Archivi del giorno: 4 giugno 2017

OTEL BRUNI

OTEL BRUNI

Cito una frase per riproporre la grandezza di uno dei personaggi che maggiormente prende: “Certo che ti conosco, sei uno che si guadagna da vivere lavorando, sei stato perseguitato perché ti sei comportato da uomo libero, sei stato ferito in una guerra che non hai voluto ma che hai combattuto da uomo, con coraggio, e ti chiami Raffaele. Non mi serve sapere altro di te.” Poche e chiare parole per presentare le credenziali essenziali con cui giudicare un uomo.

Questo libro che lo scrittore modenese Valerio Massimo Manfredi, ha pubblicato nel 2011, è diverso dai tanti che ha scritto, molti dei quali imperniati sulla storia romana, su quella greca e sulle civiltà scomparse.

È una narrazione, quella raccontata nel libro “Otel Bruni”, che l’autore colloca nel tempo tra le due guerre mondiali (1914 e 1945), e nello spazio nelle campagne emiliane, nei pressi di Modena, tra Modena e Bologna. I paesi sono chiamati col loro nome per cui il lettore che abita o ha abitato da quelle parti, o molto vicino, come me, conosce bene quella terra, quelle campagne e quei fondi lavorati a mezzadria.

Bello, bello ed emozionante. 35 anni di storia italiana del ‘900 dalla prima alla seconda guerra mondiale, visti attraverso gli occhi di una famiglia che conosce gli orrori e la miseria delle due guerre, l’odio fratricida della guerra civile.

I protagonisti sono i componenti della famiglia Bruni, una famiglia numerosa di contadini, che con fatica lavora i campi perché diano i loro frutti per il notaio bolognese che ne è il proprietario.

Come quasi tutte le case coloniche della zona, sono composte da una casa abitativa, una cascina ed una stalla. La stalla dei Bruni, è piuttosto grande (dieci paia di buoi e un toro) che funziona anche  da albergo per i pellegrini,  ed è un posto caldo dove trascorrere le lunghe veglie invernali e ascoltare meravigliose storie.

Sorprendente e bellissimo è stato trovare alcune espressioni popolari, che anche a me sono molto famigliari e che richiamano una vita semplice e modesta di un tempo.

Espressioni che mi hanno commosso, perché derivanti dal modo di parlare di quei posti e che ancora si possono sentire pronunciare dalle persone più anziane. Ecco alcuni esempi tra i tanti:

“Tener da conto”, quando ci si tiene ad una cosa cara, fosse pure un calessino.

“Mettere a letto il prete con la suora” per scaldare le lenzuola d’inverno.

“Vivere in capo ad un mese”, quando qualcuno non aveva una grande aspettativa di vita.

“Tirar di lungo” quando non ci si fermava davanti ad una casa, o a un’osteria, o a una chiesa, ecc.

“Dormire sul paglione”, un materasso fatto con la paglia o le foglie di granoturco.

“Dovete stare a sapere”, quando si comincia una storia.

Quanto il fidanzato si presentava ai genitori della ragazza: “Entrava in casa”.

“Fare gabanella”, il riposo pomeridiano estivo.

“Il Landini da cinquanta cavalli”, il primo mitico trattore che finalmente veniva comprato per sostituire i buoi nei lavori dei campi.

Ma lo scrittore, nel suo racconto, mette in evidenza anche un dato importante: la mancanza di cultura che non porta mai al progresso e al miglioramento delle condizioni di vita e al riscatto dalla sudditanza padronale.

In due casi la famiglia Bruni poteva riscattarsi e cambiare vita.

Una prima vola, quando “la Clerice”, reggitrice della casa e madre di tanti figli, riceve una lettera da un notaio di Genova in cui si legge che “aveva ereditato”, ma non si specifica cosa abbia ereditato. La famiglia riunita per l’occasione, rifiuta, non vuole che la mamma vada a Genova, perché comporterebbe spese, imprevisti, difficoltà di viaggio, come prendere il treno. L’unico che vorrebbe invece che si ereditasse è il figlio Raffaele, detto “Floti”, ma è in minoranza ed è anche l’unico che sappia leggere correttamente. Occasione persa, perché dopo un anno si viene a sapere che il tutto era stato incamerato dall’Erario.

Una seconda occasione di riscatto si presenta alla famiglia Bruni, con la morte del vecchio notaio. I figli non vogliono saperne di coltivare terre e sono disposti a vendere ai Bruni il loro fondo, ad un prezzo favorevole. Comunque i soldi chiesti sono sempre molti, e i figli preferiscono rimanere come sono, piuttosto che fare debiti. Prevale anche questa volta la paura dell’ignoto e non tengono conto che, mentre portavano al vecchio notaio 20 carri carichi di sacchi di grano, questi venti carri avrebbero potuto essere tutti per loro e sarebbero stati sufficienti a pagare il debito, anno dopo anno.

Un ministro di un tempo, non troppo lontano, aveva detto che “con la cultura non si mangia”, ebbene, è proprio tutto il contrario. È la mancanza di cultura a consentire che la vita delle persone, continui ad essere grama, difficile e non possa migliorare per riscattarsi da una umiliante sudditanza.

Annunci