IO, DONNA, NON SONO UNA SPECIE PROTETTA

IO, DONNA, NON SONO UNA SPECIE PROTETTA

hippeastrumHo seguito la polemica innescata dalle parole di De Luca alla direzione del PD e dal profondo del cuore vi dico che sono stufa. E vi dico che sostengo De Luca. Qui il sessismo non c’entra nulla, la Raggi ci ha detto in tutte le salse che se vinceva lei, il controllo dell’amministrazione capitolina sarebbe stato sotto il direttorio e sotto grillo. “Bambolina imbambolata” è la definizione giusta.

E sottolineo che non si difendono le donne a prescindere dai loro comportamenti. Se esse decidono scientemente di farsi “usare” come delle bamboline, con un’autonomia decisionale pari allo zero, la colpa è solo loro.

Se decidono di essere strumenti politici nelle mani degli uomini che le manovrano e le indirizzano, le responsabili sono loro e di ciò si devono assumere la responsabilità e l’onere della critica.

Se decidono di essere specchietti per le allodole e di contare meno di niente, devono forse interrogarsi e non pigolare.

Come donna mi sono stufata di essere considerata una specie protetta, mi proteggo da sola e bene.

Mi sono rotta di questo buonismo imperante, mentre alle donne del nostro partito vengono dati, senza motivazione alcuna, epiteti ben più pesanti, accompagnati da allusioni triviali.

Basta ipocrisia. Mi sono rotta di sentire prediche da chi, quando alla nostra ministra si dava della zoccola, se ne stava ben zitto e probabilmente tacitamente approvava. Mi riferisco anche alla sinistra del nostro partito, in questo caso specifico a Cuperlo, che deve smetterla di attaccarsi ad ogni idiozia, pur di non discutere e confrontarsi sulla sua inconsistenza.

 

Annunci

6 Risposte

  1. Cara Spera,

    1) Se esse decidono scientemente di farsi “usare” come delle bamboline, con un’autonomia decisionale pari allo zero, la colpa è solo loro.

    Magari fosse così !

    2)Se decidono di essere strumenti politici nelle mani degli uomini che le manovrano e le indirizzano, le responsabili sono loro e di ciò si devono assumere la responsabilità e l’onere della critica.

    Magari fosse così !

    3) Se decidono di essere specchietti per le allodole e di contare meno di niente, devono forse interrogarsi e non pigolare.

    Magari fosse possibile per tutte ! O almeno per la maggioranza delle donne!

    4) Come donna mi sono stufata di essere considerata una specie protetta, mi proteggo da sola e bene.

    Proteggersi da sole ? Dove ? Quando? Come ? Poche (molto poche) donne possono permetterselo!

    5) Mi sono rotta di questo buonismo imperante, mentre alle donne del nostro partito vengono dati, senza motivazione alcuna, epiteti ben più pesanti, accompagnati da allusioni triviali.

    Vero , verissimo e vergognoso , ma questo non giustifica la volgarità ( sai il detto : ” spesso inizia a parlare che ha ragione e finisce di parlare che ha torto”).

    6) Basta ipocrisia. Mi sono rotta di sentire prediche da chi, quando alla nostra ministra si dava della zoccola, se ne stava ben zitto e probabilmente tacitamente approvava. Mi riferisco anche alla sinistra del nostro partito, in questo caso specifico a Cuperlo, che deve smetterla di attaccarsi ad ogni idiozia, pur di non discutere e confrontarsi sulla sua inconsistenza.

    Sono d’accordo, MOLTO D’ACCORDO , ma questo NON giustifica NESSUNA VOLGARITÀ’

    Anche se credo sia molto più volgare un intellettuale o una sinistra che finge, mente,non propone nessuna alternativa fattibile ( basta rileggersi la storia del dopoguerra), una sinistra con i suoi intellettuali , che tira in ballo Berlinguer arrogandosi l’idea che loro sono i soli ad averne raccolto l’eredità . Berlinguer voleva bene prima che al partito alle gente con la propria miseria, con i propri sogni . Gente sempre povera di circonvoluzioni grammaticali , ma SEMPRE concreta nel pensare e nell’agire.
    Spera sei una mente brillante, non abbassarti alle loro provocazioni , fanno finta di non vedere il mondo attorno, altro che sinistra di lotta e di governo. Molto comoda la prima ( se si vive in Italia naturalmente) , molto più difficile e impegnativa la seconda.
    Cosa credono di essere Sciascia ? Ma per favore!

    1. Carissima Roberta,
      è molto difficile non cadere nelle provocazioni, soprattutto quando queste arrivano da una parte del proprio partito, che pare intellettuale e concettuosa, ma poi rimane legata a concetti e a idee che sembrano esprimere una grande umanità, e alla fine, restano utopie. Il mondo si evolve, cambia, va avanti e alcune palizzate vanno tolte se si vuole andare verso un futuro migliore e più sicuro per tutti.
      E questi stessi personaggi, sembrano inchinarsi al movimento più volgare, incompetente, presuntuoso, ignorante, politicamente parlando, movimento che è tanto stupido da non capire che se vuole sopravvivere deve stare all’opposizione.
      So anche che Renzi è odiato da mezza Italia, e lo sa, e se ne frega del consenso. E’ per questo che lo stimo perché chi lo odia è solo capace di demolire ed è politicamente inconsistente. Non c’è alternativa e lo sanno anche loro, dietro Renzi non ci sarebbe il buonsenso, ma semplicemente il vuoto.
      Mi dispiace che gente intelligente non lo capisca.
      Lascio fuori per carità cristiana i leghisti e gli stellari, ma quelli che dovrebbero dare forza a chi ora è al governo, non fanno altro che sabotarlo a prescindere dalle idee.
      Un abbraccio. Spera.

  2. Renzi più che odiato è invidiato. Per questo fanno finta di non capire.

    1. Carissima,
      penso anch’io che questi signori tipo Cuperlo e altri, abbiano tanta invidia contro Renzi. Forse è umiliante vedere che qualcuno è riuscito e sta riuscendo a fare cose che loro hanno tentato per anni, fallendo miseramente.
      Perché? Per la predilezione che hanno verso le chiacchiere inconcludenti, per per la mania di conservare a tutti costi un consenso che poi si è visto erodersi in pochi anni.
      Ti ricordi D’Alema con la sua bicamerale, preso in giro da Berlusconi per mesi, e poi è stato tutto buttato all’aria? Anche con Renzi e il famoso patto del Nazareno Berlusconi c’ha provato, ma ha perso in maniera strepitosa. Il carattere di un leader si vede anche da queste cose.
      Ciao Roberta, un abbraccio. Spera.

  3. Renzi è un fallito, ha distrutto il PD, ma soprattutto ha distrutto il paese, meglio che si trovi un lavoro, e voi che lo esaltate siete peggio di lui! EVVIVA IL M5S

    1. Mah!,
      se tutti i falliti fossero così io ci faccio la firma.
      Ma di falliti ce ne sono parecchi e sono dalla parte della cosiddetta movimentazione di ignoranti e opportunisti, cui va dietro un gregge di speculatori sfaccendati e creduloni. Già proprio quelli che non sanno decidere niente, il m5s. Vale a dire la rovina del paese. Poi non venite a piangere, perché ci siamo capiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: