A CHE COSA SERVE L’ODIO DELLA LEGA?

A CHE COSA SERVE L’ODIO DELLA LEGA?

o-MATTEO-SALVINI-facebookIn questi giorni chi ha modo di seguire la stampa, le varie opinioni, le reazioni della gente, dei partiti e via dicendo si riempie la testa di tutto e del contrario di tutto.

La prima cosa che colpisce è la straordinaria  propaganda della Lega Nord. Continua a sostenere che il Nord è l’unico che paga le tasse ed è l’unico a mantenere questo paese, per cui bisogna che il Nord non paghi più e faccia pagare magari al Sud che si è sempre fatto mantenere.

Se si va a vedere chi è che veramente paga le tasse, in Italia,  si scopre che l’87% delle imposte che lo Stato incassa, deriva dai lavoratori dipendenti e dai pensionati. Può darsi  allora che la Lega pensi che al Nord abbiano preso dimora tutti i dipendenti e quasi tutti i pensionati. La Lega dovrebbe fare un  censimento,  così si rende conto di chi ha in casa, al Nord. Non importa quindi se la verità è un’altra, alla Lega importa alimentare l’odio del Nord contro il Sud e l’odio delle partite iva contro i dipendenti e pensionati.

Adesso se la prende con l’Euro.  Salvini Matteo, segretario,  si è ritagliato un nuovo modo di parlare alla pancia degli italiani. Il nemico è l’Euro, la causa di tutti i mali del Nord è l’Euro.

Ma lo sappiamo,  è roba datata, un nemico la Lega lo deve trovare per essere sempre in campagna elettorale. Prima ce l’aveva con i negri extracomunitari stupratori e ladri di lavoro, e in particolare con la ministra Cécile  Kyenge, adesso con l’Euro. Comprensibile, siamo alla vigilia delle elezioni europee e un partito che ha nel suo Dna l’odio per qualcuno,  non poteva fare diversamente.

Per tentare di vincere  le prossime elezioni europee, si allea con tutte le bande più estreme che esistono in Europa. Non importa se poi la sua decisione metterà il paese in ginocchio. L’importante è gridare contro qualcosa sempre e comunque.  Con l’aiuto del mortifero Grillo e dell’opportunista Berlusconi, potrebbe anche vincere le  prossime elezioni europee.  Speriamo di no.

Annunci

16 Risposte

  1. … speriamo davvero di no.

    Buona giornata, Spera.
    Nadia

    1. E’ un auspicio che ci facciamo, quasi uno scongiuro, ma li vedo calare come falchi su quelle elezioni e ne vedremo di tutti i colori.

      Ciao carissima, un abbraccio. Spera.

  2. cara Spera,
    ho sentito alla radio, nei programmi della notte, alcune interviste a Salvini e devo dire che rimpiango Bossi che detestavo.
    Ancora un buongiorno. robi

    1. La Lega, eleggendo Salvini a segretario, ha peggiorato di molto la “credibilità”, ammesso che ci sia stata, della Lega stessa. Ormai è sparito anche il federalismo, per far posto ad una strana politica, fatta di slogan, di mal di pancia e di egoismo.
      Sempre peggio, questa politica senza senso.
      Ciao Robi, un abbraccio. Spera.

  3. Meno male che Cancellieri non ha messo su un gruppo

    Altrimenti avremmo confermato anche lei. Per il momento, abbiamo confermato Alfano al ministero dell’Interno.

    Sul caso Shalabayeva, l’attuale premier incaricato ha più volte affermato che, se fosse stato segretario del Pd, avrebbe sfiduciato Alfano, colpevole di “una vicenda di cui come italiano mi vergogno, che coinvolge una bambina di sei anni”: è “indegno scaricare su servitori dello Stato e forze dell’ordine tutte le responsabilità senza che venga mai fuori un responsabile politico”.

    Il responsabile politico lo abbiamo ritrovato. Sono soddisfazioni.

    Questo lo scrive Civati sul suo blog!A Spera e i commentatori che se la suonano e se la cantano consglio di andare sul blog di Civati e leggersi i commenti degli elettori del PD!

    1. Alfano volente o nolente farà parte di questa maggioranza. E’ la conseguenza della catastrofe delle elezioni del febbraio dell’anno scorso. Questa è una realtà che stiamo vivendo, anche noi, non bene, ma ne dobbiamo prendere atto, consapevolmente. Siamo degli adulti in politica e sappiamo che cosa è una realtà anche amara, ma che si deve accettare.
      Alfano è quello che è, ma dietro di lui c’è una zavorra che forse è anche peggio, per esempio Giovanardi e Formigoni. Ciò che conta è non lasciare loro tanto spazio e se “sbagliano” debbono essere mandati a casa. Ti ricordo che Letta non è più Presidente del Consiglio e che le cose adesso stanno cambiando, anche con un Alfano nella maggioranza.
      Civati è il mio politico preferito, uno come lui ci vuole nel Pd, perché è il sale del Pd, è la persona che raddrizza le curve, aiuta a crescere, impedisce di fare errori ed è la coscienza di questo partito. E, ti ricordo, che il Pd è un partito democratico.
      Ciao Mario, un abbraccio. Spera.

  4. Tanto per cantarmela e suonarmela, ho appena visto i pochi minuti di streaming del pregiudicato per omicidio, intento cantarsela e suonarsela senza concedere un minuto, dico un minuto al Presidente del Consiglio incaricato, con il quale, in seguito a un sondaggio sul web, avrebbe dovuto conferire.
    Ho notato il miglioramento nei commenti grillini, non sono più a base di link verso articoli di giornale, ma inviti a leggere altri articoli, esprimere pensieri propri è sempre troppo difficoltoso e magari si rischia anche la scomunica fra gli insulti.

    1. Ma non ha avuto l’ultima parola, il povero grillo ha perso la battuta finale, lui abituato al palcoscenico, c’è rimasto male. La battuta finale che è rimasta a Renzi: “Beppe, esci da questo blog”. Bellissima battuta. Ci ha fatto capire che la politica per grillo è in un blog, mentre la vita vera della gente è sul campo a sudare, a soffrire, a rinunciare anche alla vita.
      Che tristezza.
      Ciao Sileno, un abbraccio. Spera.
      P.S. Quando si scelgono buoni “amici” si migliora.

  5. La lega è da quando i suoi voti hanno avuto un calo strepitoso, che sono in campagna elettorale. Crede che se continueranno così, spariranno.
    Questo piano piano succederà anche al grullo, dopo la figura da barbaro che ha fatto ieri, con buona pace di tutti i suoi votanti.
    Ciao spera un abbraccio Lidia.
    @Sileno, bèh ha fatto progressi, anche se ancora riporta cose scritte dagli altri.

    1. Carissima Lidia, amica mia, la Lega fa tanto chiasso ora proprio perché comprende che non riesce più ad attirare molta gente. Sono spariti i pratoni di Pontida. Gli elmi dei celtici ed i rutti liberi, sono un ricordo folcloristico, ma sono apparsi, con maggiore insistenza, gli insulti, la negazione dei dialoghi, il culto del Nord, l’odio verso gli extracomunitari e la maledizione dell’euro, responsabile di tutti i mali. Sempre peggio.
      Ciao carissima, un grande abbraccio. Spera.

  6. Sì definitivo al dl, in Senato democratici e berlusconiani dicono no a emendamento M5S che escludeva dagli sconti di pena i condannati per tangenti. Con il voto segreto

    Ecco per chi votate pagliacci!!

    1. Mario, io ti ospito volentieri nel blog, ma non chiamare me e i miei amici “pagliacci”. Intesi? Ognuno ha il diritto delle proprie idee e noi le rispettiamo, pur sostenendo le nostre.
      Ciao Spera.

  7. Cara Spera, la cosa imbarazzante e’ sentire il celticosalvini sostenere che “I nostri padani veneti, con il loro lavoro, sfamano almeno la meta’ della nazione”.

    Io sono veneto, e non sono padano, e non ho MAI votato lega, e come me altre centinaia di migliaia di persone.

    Pero’ a sentire i neomedievalisti qui ci stanno solo loro a lavorare.

    Continuano a farmi sempre piu’ pena.

    Ciao
    Zac

    P.S.
    Non preoccuparti, il comico e il nanopriapo non vinceranno, non c’andranno neppure vicino

    P.S.2
    Dato che veniamo definiti pagliacci qui sopra, sarebbe carino sapere quale sostantivo attribuire ai grillini, che continuano ad “agire” come se fossero i depositari della verita’ assoluta, senza portare a casa uno straccio di legge.
    Non userei lo stesso termine, ma rimarrei sul campo circense:
    “Babuini” mi sembra appropriato.

    In tal senso credo di poter interpretare anche il pensiero di Pippo, che ultimamente e’ la fonte principale dei copia e incolla del geniobabuino qui sopra, che non avendo altro da fare ti informa dei decreti e degli emendamenti, per fortuna c’e’ lui che sparge il verbo dell’aula.

    1. Eppure credo che sia una convinzione radicatissima, nella attuale Lega, quella di sostenere che solo il Nord paga le tasse e mantiene il paese. Su quali dati non si sa, visto che l’Istat dice diversamente.
      Forse fa parte delle solite bugie che bisogna continuare a ripetere, per farle diventare verità. Ma fanno solo pietà.
      Mi auguro che Berlusconi, e Lega non vincano alle europee, ma con il populismo incoerente di grillo, ci andranno molto vicino. La gente parla e sente con la pancia, oggi, la Lega ha fatto scuola, combinando, però, solo disastri politici. E noi tutti ci rimettiamo.
      E sì, il nostro amico Mario, ama molto citare Civati, perché sa che per Civati ho un debole e l’ho tuttora anche se a volte non condivido del tutto le sue lamentele e le sue argomentazioni, soprattutto quando sostiene che sarebbe bene avvicinarsi ai grillini. Mi piacerebbe Sel, ma non i grillini.
      Ciao Zac, un grande abbraccio. Spera

  8. @ rasoiata……..dovreste cominciare a preoccuparvi,visti i sondaggi di Tecnè per TgCom24: Pd in discesa, Fi sostanzialmente stabile, M5S in crescita di ben tre punti. Ma soprattutto la coalizione di Berlusconi che stacca di 7 punti – il massimo mai registrato – quella di centrosinistra. Da notare che torna a crescere l’area degli incerti/non voto: ne fa parte circa un italiano su due. Queste le indicazioni di voto per i partiti (tra parentesi la percentuale ottenuta l’11 febbraio): Pd 28,7% (31,0), Forza Italia 25,3% (25,4), M5S 24,6% (21,6), Ncd 3,8% ( 4,3), Lega Nord 3,8% ( 3,4), Sel 2,6% ( 2,1), Fratelli d’Italia 2,5% ( 2,6), Udc 2,4% (2,5). Altri (partiti sotto il 2%) 6,3% ( 7,1). Incerti/non voto 49,6% (48,9). Queste le indicazioni di voto per le coalizioni (tra parentesi la percentuale ottenuta l’11 febbraio): Centrodestra (Fi-Ncd-Udc-altri) 38,9% (39,4), centrosinistra (Pd-Sel-altri) 31,9% (33,7), Movimento 5 Stelle 24,6% (21,6), Centro (Sc) 0,8% ( 0,9, Sinistra (Prc-Idv-altri) 2,2% ( 2,5).

    1. Proprio non capisco che uno come te sia contento che la coalizione di Berlusconi sia davanti al centrosinistra di 7 punti. Forse pensi che, in questo modo, grillo potrà raggiungere il 51% molto presto? Può darsi, se esiste ancora, nel 2050.
      Ciao. Spera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: