al fulmicotone di Salvini che stoppano qualsiasi discussione e soprattutto qualsiasi voglia di controbattere, fanno venire il latte alle ginocchia tanto sono stupide, ripetitive e gelide.

La noiosa tiritera di Di Maio ansioso di abbattere qualsiasi cosa fatta dal governo precedente, anche se è costretto a percorrere la stessa strada, perché le idee originali gli mancano.

I vaccini sì, i vaccini no. Una vera solfa infinita.

Lo stereotipato e autolesionista atteggiamento del Pd. I capi o reggenti o chiunque sia dalle parti delle sedi romane di comando, come sempre, si ammazzano tra di loro, ignorando totalmente quella che loro stessi chiamano: la base. La base di che? Non si sa, visto che non la conoscono.

E Fico cosa fa Fico, cosa dice? Si divide dagli altri pentacosi? Questa è un’attrazione che ci affascina così tanto che alla fine abbiamo gli occhi strabici.

La punzecchiatura noiosissima, quotidiana, di Travaglio, a Renzi. Se non lo fa non dorme per una settimana per inventare che cosa poter dire di “originale”.

Tutto prevedibile, tutto già detto, tutto noioso fino allo sfinimento.

Ma forza è coraggio, non tutto è noioso, resta la curiosità di sapere se i 49 milioni incassati dalla lega ladrona, saranno restituiti. Ecco una notizia che non è una notizia.

Persino i nostri post sono diventati noiosi. Ne leggiamo solo il titolo e siamo sicuri di conoscerne già il contenuto.

Quant’è vecchia questa gente che sembra avere facce giovani.

Quant’è povera di idee la classe che si dice “dirigente”.

Quant’è diventato povero questo paese.

Forse non solo la noia, ma anche lo schifo.

http://www.unionesarda.it/articolo/politica_italiana/2018/07/05/di-maio-sbloccati-280-milioni-per-i-centri-per-l-impiego-il-pd-fo-1-746484.html

Ecco.  Vantarsi di fare cose già predisposte da chi c’era prima è davvero miseria mentale, ma soprattutto ipocrisia.

“I 235 milioni che Luigi Di Maio si vanta di aver destinato ai centri per l’impiego non sono altro che i fondi destinati alle regioni dalla legge di bilancio 2018, grazie a un emendamento a prima firma Gribaudo e al governo a guida Pd, che ha previsto la distribuzione tra le regioni già a gennaio di quest’anno. Di Maio finge ancora di portare a casa grandi risultati mentre sta solo usando la buona eredità del centrosinistra”, hanno dichiarato la Deborah Serracchiani e la vice capogruppo Pd alla Camera Chiara Gribaudo.

(Unioneonline/L)

Solo che il Pd non sbandierava le cose fatte come questo ipocrita. Oppure le gente non voleva ascoltare, mentre ascolta questa marionetta di Casaleggio.  Incredibile ma questo paese è diventato così, stravolto dalla ipocrisia.

 

 

