GRAZIE AGNESE LANDINI IN RENZI

GRAZIE AGNESE LANDINI IN RENZI

DONNA SPECIALE

agnese-landini-in-renzi

È stata lì.
Non per far mostra di sé. Non per esibizione.
Solo presente.
Come si risponde al dovere.
Come si risponde all’amore.
Con quel maglione di lana a collo alto.
Di un’eleganza senz’altra firma che quella della sua dignità.
Donna.
E donna meravigliosa.
Con uno sguardo la cui dolcezza redime anche i miserabili che, odiando la dignità e avendone orrore quando la riconoscono in qualcuno, in questi mesi hanno provato ad offenderla con sputi e volgarità. Senza mai riuscire a sfiorarla.
La cosa più grande che Renzi ha donato agli italiani, sono stati i mesi in cui sua moglie è stata, come dicono, la first lady di questo paese.
Agnese Landini in Renzi.
Un grazie sincero per ogni singolo giorno.
Un grazie sincero per la compostezza, la grazia, la bellezza, la dignità che ci ha mostrato ogni volta che, suo malgrado, ha accettato di doversi offrire ai nostri occhi.
Grazie.

(Tommaso)

 

Annunci

4 Risposte

  1. Stai serena Agnese! fatevi un torneo di play station o alla ruota della fortuna, li ha vinto!!!

    1. Carissimo, ad ognuno la sua sensibilità.
      Spero che verso la tua donna sia meglio.
      Un saluto. Spera.

  2. Sono appena tornata dalla direzione del mio partito. Una farsa. Ha spaccato il Paese in due e parla di play station!

    Non si è discusso di nulla. Lui ha parlato del nulla.

    Ha deciso lui come e se si farà un nuovo governo.

    Ha deciso lui chi farà parte della delegazione: Orfini, Guerini, Zanda e Rosato. Il segretario, cioè lui, non ci sarà. Senza contare che la composizione della delegazione dovrebbe essere comunicata prima a Mattarella che con lo streaming.

    Ha deciso lui quando e se si parlerà di quello che è successo il 4 dicembre.

    Ha deciso lui che la direzione doveva durare il tempo del suo intervento.

    Ha deciso lui che non ci potessero essere repliche.

    Hanno impedito a Tocci di parlare: stava imbastendo un ragionamento ma non ci è riuscito.

    Fine della storia. Che cos’è rimasto di democratico in questo partito?
    Testimonianza di un’amica

    1. Secondo te cosa doveva fare.
      E’ stato bersagliato, offeso, ingannato dal suo stesso partito. Io avrei fatto di peggio, molto peggio.
      A volte bisogna anche capire l’animo delle persone, non solo pretendere. Essere vicini, confortare, questo significa essere e fare comunità. Non il continuo logorio del “ha fatto sempre male, persino alla fine”.
      Ora basta, basta, lasciatelo in pace.

      Ciao, un saluto. Spera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: