L’8 MARZO 2014 – IN PIAZZA A TORINO

L’8 MARZO 2014 –  IN PIAZZA A TORINO

1898283_10202138484401790_1403641458_n

Riceviamo e volentieri condividiamo  Da Giulia del Collettivo Altereva di Torino:

Vorrei mandare una lettera aperta a chiunque desideri condividere questa lotta.

Vi chiedo di pubblicarla, non in virtù della mia conoscibilità o autorità mediatica, ma come femminista che usa abitare i collettivi, i movimenti, la città e che chiede ad altre donne di dare spazio alle proprie parole.

Parto dal desiderio di libertà che mi muove, parto dalla consapevolezza che il percorso di conquista delle nostre libertà passa necessariamente dalla lotta.

Qui, da tutte noi, cerco una risposta per dar senso a queste parole.

Si sta di nuovo combattendo una battaglia politica sul corpo delle donne, in un modo che abbiamo già vissuto.

Quest’offensiva si impegna su un doppio piano: dal basso, con la presenza dei no-choice negli ospedali, consultori (e a Torino di recente anche nei luoghi della formazione) e dall’alto nelle istituzioni europee e statali. La proposta di legge del governo del partito popolare conservatore spagnolo, oltre a riaffermare l’obiezione di coscienza per tutto il personale medico, introduce drastiche limitazioni alla possibilità di interrompere la gravidanza, attribuisce l’esclusiva decisione ai medici e riporta l’aborto a essere un reato.

Nella stessa direzione si colloca la bocciatura da parte del Parlamento europeo della risoluzione Estrela, che intendeva impegnare gli Stati della UE a mettere al centro delle proprie politiche sociali i diritti sessuali e riproduttivi, la lotta alle discriminazioni basate su genere e orientamento sessuale e l’autonomia di scelta delle donne.

Così in Grecia, fra le pesanti limitazioni del welfare dovute alle  politiche di austerity, l’interruzione volontaria di gravidanza é stata eliminata dalle prestazioni gratuite e garantite dal sistema sanitario nazionale.

E ora, con le elezioni politiche Europee, si apriranno nuovi scenari (quali?) o semplicemente si stanno già aprendo e diffondendo intorno a noi?!

L’azione delle destre conservatrici è diffusa e va oltre i confini nazionali. Alcuni esempi recenti.

Il 2 febbraio, in Francia c’è stata la manifestazione contro l’educazione sessuale nelle scuole, l’aborto e i matrimoni gay (200.000 persone); il primo marzo ci saranno presidi dei no-choice davanti agli ospedali di tutta Italia e il 2 aprile, a Milano, ci sarà la loro manifestazione nazionale per promuovere un referendum per l’abrogazione della 194.

Mi sento, come credo tutte voi, accerchiata. Non mi piace ritrovarmi qui, ma non posso sottrarmi. E non posso aspettare un cambiamento peggiorativo della legislazione nazionale per reagire. Perché non voglio disattendere le aspettative di libertà che tutte noi, con percorsi differenti, abbiamo creato e costruito nel tempo.

Vorrei sapere cosa accade nelle altre città, mettermi in relazione con altre donne, collettivi, condividere una lotta. Vorrei mettermi in relazione con i movimenti delle donne di altri paesi, per un 8 marzo (e poi un percorso) l’una a fianco dell’altra.

Per questo faccio un appello alle donne, a partire da noi, dalle diverse città italiane, a mobilitarsi, superare le differenze e le istanze particolari, per stare l’una a fianco dell’altra, vicine alle donne spagnole, greche, francesi e etc.

Costruiamo dei percorsi di lotta, mettiamoci in relazione sui territori, anche se non c’è tempo, nonostante le differenze, creiamo un’onda di manifestazioni, presidi, azioni.

Dobbiamo partire da qui per andare oltre.

L’8 marzo scendiamo in piazza, prendiamo parola per rivendicare il diritto di scegliere sui nostri corpi e sulle nostre vite. Ognuna con le proprie parole, i propri percorsi.

Ma stiamo unite.

L’8 marzo a Torino noi manifesteremo per le strade della città insieme a tutte le altre organizzazioni, associazioni e collettivi  di donne presenti sul territorio. E’ stato e sarà complesso. Ma l’8 marzo e dopo, ci saremo.

Vi chiedo di essere con noi, noi tutte.

Vi chiedo di metterci in rete e dirci cosa sta accadendo nelle altre città; di utilizzare ogni luogo di donne per far si che davvero riesca ad esserci una restituzione di ciò che accade sui territori.

Questo 8 marzo diamo un messaggio chiaro: siamo unite, indietro non si torna.

Sul corpo delle donne decidono le donne!

Alcuni riferimenti che ho trovato, Ce ne saranno altri,  se volete aggiungeteli!

http://maipiuclandestine.noblogs.org/

http://womenareurope.wordpress.com/

http://centonovantaquattro.wordpress.com/

http://vialibera194.wordpress.com/

un-omaggio-a-tutte-le-donne-996a58a9-6038-4a4f-aa54-2006b4e614c0

Annunci

10 Risposte

  1. Bellissimo e commovente video. Come già saprai in Toscana le donne un risultato lo hanno raggiunto, con la pillola per l’aborto, (non ricordo il nm scusa)
    Speriamo che questo e altri risultati vengano raggiunti anche a livello nazionale.
    Ciao spera un abbraccio, W le Donne Lidia.

    1. Carissima,
      la conquista che ha fatto la tua Regione è grande (La RU-486), solo che non dovrebbe essere circoscritta alle singole regioni, ma dovrebbe costituire un patrimonio di tutto il paese.
      Così come in Abruzzo è consentito l’uso del derivati della cannabis per il controllo del dolore fisico provocato dalla sclerosi multipla, Ma quello che mi meraviglia è il fatto che per arrivare a queste possibilità reali di cura, si debba passare attaverso ricorsi alla magistratura,
      Ci dovrebbe essere qualcuno più in alto in grado di capire come si deve trattare la salute della gente.
      Non un Giovanardi qualsiasi (che, per inciso, ci troviamo ancora tra i piedi).
      Grazie Lidia, un grande abbraccio e buona domenica. Sole.

      1. Ringrazia, Spera, il tuo CENTROsinistra, che nel 2000 ha riformato il titolo V della Costituzione, dando poteri sproporzionati alle Regioni, con la conseguente esplosione della spesa pubblica, e creando intollerabili discriminazioni fra cittadini della stessa Nazione, solo perché residenti in zone diverse. Non capisco proprio come si faccia ancora a difendere l’indifendibile: quando si sveglierà questo nostro Paese?!? Ancora con la storia dell’abolizione delle Province… nessuno che proponga l’abolizione delle Regioni, uno dei mali peggiori che si siano potuti “inventare” per fregarci…
        Anche se il giorno dopo, valgono lo stesso gli auguri di buona festa delle donne a te e a tutte le partecipanti al Blog!

        1. Dalle tue parole, Massimo, deriva anche la necessità di riformare il titolo V della Costituzione, come ha proposto Renzi.
          Gli errrori si fanno e si pagano cari, ma rimetterci mano è sempre difficilissimo. La stessa cosa riguarda la riforma elettorale nota come porcello fatta dalla destra legaiola e berlusconiana o la pessima riforma Gelmini della scuola.
          Ma io volevo mettere l’accento sul fatto grave. Per curare le persone, si deve sempre far intervenire la magistratura. In alto, oltre le regioni, non ci sono le persone giuste.
          Ciao Massimo, un abbraccio. Spera.

  2. Ogni anno, per la festa delle Donne, siamo qui a ricordarle e commemorarle al passato, quello pessimo, loro malgrado.
    Penso sia più giusto pensare al futuro, facendo una campagna di prevenzione a tutti i livelli, compreso quello politico, affinché si prodighino per una pena pesante e certa, perché una donna, vittima, non avrà mai uno sconto di morte.
    Un dolce pensiero a tutte le donne.
    Ciao.

    1. Hai messo il dito sula piaga, “siamo qui a commemorarle al passato”. E’ vero, dobbiamo guardare al futuro.
      Ma si prospetta non bello, tantomeno sereno, se, com’è capitato proprio l’8 marzo di quest’anno, in italia, sono state uccise tre donne dalle persone di cui si fidavano.
      A questo punto il problema non è più delle donne, ma dell’uomo, che non riesce più a sopportare nulla, riesce solo a vedere se stesso. Amare significa donare non prendere solo quello che piace.
      Grazie Antonio, un abbraccio. Spera.

  3. Auguri a tutte le donne e un grandissimo abbraccio!
    Buon fine settimana. 😉

    1. Grazie pesciolina, contraccambio l’abbraccio e ti lascio un breve filmato di auguri.
      Ciao.

      1. Che meraviglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: