I FRANCESCANI DISTRATTI

I FRANCESCANI DISTRATTI

Per alcuni la prospettiva di passare la vita al bar, seduto a riempirsi di birra, è un’ottima soluzione a tutti i problemi.
Tanto ogni mese arriva il reddito di cittadinanza.
La fatica di cercarsi un lavoro viene risparmiata.
La vita scorre serena, perché ci sarà chi paga per loro.
Forse i pensionati che si permettono di prendere mensilmente più di 800 euro.
Ci sarà chi paga per avere scuole e ospedali per tutti, ci sarà chi paga, per pulire le strade e illuminarle, ci sarà chi pensa a mettere in carcere i delinquenti, e ci sarà chi procurerà loro una casa e tutti i comodi possibili.
Ma a pagare non saranno i ricchi, coloro che hanno la possibilità di mettere al sicuro i loro soldi, come ha fatto grillo, saranno coloro che, avendo seriamente lavorato, ora prendono un po’ di pensione.
Non saranno neppure i parlamentari grillini che parlano di francescanesimo senza sapere cosa sia veramente.
Credo che San Francesco sentendo parlare grillo in quel modo non stia bene nella sua tomba.
Soprattutto quando dice: “Siamo noi i francescani di oggi”, mentre rutta il gintonic su un sofà piazzato in una terrazza, delle sue, fronte mare e con l’altra mano controlla il conto di una delle sue banche. Mai averne una sola. Le banche ci mettono niente a fottere i francescani distratti.
Annunci

Una Risposta

  1. mattia feltri

    Siccome in natura e quindi anche in politica nulla si crea e nulla si distrugge, non c’è niente di strano né di nuovo nell’ispirazione che Beppe Grillo conta di trarre da San Francesco d’Assisi. E gli sembrerà straordinariamente rivoluzionario, come tutto ciò che gli passa per la testa, senza verificare che non sia già passato per la testa di altri. E che teste. Silvio Berlusconi diceva che «il ruolo dell’Italia si colloca nell’eredità religiosa di San Francesco»; Gianfranco Fini trovava molto francescana la guerra all’Iraq perché «San Francesco non condannò l’uso delle armi per legittima difesa»; Sandro Bondi si sentiva affratellato a Fausto Bertinotti «nel nome di San Francesco»; Piero Fassino affrontava il dovere quotidiano «col conforto del ricordo di San Francesco»; Pierferdinando Casini contava di rifarsi alla fede di San Francesco «nella ricerca del bene comune»; Massimo D’Alema lo citò ad Assisi come impegno personale (un po’ disatteso), «non dobbiamo crederci il centro del mondo»; Umberto Bossi scrisse sulla Padania che la vita di San Francesco ormai guidava più la Lega che il Vaticano; Mario Monti riteneva San Francesco modernissimo, «e deve diventare l’esempio del mondo di oggi»; Giorgio Napolitano intendeva «riaffermare i valori di San Francesco nel mondo». In fondo per un politico indicare San Francesco per modello è come per un giornalista indicare Indro Montanelli e per un magistrato Giovanni Falcone: un bel modo di cavarsela quando non si sa più a che santo votarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: