SCELTE

Nuova auroraSCELTE

Scelgo di vivere per scelta, e non per caso.
Scelgo di fare dei cambiamenti, anziché avere delle scuse.
Scelgo di essere motivato, non manipolato.
Scelgo di essere utile, non usato.
Scelgo l’autostima, non l’autocommiserazione.
Scelgo di eccellere, non di competere.
Scelgo di ascoltare la voce interiore, e non l’opinione casuale della gente.

(Eileen Caddy, dal libro: Dieci passi per aprirsi all’amore).

Annunci

5 Risposte

  1. Come parole di polvere |Rispondi

    Che bello…si. anch’io scelgo💚

    1. Non è sempre facile. Ma è un ottima prospettiva.

      1. Come parole di polvere |Rispondi

        Esatto. Ci si prova ogni volta😙

  2. E se scelgo di fare dei cambiamenti, voglio cambiare in meglio e mai in peggio…una legge elettorale con la quale i partiti scelgono i deputati non sarebbe un cambiamento, puzza troppo di vecchio(stantio) ci farebbe trovare in Parlamento i Formigoni vari e non sarebbe rappresentativo di chi vuole votare i propri parlamentari…pensala come vuoi Spera..ma Renzi prima se ne va dal PD meglio è per tutti ( per l’Italia intera) è troppo ammanicato con un pregiudicato che ha rovinato l’Italia per i prossimi 50 anni! Io non lo voterei manco dopo morto, non voglio fare l’errore fatto in passato (mi ero fidato)!!!

    1. Purtroppo c’era una legge elettorale che consentiva di non fare alleanze innaturali. E’ stata bocciata, in primis dai grilli e da quelli che oggi gridano all’inciucio.
      In quanto a Renzi, per fortuna che c’è, è questo che io penso e che credo.
      Il Pd è un partito che ragiona in termini di bene del paese, lo si voleva fare, questo benedetto bene, ma la nostalgia, la paura dell’uomo solo, la miseria di una politica delle proprie tasche (basta arrivare al 2% e sei a cavallo) hanno contribuito a fare tutto questo can can. Andremo a votare sì, ma non sapremo mai “prima” chi sta con chi.
      Brutta cosa.
      E ti assicuro che Renzi non vuole fare e non farà mai il presidente del Consiglio, sotto l’arpione di Berlusconi. E meno male.
      Ma tutto questo, caro Mario, l’ha voluto il popolo del no, quello che in tre mesi faceva le riforme e la legge elettorale. Si è visto.
      Ed è inutile recriminare, l’unica soluzione è dare man forte al partito più grande in grado di arginare l’ignoranza,l’improvvisazione e il ritorno delle mummie.
      Auguri Mario. Davanti alla scheda elettorale, bisogna pesare bene tutte le conseguenze, prima di mettere un croce, a caso.
      Una breve postilla, così tra le tante:
      La Bindi critica la legge elettorale.
      È no cara Rosy.
      Questo lo posso fare io che ho votato SÌ al referendum.
      Non quelli, come te che hanno votato No e portato il paese in questo pantano.
      Un abbraccio. Spera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: