LA TAGLIOLA DI GRILLO

LA TAGLIOLA DI GRILLO

imagesCATFQ3J3Da qualche ora, in casa cinquestelle, è in corso una gara di tuffi: smentendo clamorosamente ciò che aveva disposto in materia la base nel web, hanno deciso di votare contro il provvedimento per la depenalizzazione del reato di clandestinità passato ieri alla Camera.

In questa bellissima contorsione, si sono adeguati alla volontà del capo unico che in quella consultazione mesi addietro aveva perso – ora lo sappiamo – solo temporaneamente la partita.

Così adesso, coperti da un tanga d’ordinanza piuttosto imbarazzante, provano a far capriole per giustificare questo sorprendente allineamento al pensiero di Grillo.

Del resto, tra “evasioni” ed espulsioni devono essere rimasti in casa i “migliori”, i più affidabili e rispettosi del potere e ciò che il mese scorso sembrava impossibile, ora è vero: si può contraddire la base, a condizione che lo staff lo voglia. Come per i talk show: hanno fatto un cimitero di “traditori” troppo sensibili ai richiami del piacere del salotto tv ma, da qualche settimana, i parlamentari cinquestelle volteggiano in quei salotti come farfalle in primavera.

L’etica si sposta, la norma ha meno spessore del celebre tanga, e tuttavia si presentano come difensori della democrazia, come chi ha la sola ricetta giusta per evitare nel Paese una svolta autoritaria. La sola ricetta starebbe quindi nella tagliola che Grillo ha loro imposto: se sgarri dalla linea, paghi duecentocinquantamila euro di multa di tasca tua. Questa è democrazia, questo il messaggio.

Ecco perché si vota tutti in coro, nonostante si tratti di piegare a gomito il percorso che a proposito di clandestini lo stesso M5S aveva descritto.

Erano stati due senatori del Movimento a presentare un emendamento con il quale si apriva la strada alla depenalizzazione del reato di clandestinità: pareva che questa ottima iniziativa avrebbe tenuto a battesimo una glasnost grillina. Un successivo post sul blog dei blog aveva chiarito invece l’atteggiamento del capo megafono: «Se durante le elezioni politiche avessimo proposto l’abolizione del reato di clandestinità… il Movimento Cinque Stelle avrebbe preso percentuali da prefisso telefonico».

Dura sconfessione dei suoi, richiamo estroverso e potente ad una furbizia alla quale si son sempre detti estranei.

Per questo, aveva fatto discreto clamore il fatto che, a gennaio, la base, chiamata ad esprimersi con un referendum on line, avesse ciò nonostante preferito sposare a maggioranza la depenalizzazione, a dispetto delle cautele del capo.

Ma la frattura si è ricomposta ieri, con quel voto che si è accodato a quelli della Lega di Salvini e di Fratelli d’Italia, il parco culturale che il mondo ci invidia.

Confusi tra elmi, corni, ampolline, i parlamentari cinquestelle si difendono come possono: hanno pubblicato una nota sul loro sito in cui, è bene che tutti sappiano, danno del «galoppino del Pd» a chiunque sostenga che avrebbero votato contro la depenalizzazione del reato di clandestinità.

Quindi, basta aprire gli occhi per meritarsi questa terribile “accusa”.

Come se quelli di Forza Italia “denunciassero” come piddini quelli per i quali i parlamentari Pdl avrebbero votato in aula sostenendo che il caimano riteneva davvero Ruby la nipote di Mubarak, e smentissero così di aver votato a quel modo.

Gira la testa?

È normale.

Invece, loro insistono: affermano di aver votato gli emendamenti che andavano in direzione della depenalizzazione; vero, tranne che alla fine han votato contro la legge: è facile fare i fighi con gli emendamenti.

Poi, lamentano che la legge contenesse quattro provvedimenti, benché tra loro connessi. Poi, non vogliono concedere al governo – dicono – nuove deleghe in materie tanto delicate; infine, denunciano, troppa discrezionalità per i giudici.

Tutte le scuse son buone, persino quelle pronunciate in un politichese da cadavere putrefatto, quando sei con le unghie conficcate in una lavagna.

(Toni Iop)

Annunci

4 Risposte

  1. Coloro che dovevano aprire il Parlamento come una scatola di tonno, hannno invece ben capito che ci stannno come il bruco nella mela: scavano e mangiano, cambiando opinioni a velocità supersonica con contradizioni paurose che non li scalfiscono minimamente, con il sostegno di personaggi squallidi ben remunerati dalla reclame di cui sono abbondantemente farciti i programmi televisivi.
    Ciao Spera, un forte abbraccio.

    1. Hai ragione, ci stanno benissimo seduti su quelle poltrone, e sono diventati una casta pari pari agli altri. Hanno un compito facilissimo, rispetto agli altri: ubbidire al capo extraparlamentare.
      Ci pensa lui a risolvere i problemi e se proprio sono un po’ più complessi, si fa una votazione online, così si può gettare il sasso e ritirare la mano senza assumere alcuna responsabilità.
      Bella la vita così!
      Ciao Sileno, un abbraccio.

  2. Come da prassi, il caro Toni non sbaglia un colpo.

    segnalo che il primo emendamento passato in commissione con i voti di Pd Sel e M5S recante come primi firmatari Buccarella Cioffi, grillini, abolisce il reato di clandestinita’.
    L’emendamento e’ passato a maggioranza nell’ottobre 2013.

    Tutto il resto e’ raccontato dall’impareggiabile Toni.

    Baci
    Zac

    1. Peccato davvero che, per principio preso, il capo indiscusso blocchi anche alcune “idee” molto buone presentate dai parlamentari pentastellati più consapevoli dei problemi del paese. Per non subire una condanna pecuniaria enorme, hanno dovuto adeguarsi.
      Che partito è mai quello che pensa solo al suo potere e non al paese?
      Che ci sono andati a fare in Parlamento accettando la condizione di parlamentare con le responsabilità (se uno ha un po’ di dignità) che tale accettazione comporta?
      Spero che queste domande se le pongano anche coloro che hanno creduto in questo movimento.
      Per questo mi piace tenere nel blog i commenti eccezionali dell’eccezionale Toni Jop. Chissà qualcuno potrebbe anche leggerli.
      Ciao Zac, un grande abbraccio. Spera,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: