IL PRIMO FIORE

IL PRIMO FIORE

tartagni_fioriIn un paesino di montagna c’è un’usanza molto bella.

Ogni primavera si svolge una gara tra tutti gli abitanti. Ciascuno cerca di trovare il primo fiore della primavera.

Chi trova e raccoglie il primo fiore sarà il vincitore e avrà buona fortuna per tutto l’anno. Per questo partecipano tutti, giovani e vecchi.

Un anno, all’inizio della primavera, quando la neve cominciava a sciogliersi e a lasciare libero larghi squarci di terra umida, tutti in quel paesino, partirono alla ricerca del primo fiore.

Per ore e ore cercarono in alto e in basso, sulle pendici dei monti, ma non trovarono nessun fiore.

Stavano già abbandonando le ricerche, quando udirono un grido:

«E’ qui. L’ho trovato».

Era la voce di un bambino. Uomini e donne e bambini corsero verso di lui, che stava battendo le mani e saltando per la gioia. Quel bambino aveva trovato il primo fiore.

Il primo fiore, però, era sbocciato in mezzo alle rocce, qualche metro sotto il ciglio di un terribile dirupo.

Il bambino lo indicava con il braccio teso, giù in basso, ma non poteva raggiungerlo perché aveva paura della bocca spalancata del burrone.

Il bambino, però, desiderava quel fiore più di qualunque altra cosa al mondo. Voleva vincere la gara. Voleva la buona fortuna.

Tutti gli altri erano gentili, lo volevano aiutare. Cinque uomini forti portarono una corda. Intendevano legare il bambino e calarlo fino al fiore perché potesse coglierlo.

Il bambino però aveva paura, aveva paura del baratro, aveva paura che la corda si rompesse.

«No, no» diceva piangendo, «che paura!».

Gli fecero vedere una corda più forte. Non cinque, ma quindici uomini forti l’avrebbero tenuta, tutti lo incoraggiavano.

A un tratto il bambino cessò di piangere.

Con una mano si asciugò le lacrime. Tutti fecero silenzio per sentire cosa avrebbe fatto il bambino.

«Va bene», disse il bambino, «andrò giù. Io andrò giù se mio padre terrà la corda!»

Annunci

6 Risposte

  1. La fiducia è la sola cura conosciuta per la paura. (Lena Kellogg Sadler)

    1. Carissima,
      infatti la “morale” di questo breve racconto è proprio la fiducia. Tuttavia vorrei che tutti i padri sapessero inculcare nel figli, questo spledico sentimento.
      Ciao, un abbraccio. Spera.

  2. Tenero…. una storia sull’altruismo e la cooperazione.

    1. Ciao,
      sì è vero altruismo e cooperazione, nella quale bisognerebbe aver fiducia.
      Un abbraccio. Spera.

  3. Quindici uomini non bastano ad eguagliare la forza di un padre ed il bimbo lo sa ❤

    1. Ciao carissima,
      a questo bambino basta la mano del padre. A me ha fatto venire in mente la mia infanzia, quando mio padre, con le sue mani callose, prendeva la mia manina. Sentivo amore e calore trasparire da quel gesto.
      Un abbraccio. Spera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: