ALFABETO GRILLINO

ALFABETO GRILLINO

In ordine alfabetico ecco cosa dicevano e cosa hanno davvero fatto i grillini da quando sono entrati in politica

A come Avviso di garanzia. All’inizio della loro esperienza amministrativa, il M5S chiedeva le dimissioni per chiunque fosse coinvolto – anche solo sfiorato – in un’ipotesi di reato. E lo faceva al grido di ‘onestà’ tutte le volte che vedeva un politico iscritto nel registro degli indagati. Dopo le vicende romane tra avvisi di garanzia e arresti, il M5S invece cambia linea. E nel nuovo codice per gli eletti c’è una vera e propria svolta garantista affermando che non c’è necessariamente gravità in caso di avviso di garanzia, né tantomeno l’espulsione. Insomma, prima di far dimettere un amministratore a cinquestelle, prima di espellerlo dal Movimento, bisognerà valutare il caso. Un compito che spetta a Beppe Grillo, al Collegio dei probiviri, oppure al Comitato d’appello. Eppure emerge come già da tempo, al suo interno, il Movimento ha iniziato a fare distinzioni tra indagati buoni (Filippo Nogarin a Livorno) e indagati cattivi (Federico Pizzarotti a Parma) e le parole scritte sul nuovo codice etico stridono con una prassi che ha visto i più importanti esponenti pentastellati invocare le dimissioni di qualunque avversario politico fosse anche solo vicino per parentela a un indagato.

B come Blog. E’ diventato un caso la pubblicazione da parte del Tesoriere Pd Francesco Bonifazi della memoria difensiva presentata dagli avvocati di Beppe Grillo in una causa per diffamazione. Beppe Grillo non è proprietario del suo blog. Anzi, di più, il comico “non è responsabile, né gestore, né moderatore, né direttore, né provider, né titolare del dominio, del Blog, né degli account Twitter, né dei Tweet e non ha alcun potere di direzione né di controllo sul Blog, né sugli account Twitter, né sui tweet e tanto meno su ciò che ivi viene postato”. Insomma nel documento, sintetizzando ironicamente, emerge che il Blog di Beppe Grillo non è di Beppe Grillo e che lui non ne è responsabile. Eppure nell’atto costitutivo del M5S si legge che Beppe Grillo è il “titolare effettivo del blog raggiungibile all’indirizzo http://www.beppegrillo.it”. A questo punto ci si chiede, in nome della trasparenza tanto sbandierata dal M5s chi è a gestire veramente il blog di Beppe Grillo? Chi scrive i post? Chi li pubblica? Chi è la mente dietro a tutto?

C come Correnti. “Nel Movimento non esistono correnti: abbiamo bisogno di idee condivise, non di opinioni divisive” diceva Grillo. Ma manca poco più di un mese alle urne per le amministrative 2017 e ora più che mai, tra liti, scissioni, meetup e addii, appare chiaro che le correnti ci sono e pesano parecchio. La lotta interna però potrebbe essere solo all’inizio, e più sarà lontana la data delle elezioni più il pericolo di divisioni sarà concreto, anche se il tentativo è quello di far apparire dall’esterno il M5S come un blocco monolitico.

D come Direttorio. Grillo avrebbe dovuto fare un “passo di lato” per lasciare alla futura classe politica che si era fatta le ossa l’opportunità di essere protagonista. Poi però cambia idea: è lui il capo politico. E il Direttorio, ormai attraversato da gelosie e sgambetti, si dissolve. Ma è davvero così? La verità è che il Direttorio è vivo e vegeto nonostante non ci sia formalmente e i suoi componenti siano i volti forti pronti a farsi avanti al momento opportuno per potere far emergere l’anima che rappresentano: ortodossi, movimentisti o pragmatici.

E come Europa. Il tentativo di Grillo deciso in fretta e furia di cambiare gruppo parlamentare in Europa ha causato una macchia indelebile nel M5S che difficilmente potrà essere cancellata. Una pagina bruttissima per i militanti che hanno visto sia nel metodo che nel merito il tradimento degli ideali euroscettici cari al Cinquestelle. Grillo è riuscito in un unica mossa ha sconfessare se stesso e tentando di abbracciare chi, a parole, ha sempre contestato. Svolta che, se non avesse dietro di sé un carico di contraddizioni e di proteste, non avrebbe sarebbe stata un segno di realismo politico.

F come Firme False. Dopo Palermo e Bologna, Roma. Nuove accuse di irregolarità nella raccolta delle firme coinvolgono il M5S, in quest’ultimo caso per la candidatura di Virginia Raggi sindaca della Capitale. Spesso l’atteggiamento del M5S è stato quello di non collaborare e di minimizzare. Eppure ci ricordiamo quanto la forma in passato fosse importante, come nel caso scontrini di Ignazio Marino

G come Genova. La vicenda di Marika Cassimatis, l’attivista che lo scorso 14 marzo aveva vinto le comunarie pentastellate come candidata sindaco di Genova scomunicata da Grillo mette la pietra tombale a tutta una serie di valori sbandierati da anni. Nonostante le proteste e le critiche il comico genovese però insiste e rivendica il “metodo Genova”, definito “giustissimo”. “Dobbiamo intenderci su che cos’è la democrazia. Una democrazia senza regole non è una democrazia. Noi abbiamo le nostre regole e io, da garante, le faccio rispettare”. Addio democrazia diretta.

H come Haters. Ultimamente Libero è stato protagonista di un titolo sessista sulla Raggi. Per questo una levata di scudi si è alzata nel M5S (e non solo). Eppure i pentastellati e Grillo sono stati spesso protagonisti di attacchi sessisti, omofobi e razzisti. 

I come Istituzioni. Quando nel 2013, a dispetto di tutti i pronostici, per la prima volta gli eletti grillini misero piede in massa in Parlamento, lo fecero presentandosi armati di apriscatole. Oggi i Cinquestelle più che aprire le istituzioni hanno scelto di incardinarsi stabilmente in esse.

L come Libertà. La libertà di uscire dagli schemi, ribaltare la politica tradizionale è rimasta solo negli scritti di Casaleggio. Quando i Cinquestelle arrivano ad amministrare i territori tradiscono anche gli ideali ambientalisti a cui si sono votati. La vicenda di Civitavecchia lo dimostra. Cozzolino, prima del voto, si era più volte scagliato contro l’azienda e la centrale in nome della salubrità e della tutela dell’ambiente, ma alla fine decide di sottoscrivere una nuova convenzione pluriennale con Enel. Ma ci sono anche i casi di Parma e Gela.

M come Movimento. I Cinquestelle sono un partito. Questo è da tempo chiaro nei fatti. Ma ora anche le parole di Grillo sul caso Genova lo confermano: “Chi non è d’accordo si faccia il suo partito”.

N come Non statuto. L’ambiguità del M5S sopravvive. Il nuovo non statuto è stato approvato nonostante non abbia raggiunto il quorum del 75%. Inoltre la rinuncia ai rimborsi elettorali non è una rinuncia. Il M5S non può accedervi semplicemente perchè non ha un vero statuto.

O come Onestà. Onestà, onestà! E’ da sempre il grido di battaglia del M5S. E ancora “Onestà, onestà!” il grido di vittoria dopo i successi elettorali, primo fra tutti quello di Roma.  Da Roma a Palermo, passando per Livorno, la “normalizzazione” dei grillini procede inesorabile tracciando un solco dal loro ormai lontano grido di battaglia. Il M5S non è in quanto tale un portatore sano di onestà. Anzi sostenerlo rende gli anticorpi intermedi di questa formazione politica molto più deboli.

P come parentopoli. I 5 Stelle sono il gruppo politico più familistico d’Italia, a partire dai vertici. Davide Casaleggio, dopo la morte del padre Gianroberto, ha ereditato società (la Casaleggio associati) e eterodirige il partito. Grillo ha creato l’Associazione moVimento 5 Stelle e si è nominato presidente. Come vice ha scelto il nipote, l’avvocato Enrico Grillo. Segretario è invece il suo commercialista. Senza contare che Senato, Camera, l’Europarlamento, Regioni e Comuni pullulano di parenti, fidanzati, amici degli eletti.

Q come Querela. C’è stato un tempo in cui il movimento Cinquestelle sosteneva che la querela servisse al potere. Oggi invece i media sono al servizio dei poteri forti. E la stampa critica non è tollerata. Basta ricordare la vicenda Di Maio e la lista dei cattivi giornalisti. Dopo la consegna da parte del vice presidente della Camera all’Ordine dei giornalisti dell’elenco dei cronisti “colpevoli” di infangare il Movimento 5 stelle è scoppiato il caso sulla libertà di stampa. Ma Di Maio non arretra: “Dovrete chiederci scusa, come il New York Times con Trump”.

R come Rendiconto. La politica a costo zero sostenuta dai grillini si è infranta da tempo come anche il calcolo sugli stipendi dei deputati del Movimento 5 stelle che possiamo dirlo non intascano 2.500- 3.000 mila euro al mese ma molto, molto di più.

S come Streaming. Agli esordi in Parlamento i pentastellati avevano promosso lo streaming come strumento essenziale di onestà e trasparenza ma oggi le decisioni importanti non si capisce chi e come le prenda. Era lo strumento per mostrare le dinamiche del potere, della casta, perchè la gente deve sapere. Oggi i chiarimenti e le riunioni sono rigorosamente a porte chiuse e webcam spente.

T come Trasparenza. In Italia esiste una legge, la n. 96 del 6 luglio 2012, nata con lo scopo di garantire “la trasparenza e la correttezza nella gestione contabile dei partiti e dei movimenti politici”. Ovvero, tu partito, movimento o lista candidata alle elezioni se hai eletto un rappresentante, in qualsiasi livello istituzionale, sei obbligato a presentare, per i successivi 5 anni in cui ipoteticamente sei in carica, un bilancio che certifichi entrate ed uscite del tuo partito, movimento o lista che sia. Ebbene, in Italia c’è un solo gruppo politico che non deposita nessun bilancio presso la Commissione, e si chiama MoVimento 5 Stelle.

U come Uno vale uno. Ma l’uno di Grillo vale di più visto che decide  vita, morte e miracoli del Movimento. Come le espulsioni o come l’esito delle consultazioni democratiche fra i militanti.La politica dell’uno vale uno si è tradotta in processi di selezione anonimi della classe dirigente, scelti più sulla base di simpatie e amicizie da un numero ristrettissimo di votanti che non in base a una valutazione approfondita delle qualità individuali.

V come Vaccini. La crociata del M5S contro i vaccini obbligatori prosegue da tempo. Eppure  tra gli obiettivi dei grillini in ambito sanitario c’è l’obiettivo zero malattie. Tutto viene spiegato nel libro bianco sulla sanità in cui la prevenzione è citata come lo strumento primario per raggiungere lo scopo.

Z come zapping. Si gira da un canale all’altro e li si trova spesso in Tv, quasi sempre o da soli o in collegamento esterno. Eppure agli albori la Tv per i pentastellati era il male. Il M5S partito nato sulla rete, snobbava i talk-show televisivi, espellendo chi nei suoi primi mesi in parlamento usi pemetteva di andare in televisione. “Il talk è il vostro punto G” , disse addirittura Beppe Grillo sul blog alla consigliera comunale Federica Salsi, rea di essere andata ospite a Ballarò. Ora invece ci sono diversi front man da salotto.

(http://www.unita.tv/focus/dalla-a-alla-z-ecco-il-vocabolario-delle-contraddizioni-del-m5s/)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: