DUE PESI E DUE MISURE

COERENZADUE PESI E DUE MISURE

Bufera nella Livorno pentastellata. Sappiamo che l’assessore al bilancio Gianni Lemmetti (M5S), ha ricevuto un avviso di garanzia  nell’ambito dell’inchiesta per la vicenda Aamps, l’azienda municipalizzata che gestisce la raccolta dei rifiuti, gravata da una pesante situazione debitoria.

La Procura di Livorno sta indagando da mesi per falso in bilancio e bancarotta fraudolenta, in relazione all’approvazione del bilancio 2014 di Aamps e per abuso di ufficio in concorso, in relazione alle più recenti vicende del cda.

Ma, nelle trasmissioni dove vengono invitati, tutto tace, c’è un’ omertà da far paura.

Il M5S che grida come un mantra la parola “onestà, onestà” anche al funerale di Casaleggio, ora dovrebbe cambiare il suo slogan in “omertà, omertà!”

Nessuno sa niente, nessuno si accorge di niente. Livorno sembra, a tutta prima, una nuova Quarto.

Luigi Di Maio ha sempre mostrato la sua anima giustizialista, affermando che se uno è indagato si deve dimettere, ma ora?

Come dice Vittorio Zucconi: “Quando si comincia a sentire il profumo del potere il moralismo diventa negoziabile. L’onesta ha sempre due facce per certa gente e un indagato mio è sempre meno indagato del tuo “, oppure George Orwell  quando dice “Tutti gli uomini sono uguali dinnanzi alla legge, ma alcuni uomini sono più uguali di altri”. Succede anche ai più ostinati. Peccato.

Annunci

7 Risposte

  1. Sai Spera, è un periodo che leggo tanto astio e rancore nei tuoi post.
    Anche qui direi che le obbiezioni che ti si possono porre potrebbero essere ben più d’una.
    Non entro nel merito della questione perchè è ancora in svolgimento e non è proprio chiara la situazione.
    Però veramente, con amicizia, ti dico che ultimamente ti trovo un pelino aggressiva!

    Ciao
    Stefano

    1. Carissimo Stefano,
      hai ragione sono non solo un pelino aggressiva, ma molto astiosa nei confronti di questi personaggi, e parlo dei grillini, perché non trovo in essi nulla di coerente e di concreto.
      Mi rende perplessa il fatto che non si accorgano di far parte di un movimento in cui esiste un padrone assoluto, e quindi di una vera e propria “proprietà privata” da quotare anche in borsa se servisse. La stessa frittata di Berlusconi, ma ribaltata.
      Poi, Quando sento, in Senato, come giustificazione di una sfiducia: “Prenda i suoi quattro stracci di ministri e vada fuori, fuori, fuori” ripetuta almeno dieci volte”, sinceramente provo un conato di vomito di rifiuto. E’ questa la loro politica? Un coacervo di insulti?
      Ma mi rendo conto che probabilmente vale anche per me, quello che ho scritto nel post appena sotto. “Forse, come ha scritto qualcuno, si diventa veramente adulti quando si è disposti a mettere da parte la “certezza inoppugnabile della propria verità” per approssimarsi all’altro e accettare che “ciascuno ha la propria verità che va accolta e rispettata”.
      Ciao Stefano, a risentirci se vuoi.
      Un abbraccio Spera.

      1. Gli insulti al pd sono ben riposti e meritati.

        1. Nessun insulto è ben riposto e tantomeno meritato.

  2. Campania, favori ai Casalesi per appalti: 9 arresti. Indagato anche il presidente regionale del Pd Stefano Graziano……..e con questo sono 125.

    1. Carissimo,
      mi raccomando tieni il conto! Non voglio che ti senta male se ti perdi qualcuno.

      Intanto io mi aspetto che la magistratura faccia luce sui poco limpidi rapporti tra la Raggi- Alemanno- Panzironi (mafia capitale) e la società la Rojo.
      Così per avere una misura per tutti.
      Ciao. Spera.

      Tuttavia vorrei precisare le parole del tuo padrone grillo a proposito di mafia: “La mafia non ti strangola, La mafia ha una sua morale, La mafia non c’è più” Parole pronunciate anche ieri in Sicilia. E allora come mai i magistrati si ostinano ad indagare? Non credono a Grillo?

  3. Per stare aggiornati vediamo un po’ cosa sta succedendo nel mondo delle amministrazioni comunali e del comportamento della magistratura. C’è da meditare.

    In sintesi: sei Pd ti arresto se sei grillino chiudo due occhi.

    Pubblicato: Giovedì, 05 Maggio 2016 14:58 | Scritto da REDAZIONE
    Da qualche giorno siamo bombardati dai media in ogni ora e in ogni dove sulla questione Lodi. Cerchiamo di capire di cosa si tratta.

    IL FATTO ACCADUTO
    Abbiamo due piscine, una è appaltata in Project Financing a una società partecipata del Comune. Si fa la gara di appalto per la seconda. Il Sindaco ritiene che sia più conveniente per i cittadini che venga appaltata la gestione alla stessa società, sia per una questione di razionalizzazione economica, sia perché si tratta di una proprietà del comune, ovvero dei cittadini.

    C’è una funzionaria che non è d’accordo, soprattutto perché pare abbia interessi personali in una società concorrente. A questo punto il Sindaco commette un reato, infrange la legge, facendo pressione su chi scrive il bando perché venga scritto in modo che la partecipata sia avvantaggiata.

    Per i verginelli, ricordiamo che questo sistema è utilizzato più o meno da tutti gli amministratori, ma è e rimane un reato. La funzionaria denuncia il fatto, la magistratura apre un’indagine, ma prima di tutto arresta il Sindaco. Tutto il mondo della Giustizia nazionale, appare ora perplesso, ora sconcertato. Non si era mai visto arrestare qualcuno per turbativa d’asta, soprattutto poi per entità così irrisorie. Ma va bene, era loro facoltà e l’hanno fatto.

    UN CASO ANALOGO MA DIVERSO TRATTAMENTO

    Esaminiamo un caso analogo, prendiamo un esempio, non troppo a caso, su migliaia che potremmo farne.
    Pomezia, Sindaco Grillino, città di pari importanza di Lodi, partito diverso.

    Siamo nel 2015, Fucci emette un bando di gara per il verde pubblico, parliamo di 4 milioni di euro.

    Una società potenzialmente concorrente denuncia il fatto che il bando di gara è posto in modo che una sola azienda può concorrere e quindi vincere. Ovvero turbativa d’asta, ovvero i sistemi che usano i comuni in odore di mafia per deviare gli appalti. L’Anac di Cantone (e magari ringraziamo questo governo per averla inventata) blocca l’appalto.

    LE DIFFERENZE

    Siamo ancora nel campo della legalità non in quello politico.

    Nel primo, il Sindaco viene arrestato, nel secondo (come in altre migliaia) nemmeno indagato. E dire che Fucci qualche precedente da chiarire lo avrebbe. Vogliamo parlare dell’appalto padre di tutti gli appalti, quello dei rifiuti, dato a una cooperativa di Buzzi, in epoca post evento di Mafia Capitale? Vogliamo indagare su come quel 0,13% di ribasso abbia potuto riaffidare per l’ennesima volta l’appalto alla Cooperativa 29 Luglio? No, tutto tace.

    LA QUESTIONE POLITICA

    E qui ci spiace, ma la differenza fra i due casi è netta. Nel primo caso c’è un Sindaco che commette una scorrettezza di procedura a favore dei propri cittadini, nel secondo un’analoga violazione della legge a favore di azienda privata. E va da sé che quando si privilegia un’azienda privata è obbligo della Magistratura indagare per capire qual’è l’interesse che ha mosso questa violazione.

    Nel caso di Lodi, però abbiamo ascoltato una esternazione da parte dei Pm, che a noi che ci occupiamo di politica non può che lasciare interdetti. L’accusa sarebbe: il Sindaco avrebbe agito (ndr facendo l’interesse dei cittadini) al fine personale di guadagnare consensi. Cioè, badate, sta dicendo a tutti gli amministratori di evitare di fare l’interesse dei cittadini perché altrimenti possono essere accusati di seguire l’interesse personale. Non aggiungiamo altro.

    IN SINTESI

    Al Partito Democratico e al Governo, noi diciamo che è giusto che loro affermino la piena fiducia alla Magistratura, è giusto che neghino con fermezza il sospetto di complotti. Ma noi che siamo liberi cittadini, ci arroghiamo il diritto di esprimere qualche dubbio. Non sul reato, che c’è stato, non sull’arresto, che era motivato, ma sul comizio politico dei Pm, sul quale non esprimiamo dubbi ma totale sdegno!

    Ai giustizieri dell’ultima ora invece vorremmo dire che forse farebbero bene a tacere, perché è vero che al momento risultano miracolati sia dalla giustizia che dai media, ma è anche vero che su una manciata di comuni che amministrano, non ce n’è una che non abbia un problema. Quindi, il consiglio spassionato che vorremmo dargli è di evitare strumentalizzazioni grottesche perché il tempo è galantuomo, ma anche tiranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: