LA RISORSA DI SALVINI

LA RISORSA DI SALVINI

barcone1-400x215Senza l’arrivo di tutti questi profughi, immigrati o clandestini o terroristi come vengono sdegnosamente chiamati, Salvini non sarebbe niente. La sua Lega non avrebbe più del 2 o 3% dei consensi.

Invece, con questa ondata massiccia di gente disperata, la sua propaganda razzista gli ha fatto guadagnare consensi incredibili. Per questo dovrebbe ringraziare tutti i giorni quella povera gente che continua a sbarcare sulle nostre coste, solo così lui può continuare con la sua propaganda xenofoba e raccattare consensi.

Sono sicura che dentro di sé si frega le mani, è un aiuto che gli è arrivato, del tutto inaspettato e ne è entusiasta. Può andare in Tv tutti i giorni a predicare la sua legge, con una capacità e lucidità mentale elevata al punto tale da riuscire a distinguere, con una semplice occhiata, chi scappa dalla guerra, da chi, invece, scappa perché ha fame. Chi ha diritto di stare qui, da chi è un terrorista. A dire il vero, trovo la distinzione fra fuggitivi dalla guerra e fuggitivi dalla fame, una distinzione infame.

Come farebbe senza questi disperati?

Quali prospettive avrebbe una Lega che da 30 anni è in politica e non ha realizzato nulla di tutti i suoi ideali divisori: “E solo il Nord”, “Prima il Nord”, “Indipendenza della padania” , “Federalismo fiscale”, “Ministeri a Monza”, “Federalismo demaniale” e così’ via?

Ma, con tutte queste storie che per anni abbiamo sentito, la Lega, o almeno, il famoso cerchio magico si è arricchito a spese nostre, al punto tale che il figlio di Bossi, oltre aver comprato una laurea, si è comprato persino un bellissimo yacht, parcheggiato in bella mostra sulle coste tunisine.

E i soldi portati in Tanzania? E i bellissimi diamanti? E le varie ville? E i posti in Parlamento italiano ed europeo, talmente tanti rispetto alla loro forza politica per cui sono stati eletti, da fare scandalo

Salvini si augura che il flusso continui, che gli stranieri ci invadano ancora di più, perché spera, di andare al governo, dopo di ché, con una bacchetta magica, risolverà il problema. Oppure potrà arraffare qualcosa di più ancora.

Purtroppo il flusso dei disperati non si fermerà finché non cesseranno le guerre e finché i paesi poveri non diventeranno sufficientemente forti in grado di sutosostenersi.

Annunci

8 Risposte

  1. Ciao Spera,
    perdonami ma non sono gli arrivi di immigrati/profughi a dare a Salvini possibilità di parlare e di fare numeri sempre più elevati di consensi.
    Lui deve ringraziare la gestione di questo problema.
    Non puoi mettere persone di cui non sai nulla in strutture con porte aperte.(vorrei ricordarvi che se privi di documento d’identità o di qualcuno che garantisce chiunque può essere portato in questura per riconoscimenti!)
    Non puoi accatastare queste persone in grossi gruppi dove poi creano ovviamente paura e problemi di ordine pubblico(nella massa l’idiota c’è sempre e fa più rumore di mille brave persone)

    Vorrei poi ricordarti un piccolo particolare, chi arriva può godere di tutti i servizi che il nostro stato offre.
    Servizi che sempre abbiamo disprezzato ma che sono essenziali.
    Ma se il bacino di chi usufruisce si amplia sempre di più mentre quello di chi contribuisce no mi sembra ovvio che il sistema presto o tardi andrà in tilt!

    Questo da a Salvini una grande opportunità.

    PS
    sulla questione federalismo fiscale rido.
    l’Italia è il paese dei campanilismi.
    l’ho visto nella mia provincia quando non lo era
    lo vedo ora nel comune in cui vivo, ecc.
    Non credo sia giustizia sociale neanche avere regioni che versano 100 e ricevono 10 e viceversa.
    ci può essere la difficoltà ma non può essere cronica, e sopratutto non deve diventare la scusa per la politica per fare il pieno di voti e di ruberie!

    1. Carissimo,
      non nego che anche per l’italia, ci sia una possibilità di avere aiuto da questa persone, soprattutto giovani. Io stessa, sempre al lavoro, ho una collaboratrice, bravissima, che praticamente manda avanti tutta la casa e viene dalle Filippine. Non è una profuga, ma quando mi racconta come viveva, mi sento stringere il cuore.
      Ora è qui con me da anni, è in regola e le voglio bene come a mia figlia.
      Un abbraccio.
      Spera.

  2. Ciao Spera e buon pomeriggio.

    Non sono d’accordo! E te pareva, penserai!

    Non sono d’accordo perché, secondo me, Salvini “è qualcuno” non per l’arrivo dei profughi o immigrati che siano.

    Salvini deve il suo successo, in consensi percentuali, a quel “popolo” xenofobo e razzista che, vuoi per paure indotte vuoi per ignoranza, accresce le sue percentuali di consenso facendolo diventare la star del momento, intervistato dai media e ospitato nei salotti televisivi (che a loro volta, aumentano copie vendute e ascolti).

    Sono intorno a noi quelli che sostengono Salvini quando fa sfoggio della sua propaganda razzista e xenofoba. Sono sui mezzi pubblici, in ufficio, sulla rete, per strada, al supermercato. E fa sfoggio della sua propaganda perché trova, in tanti, l’interlocutore giusto, “sensibile” a certi argomenti! Xenofobi e razzisti, ovviamente.

    Ti faccio un altro esempio del “successo” di Salvini: già da tempo sta cavalcando l’onda dello scontento dei pensionati, esodati e pensionandi d’Italia, trombati dalla riforma Fornero (gran porcata)!

    Ha un gran successo anche tra questi, perché ha promesso di abolire quella “riforma” e dare una soluzione diversa al sistema pensionistico, soprattutto per i pensionandi. Siccome dal Pd arrivano solo fregature (o promesse, chiamale come vuoi) ed è in tutt’altre faccende (inutili) affaccendato (o riforme epocali, chiamale come vuoi) ma di soluzioni concrete (ai problemi reali) non se ne parla (soprattutto per chi i suoi 42 anni se li è già fatti ma è lontano dai 62 anni di età) allora tutti a credere a Salvini!

    Il quale, miete consensi anche tra pensionati, pensionandi ed esodati!

    Ergo, sono le false promesse di chi governa ad accrescere la popolarità di chi fa promesse (false) pur di governare un Paese, il cui popolo crede alle promesse (false) della politica.

    1. Carissimo Carlo,
      sono d’accordo con te su tutta la prima parte.
      Salvini soffia sul razzizmo che comunque alberga un po’ in ciascuno di noi. Tutti.
      Chi ad esempio non sente un senso di fastidio quando si incontra un nero per i marciapiedi, un nero che cerca di venderti qualche calzino o qualche fazzoletto.
      E questo senso di fastidio (senza essere una vera e propria xenofobia) Salvini la solletica, la coccola, “ci portano via il lavoro”, “ci stuprano le nostre donne”, eccetera (cose che sai meglio di me).
      Poiché questa ondata di gente disperata si è triplicata se non di più, a causa delle varie guerre (che l’occidente ha provocato), la sua popolarità aumenta e miete consensi.
      Per questo la trovo una risorsa per Salvini, altrimenti si sarebbe attestato ancora tra il 5-8% come sempre.
      In quanto al fatto che mieta consensi tra i pensionati è vero anche questo, ma tutto rientra come prima detto nella percentuale a una cifra.
      Il governo ha pensato prima di fare qualcosa in merito al lavoro, ha pensato a chi non ha lavoro, a chi non avrà poi mai una pensione. Non sto qui a giudicare se la legge sul lavoro è la migliore che si potesse fare, certamente no, ma è anche vero che qualche dato positivo, dopo tanti semestri negativi, si stanno ottenendo.
      Credo che, se Renzi resta, arrivi anche il momento per i pensionati e tutto il resto.
      Una abbraccio. Spera.

    2. Perdonami Carlo,
      da quando all’opposizione si fanno proposte?
      Anche tu spieghi sempre molto bene il perchè NO ma non dai mai un’alternativa a ciò che critichi
      Mi dispiace ma non è xenofobia.
      Classificarla così è molto semplice, facile e non porta a nulla.
      La realtà è che l’immigrazione è sempre stata gestita male, che in alcune zone ci sono grandi concentrazioni senza nessuna regola(vedi le bande che si stanno creando nei grandi centri urbani)e che spesso è facile far apparire che gli immigrati hanno più agevolazioni(spesso sono semplicemente più informati).
      Aggiungi il fatto che ora vengono piazzati grossi gruppi senza nessun controllo.
      Controllo che per persone di cui non so l’identità sarebbe dovuto!

      La stessa Merkel che avete elogiato con dubbio, dopo una settimana ha fatto dietrofront!
      Perchè la gestione(cosa fondamentale) era difficoltosa e si rischiava il caos!

      Aggiungiamo poi che c’è gente che vive su queste persone(i difensori dei rom arrivati durante le guerre balcaniche li definiscono “rifugiati” ma i rifugiati, finita l’emergenza della guerra…se ne tornano al loro paese, ma se loro tornano queste persone come fanno ad esistere?) e altre che invece lucrano proprio!

      Quindi mi dispiace, ma come dimostra Zac, siamo tutti pronti ad ospitarli fintanto che non stanno vicino a noi.
      A zac gli ho detto, viste le sue parole, di dare disponibilità per accogliere.
      Lui ha risposto che già rifornisce di viveri quelli di un centro li vicino.
      Capisci la differenza?
      Ti aiuto ma fuori da casa mia!
      questo è l’Italiano!

      1. Stefano, la così detta “opposizione” fa proposte tutti i giorni. Basta ascoltare oppure informarsi. Fa talmente tante proposte che è altrettanto risaputo che Renzi le cassa tutte, perché è lui che “comanda”, dice! Ergo, se boccia qualcosa, significa che qualcuno propone!

        Nello specifico “immigrazione”, non esprimo valutazioni sul sistema con il quale la politica ha affrontato il problema a livello nazionale e internazionale. Ovviamente ho le mie idee critiche ma, ripeto, non le esprimo.

        E non lo faccio, perché già da tempo vado affermando che se abbiamo questa politica a governarci, significa che ce la meritiamo. Nel bene e nel MARCIO!!!

        Vedi, Stefano, se è vero che l’immigrazione è stata gestita male, è altrettanto vero che tanti ma proprio tanti nostri connazionali, da decenni, approfittano di questo per sfruttare, quando non schiavizzare, gli immigrati in cerca di lavoro.

        Credo superfluo ricordarti coloro che vengono (ancora) impiegati nell’agricoltura, coloro che sono preda del caporalato, coloro che lavorano “in nero”, anche in certe ricche fabbrichette del nord. E non oggi ma, ripeto, da decenni.

        Sulla gestione dei profughi, invece, il discorso si fa anche più ampio. Prima di puntare il dito sugli stessi, dovremmo vergognarci dei politici che rappresentano l’Unione europea, per come si stanno comportando.

        Se un continente di 500 milioni di abitanti (perché tanti siamo in Europa) non riesce a gestire un fenomeno migratorio che tra immigrati e profughi, negli ultimi 20 anni, conta poco meno di 10 milioni di individui arrivati, allora siamo fottuti anche noi che siamo tra i 500 milioni!

        Sulla questione “ospitalità”, non conosco la situazione abitativa di Zac, come non conosco la tua e come tu non conosci la mia. Quindi, prima di fare valutazioni nel “merito”, personalmente ci andrei molto cauto.

        Detto questo, però, preferisco un individuo che si impegna FATTIVAMENTE per sostenere, ad esempio come fa Zac, un centro dedicato all’ospitalità dei migranti a chi, invece, non fa una beneamata cippa e poi ha anche da lamentarsi.

        Mio fratello, per esempio, non ha una casa molto grande e, quindi, non può ospitare. Però, non c’è settimana in cui non si faccia vivo presso la locale parrocchia (lui è un credente e pure praticante) per sostenere la comunità che si occupa di stranieri e poveri del quartiere, donando vestiti dismessi o alimenti espressamente acquistati.

        Ripeto, in Europa siamo 500 milioni di abitanti (e in Italia 62). Prima di criticare la politica, proporrei di guardarci tutti allo specchio.

        Ciao Stefano, buona serata.

        1. La differenza tra me,te e zac(e sono attento, è altrove che dovresti dire di stare attenti alle affermazioni) che che quest’ultimo scrive “Comunque sia SI’, 20, 30 50 quanti ce ne’ stanno, e gli preparo anche il vitto”
          Onore sicuramente a lui che:” ci sono 30iimmigrati ospitati, e dato che io mi faccio da mangiare tutti i giorni, al posto di cucinare un etto di pasta ne cucino mezzo chilo, idem per il pane e per tutto quello che compro a prezzi modici, e glieli consegno ancora caldi.” ma volevo far notare come l’ospitalità (campi rom compresi) è molto semplice quando sono “lontani”

  3. Vedi Carlo
    http://www.lindipendenzanuova.com/lecco-accoglie-14-profughi-ma-un-disoccupato-vive-sotto-un-telo/

    queste cose fanno arrabbiare.
    purtroppo poi arriva Salvini di turno ed invece che incazzarsi con i dipendenti pubblici, con il comune, con la provincia, ecc ci si arrabbia con chi ottiene un minimo in più!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: