PERPLESSITA’

PERPLESSITA’

Mi hanno colpito queste parole di Toni Jop:

“Non basta essere depressi per schiantare un aereo pieno di povera gente contro una montagna. Lo ricordo a sostegno dei tanti depressi che vivono a contatto di gomito con noi, ingiustasmente colpiti, più di noi, da come la notizia è stata fatta volare. Troppo facile criminalizzare, mostrificare una condizione umanissima e dolorosa”.

Le condivido pienamente.

Annunci

15 Risposte

  1. Anche io concordo.
    Associare la depressione ad un comportamento così violento come nel caso dell’aereo fatto precipitare è ingiusto, ma è vero che la depressione trascina nella sofferenza le vite delle persone che sono vicine al depresso. Con una provocazione, priva di valore scientifico, direi che la depressione è una grave malattia infettiva che colpisce oltre l’ammalato anche i suoi cari.

    Questo pilota ha voluto, a mio parere, vendicarsi. Vendicare la sua vita che gli è sembrata ingiusta da vivere fuori dal mito del top gun, giovane, bello, e pilota di una grande compagnia aerea. Una sofferenza a cui non ha saputo arrendersi con la ferocia dei deboli che si spezzano.

    E’ ingiusto “mostrificare” la depressione, ma questo pilota era sicuramente un mostro. Un po’ come Medea che vola via su un carro d’oro dopo aver ucciso i suoi figli inermi e Creuso in un modo atroce e soprattutto senza che questi potessero difendersi in alcun modo.
    Roberta

    1. Carissima,
      senti un po’ cosa dicono gli americani:

      http://www.informarexresistere.fr/2015/03/31/germanwings-secondo-la-tv-americana-cbs-non-era-lubitz-ai-comandi-dellaereo/

      Io non ci capisco più niente. Sarà vero?
      Ciao un abbraccio.

  2. Speriamo che la notizia su “informarexresistere” sia la solita americanata, altrimenti la cosa sarebbe gravissima e la nascita degli infiniti “perché?” non avrebbe fine.
    Una cosa pare certa: molti sapevano delle reali condizioni psico-fisiche del copilota e nessuno ha parlato per motivi di privacy, parola con la quale molti si riempiono la bocca. Ed ora? Di chi è la vera responsabilità? Del copilota o del detentore della privacy?
    Sarebbe l’occasione per far fare dei controlli sulle persone che rivestono incarichi di responsabilità diretta sui cittadini: piloti, autisti di mezzi pubblici, medici & affini, coloro che vivacchiano nelle stanze dei bottoni e …(elenco infinito) perché no ?, sui politici.
    Ciao Spera.

    1. Caro Antonio,
      sicuramente è una bufala, ma prima di scrivere cose così pesanti occorrerebbe avere prove certe. Informare per resistere è un blog (credo) che raccoglie articoli scritti da tanti, spero che non cada più in imbrogli del genere.
      Se tutti coloro che sapevano della condizione psicologica di quel pilota, perché gli hanno affidato la vita di tante persone? A questo punto sono colpevoli anche coloro che sapevano e non hanno impedito che la disgrazia succedesse.
      La privacy va bene, ma rispetto alla sicurezza delle persone, deve passare in secondo piano. E questo dovrebbe valere per tutte quelle persone che, per lavoro, hanno in mano la vita degli altri.
      Un grande abbraccio. Spera.

  3. Brava Spera, così si risponde ai TROMBONI.
    Un caro saluto e tanti auguri se non ci si trova più prima di Pasqua.
    Con stima.
    haffner

    1. Carissimo,
      a volte questi tromboni ci prendono per i fondelli. Ci vuole senso critico sempre in ogni occasione.
      Ciao e un grande abbraccio. Spera.

  4. Qualche bel post sui ladri del PD-L……no èh!!

    1. Carissimo,
      tu la prenderesti a schiaffi tua madre anche se facesse cose che non ti piacciono?

  5. Se penso a trent’anni di lavoro ( a gratis , come si dice a Bologna) della mia famiglia e della famiglia di mio marito alla festa dell’Unità … Mi viene una rabbia… Per superarla e per ridere con me , ti invio questo video di Gioele Dix che forse conosci…Porta pazienza!

    1. Carissima,
      non conoscevo questo pezzo di Gioele Dix, ma sembra proprio che faccia al caso nostro.
      Alle feste dell’Unità ci sono sempre andata anch’io (ci vado ancora) a servire ai tavoli o, quando era necessaio, anche a pestare aglio e prezzemolo. Ma non rimpiango nulla di quei tempi perché avevo attorno a me gente come me, felice di fare qualcosa per il “nostro” bene.
      Ora è un po’ diverso, il clima è diverso perché tanta gente è sfiduciata, ma io credo nel tempo che sa guarire anche ferite gravi. Abbiamo aperto le finestre, facciamo entrare aria nuova.
      Ciao Roberta, ti ringrazio per il video che mi ha fatto ridere.
      Comunque speriamo di non essere proprio così iellati.

  6. Una che dice di essere di sinistra e che sta con fonzarello…..è come dire pensavo fosse amore e invece era un calesse.

    1. Una che dice di essere di sinistra e sta con Renzi è più a sinistra di Bertinotti.
      Vuole bene a questo paese.

  7. Il termine (un pò troppo vago) di “depressione” sta al centro di un labirinto i cui percorsi per tentare l’uscita sono tortuosi e molto dolorosi. La ragione è calpestata quotidianamente dalla sofferenza e l’unico appoggio per non arrivare allo “schianto” di se stessi è la chimica. Quando fallisce anche questa, tutto diventa incontrollabile.
    Sul mio blog ho tentato un’interpretazione degli istanti che hanno determinato la tragedia.

    Un caro saluto ed un abbraccio. robi

    1. Carissimo,
      ho condiviso le parole di Toni Jop, perché anche a me non è piaciuto come il tutto è stato trattato. “Depressione”, che non significa granché. Forse avevano solo fretta di chiudere il caso, ma in questo modo hanno insultato e irrissolto un problema umano.
      Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: