Archivi del giorno: 16 settembre 2017

TEMA N. 1

 TEMA N.1

Mi piace molto sbirciare nei quaderni dei miei ragazzi che frequentano le scuole. Sono buoni ragazzi, e me lo lasciano fare, anche perché non sollevo mai critiche, non mi piace, e non pretendo di fare io l’insegnate, e poi perché mi vogliono un bene profondo.

Il libro dei “temi” o di “Italiano” come si dice, di una mia nipote che frequenta la terza superiore, mi è piaciuto moltissimo. Vi ho trovato  alcuni Temi dettati dal suo insegnante, molto, ma molto interessanti e belli. Ho copiato pochi titoli (e solo i titoli) che, uno alla volta vorrei scrivere nel blog e provare a svolgerli io. Non so se sono capace e se nello svolgimento prenderei la sufficienza. E’ troppo grande la distanza che mi separa dalla scuola ora, che non so giudicare, ma gli argomenti proposti da questo professore mi sono parsi veramente attuali.

Tema n. 1

NELLA SOCIETA’ MODERNA, C’E’ ANCORA SPAZIO PER IL RISPETTO DEGLI ALTRI? VALUTA LA QUESTIONE IN SENSO GENERALE E ILLUSTRA, COMMENTA, RELATIVAMENTE AL TUO MONDO E ALLA TUA ESPERIENZA

C’ho provato, ma non è semplice. Mi son sentita un po’ impacciata, preferisco scrivere a ruota libera, come mi viene spontaneo e non svolgere un tema preciso. Comunque ho tentato e, per cortesia, non datemi il voto, non voglio rischiare l’insufficienza.

Il rispetto verso le altre persone è fondamentale per una convivenza civile, così come il rispetto delle leggi.

Spesso, forse troppo, non gli si dà la giusta importanza. Soprattutto nel mondo giovanile, dove ci si sente più spavaldi probabilmente diminuisce sempre di più il rispetto verso gl’altri e tutto ciò che li riguarda.

Per fortuna i comportamenti un po’ irrispettosi dei giovani si imitano soltanto a prese in giro a cui, forse, non bisognerebbe dare troppo peso, ma che possono suonare come un campanello d’allarme, per un loro comportamento futuro.

Per fortuna non vanno oltre questo, poiché è presente anche una sana paura nelle conseguenze di eventuali azioni più gravi.

Questi comportamenti si manifestano emulando, magari, le gesta dei genitori, irrispettosi loro e perciò incapaci di educare nel modo corretto i figli.

Questi atteggiamenti sono presenti, in modo più frequente, nelle persone di ceto che ha una scarsa cultura personale.

Tuttavia sono persone che ritengono di dover ricevere rispetto, ma non sono disposte a darlo e si scontrano spesso fra loro.

Votano persone secondo i loro standard autorevoli, ma che in realtà si comportano come loro.

Senza un esempio da seguire, il paese va sempre più verso l’imbarbarimento.

Personalmente ho conosciuto persone secondo cui il rispetto è solo un optional. Queste persone, anche non più giovani, soprattutto nei paesini dove ho abitato, si divertivano a prendere in giro la gente, o i vicini, magari mimandone i difetti, o nel caso di malattie come la “zoppia” mimandone il modo di camminare. Facevano ridere, ma era una grande mancanza di rispetto verso chi stava peggio.

Alcuni assumevano comportamenti violenti e maneschi, non avevano alcun rispetto per le cose altrui.

Si prendevano continuamenti gioco delle persone con più potere di loro facendo poi i santi davanti alle stesse persone.

Secondo me questo è un chiaro segnale che nella nostra società contemporanea il rispetto verso gli altri sta scomparendo a vantaggio dall’arroganza e della furbizia”

Fine.

 

Annunci