Annunci

2 Risposte

  1. La noia ci assale e soprattutto, ci ingrassa… ricopre i cervelli di una specie di grasso appiccicoso che impedisce di pensare, riflettere, di sognare soluzioni…
    uno stato di torpore, come quando si sta al calduccio allungati sul divano, sotto un plaid in una giornata d’inverno mentre fuori fa freddo.
    Mezzi addormentati, cervello in pausa… ogni tanto arrivano urla isteriche: ruspaaaaaaaaa! vitaliziiiiiiiiii!!!! honestahhhhhhhhh!!!! che ci fanno aprire gli occhi, appena appena, ci si guarda attorno mentre una goccia di saliva rotola come una perla al lato della bocca, ci si asciuga e si ritorna nel torpore, contenti e soddisfatti, sognando le vacanze, i nuovi telefoni ultra moderni da comprare, quale costume da bagno indossare per le prossime vacanze al mare, zzzzzzzzz……. si risprofonda nel torpore, tutto bene, la coscienza tranquilla, ogni tanto riemergono scene di strani bambolotti che galleggiano , ma va? non erano bambolotti? ma dai su! si che erano tanti ciccibelli di plastica…zzzzzzzzzzz….. e poi la nave va, ma quello non era un film? boh…zzzzzzzzz….
    ci si rimette comodi ci rituffiamo in un sonno profondo ma ad un certo punto, sentiamo arrivare frasi fatte e quotidiane , urlate: Renzi ebete! Renzi di destra! Renzi qua, Renzi la! il padre, la madre, i cugini, gli zii, i bidoni della spazzatura di Renzi, et d’un tratto, il grasso che copre il cervello, per un attimo si scioglie, diventa meno compatto, lasciando qualche spazio per ossigenare qualche zona cerebrale, ci si mette seduti, orecchie ben aperte, la gocciolina di saliva si é trasformata in bava,
    si scaraventa il plaid si prende una tastiera qualunque, quella che c’é sottomano, una vale l’altra e in stato di trance, dagli allo sfogatoio quotidiano!
    Ma quanto siamo bravi va! ci si sente importanti, proprio come i giornalisti e intellettuali veri, che pure loro Renzi di qua e Renzi di la!
    ci si sente degni del mitico Travaglio ( che noia mortale, sono piu’ di trant’anni che si ripete sempre uguale *) ma per capirlo ci vorrebbe meno grasso nel cervello…
    Poi, piano piano, il sonno ci riprende, lasciamo le tastiere, che stanchezza l’odio quotidiano, ci spossa, ci intorpidisce le dita va!
    no il cervello no, quello é gia’ andato nel sonno grassosso e coccoloso che ci fa sentire tanto belli, bravi, in pace con noi stessi, una pace fatta di ciccibelli e navi, di ruspe e 49 milioni di ragioni di
    non riuscire piu’ a passare davanti ad uno specchio per non aver paura…..

    *( ma quella non era era una canzone? boh…)

    “Il est des gens qui semblent nés pour engraisser l’ennui. ”
    Citation de Anne Barratin ; De toutes les paroisses (1913)

    1. Grazie, carrissima,
      per i tuoi commenti originali e per l’allegria che trasmetti.
      Hai ragione, la citazione è giusta “Ci sono persone nate per ingrassare la noia” , azzeccatissima.
      Quando si vede apparire Salvini in Tv, facile visto che c’è sempre, poi chiudere l’audio e sai già cosa dice. E appunto la noia assale. E tutto sa di vecchiume.
      E’ apparso come una novità vecchia di anni (da almeno 40 anni la lega è sulla piazza politica), e ha solo dato la stura alla paura che il nostro paese ha sempre avuto fin dai tempi dei tempi. L’abbiamo nel sangue.
      Anche la paura del Galli. Ti ricordi? Già proprio degli antenati dei Francesi.
      Vicino a me c’è un antico villaggio dei Galli Boi. Ben conservato per quanto si possa conservare di allora, ed hanno lasciato una bellissima razza di persone con i capelli rossi.
      Ma ora è il tempo degli africani, quegli africani che il mondo occidentale ha sempre, e da sempre reso schiavo. Forse non li si vede come persone vere.
      Per tornare alla noia, mi riesce difficile sopportare la faccia e le parole o le frecciatine del Travaglio. Ho l’impressione che sia una persona infida, che covi l’odio più di chiunque altro e soprattutto l’odio contro chi è vincente. Non odia Di Maio, anzi lo adora, proprio perché dà l’idea di un bambinello, poverino, che abbia bisogno di affetto.
      Poi Renzi, sì, proprio lui che quando appare, sembra esplodere e finalmente ci sveglia un po’.
      Prende mazzate da tutte le parti, ma penso che abbia dalla sua parte l’età ed un coraggio da leoni. Verrà di nuovo il suo tempo, quando questo noiosissimo Pd, con la sua classe dirigente scombinata, non ci sarà più.
      Nell’attesa dei 49 milioni della lega e della fine della sua noiosa tiritera (che dura da oltre 10 anni), speriamo in qualche fulmine di novità.
      Non si sa mai, a volte siamo un popolo sorprendente, ma anche tanto prevedibile.
      Un abbraccio grande carissima.
      E buone vacanze se la fai, ma anche se stai a casa.
      Di nuovo un grande abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: