DUE MINUTI DI TRAVAGLIO

DUE MINUTI DI TRAVAGLIO

Marco-Travaglio1Durante le ferie il tempo a disposizione c’è e ogni tanto si ascolta anche la Tv con leggerezza e curiosità, tanto per “stare un po’ aggiornati”.

Una mattina, in una trasmissione della7, la tv che ormai trasmette per otto ore al giorno dibattiti politici, mi sono fermata ad ascoltare. Era appena stata approvata la riforma del Senato.

Tra i commentatori (sempre i soliti) c’era di turno il Travaglio de  il “Fatto Quotidiano”.

Ho ascoltato incuriosita. Era un pezzo che non seguivo dibattiti, ma ho cominciato a sentirne di tutti i colori.

Ho preso appunti su che cosa è riuscito a dire, Travaglio, in due minuti, con quella sua voce da predica, da persona calma e sapiente che lascia intendere agli altri che lui sa tutto di tutto, alla Santanché per intenderci,  contro Renzi in particolare.

Sta roba del Senato,  migliorerà la vita solo a Renzi.

Boiata del Senato.

Cottarelli non piace a Renzi.

Non c’è cambio di rotta, anzi non c’è proprio la rotta.

Tutte queste cose non debbono muoversi, anzi non si muove proprio niente.

Lo molla anche Mister Taglio.

Renzi non va da nessuna parte.

Il Senato non serve a niente.

Pasticcio tra Camera e Senato.

La sua forza politica gli deriva dal fatto che non c’è alternativa.

Non è stato eletto.

Cosa centra tutto questo parlare di Senato con la crescita.

Abolire il Senato è un esercizio accademico.

Fare le cose non vuol dire farle.

Le cose stanno cambiando in peggio.

Il Senato sarà fatto del peggio del peggio che andrà a Roma a fare il dopolavoro.

Il collo di bottiglia è Palazzo Chigi.

Padoan e Renzi si odiano, perché Padoan ha lavorato con D’Alema.

Non piace neppure a Del Rio.

E’ convinto che a forza di dire che le cose vanno bene, tutto vada bene.

Continua a sbattere la testa là dove l’ha sempre sbattuta.

È sempre colpa degli altri.

Continua con le riforme sbagliate e rinvia le riforme vere.

Fa degli annunci, ma ha sbagliato agenda, cambiare verso, ma non cambia niente.

Ci risulta che il patto del Nazzareno sia scritto e sottoscritto.

Renzi inquina il Parlamento.

Nel patto c’è scritto che Prodi non deve diventare Presidente della Repubblica.

Senato dei dopolavoristi con immunità parlamentare.

Capipartito che si nominano i deputati

Ha vinto le elezioni regalando i soldi.

Ha sballato clamorosamente le previsioni ed i conti.

La cura non ha funzionato ma lui continua con la stessa cura.

Le riforme le fa nelle segrete stanze.

Tira il freno a mano.

È colpa dei gufi, dell’opposizione, dei giornali e di quelli di prima, mai la sua.

Rinvia le riforme utili.

Non dice che ha sbagliato.

Aveva detto che se sbagliava andava casa; -0,2% dimostra che ha sbagliato clamorosamente ma non ci pensa proprio ad andare via.

Inquina tutta la politica del governo.

Poi ho spento la Tv. La dose mi è bastata.

Annunci

6 Risposte

  1. E’ del tutto evidente che al Travaglio non vada proprio giu’ il Senato in quanto tale, o riassettato.

    Ed e’ assai probabile che egli abbia avuto assicurazioni, subito dopo il governo Monti, sulla sua candidatura in un collegio sicuro per sedersi a Palazzo Madama.

    A fronte di cio’ comprendo la sua acredine.

    Baci e bentrovata,
    Zac

    1. Caro Zac,
      tutto è possibile, anche una poltrona a questo furbo predicatore.
      Senatore a questo punto è difficile, perché bisogna che venga eletto prima come “un regionale”. Le nomine non contano più.
      In ogni modo non è che la riforma del Senato sia un gran cosa, ma si può criticare anche con meno cattiveria viscida.
      Ciao Zac, un abbraccio. Spera.

  2. Che Travaglio sia preparato ed informato non ci sono dubbi. Ma che pretenda di avere la verità assoluta su tutto, è quanto meno esagerata, specialmente quando “pilota” le sue verità a favore di chi gli fa più comodo, pronto a dimostrare il contrario, se non gli conviene più.
    Ciao Spera, bentornata.

    1. Grazie Antonio,
      é così, come tu dici. Parla col tono della predica della verità, forse è questo modo di interloquire così spocchioso che urta. Comunque ne ha infilzate parecchie di offese sottotraccia e non, anche se non capisco fino in fondo il motivo di tanta sottile cattiveria.
      E’ uno di tanti che ha la soluzione in tasca di tutti i problemi. Unica consolazione: quando lo vedo, cambio canale.
      Ciao Antonio, un abbraccio. Spera.

  3. Ciao Spera, ti invio questo scritto che esprime bene, a mio parere, le caratteristiche salienti del ” nostro” .

    Giancarlo Loquenzi
    11 novembre 2015 · Roma ·
    Ieri ho dedicato una puntata di Bianco e Nero all’assoluzione di Calogero Mannino nel processo trattativa Stato-mafia. Per farlo mi sono letto un po di articoli di Marco Travaglio utili e interessanti a ricostruire il contesto della sentenza. Il suo ragionamento era però inquinato da una contraddizione che mi pare da tempo consustanziale al suo modo di pensare. Quando qualcuno che Travaglio ritiene colpevole viene assolto in lui scatta una duplice reazione. 1) “Non mi interessa il profilo giudiziario” dice, “mi interessano i fatti”. La sentenza di assoluzione in sostanza non cambia di una virgola “i fatti” di cui Travaglio è geloso custode. Quelli restano, fieri e inconcussi, a “gridare” la colpevolezza sostanziale del malcapitato. 2) in questi casi, per Travaglio, una sentenza di assoluzione è sempre “provvisoria”, un passaggio spesso fastidioso prima che la luce della colpevolezza brilli nei gradi successivi di giudizio. I giudici avranno commesso una svista, si saranno inteneriti, ma attenzione a considerare l’imputato innocente più che per una incresciosa fase “provvisoria”.
    Al contrario, quando giunge una sentenza di colpevolezza che soddisfa le aspettative di Travaglio, essa perde immediatamente il suo “profilo giuridico” ed entra a testa alta nel mondo dei fatti. Entra cioè a far parte di un empireo superiore dove sentenze e fatti luminosamente coincidono sotto lo sguardo benevolo di Travaglio. Una sentenza di colpevolezza poi è sempre “definitiva”, sì certo ci sono quei fastidiosi tre gradi di giudizio, in cui avvocati azzeccagarbugli ed ermellini fumosi posso ribaltare la verità processuale ma certamente mai quella fattuale. Una sentenza di condanna, anche cancellata in appello o in cassazione, resta per sempre come un marchio a fuoco, pronta a essere rievocata per ogni buon conto. Perché la condanna è limpida, onesta, pura. Nell’assoluzione invece c’è sempre un “però”.

    1. Carissima Roberta,
      Ecco un bellissimo esempio di uno che ragiona credendo di essere superiore a tutti nel “giudicare” l’operato delle persone.
      Se la sentenza dei giudici coincide col suo giudicare, allora tutto va bene. Ma se, per caso, una persona viene assolta, ma che, secondo Travaglio, è colpevole, allora non c’è ma che tenga, è colpevole e basta. Il profilo giudiziario non vale.
      C’è sempre un ma o un però. Non c’è mai assoluzione.
      Questo mi fa pensare a quanto sia grande il suo ego.
      Si potrebbe tirare in ballo la filosofia, di cui conosco poco, ma che potrebbe spiegare un atteggiamento simile in una persona. Mi viene da pensare ad un Narciso, ma non è neppure bello da potersi specchiare e morire per la propria immagine, neppure quella intellettuale, ma morire per la propria credibilità perduta sì.
      Sono troppe le cavolate che dice, in poche righe è peggio di un comico, o di un ironico, o meglio di un sarcastico. Ma di quel sarcasmo che prende in giro i difetti degli altri (spesso causate da serie malattie), con un senso di cattiveria che fa venire i brividi.
      Per me persona infida e inaffidabile.
      Grazie carissima Roberta.
      Un abbraccio grande. Spera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: