ALMENO DATECI UN MOVENTE

ALMENO DATECI UN MOVENTE

218190_1025516210915_709_nPiacerebbe sapere chi ha deciso che la base della sinistra debba pagare il conto per tutti, piacerebbe sapere perché.

Perché c’è determinazione in questo accanimento che impone ad esempio al Pd di esprimersi non tanto distante dal proprio sentire ma esattamente contro.

Contro.

Sempre contro.

Come in un laboratorio sadomaso in cui si mette alla prova la capacità di tenuta di un organismo rispetto ad una sequenza di vessazioni di varia natura e di varia intensità.

Qualcuno trova piacere in questo dispiacere.

Chi?

Qualcuno trova interesse nello sfilacciamento progressivo della quota di rappresentanza del feeling della sinistra interpretato e costantemente smentito da una grande forza politica?

A qualcuno sta a cuore un Pd più piccolo, più agile e maneggevole?

A qualcuno sta a cuore che tra base e dirigenza si scavi un solco mai più componibile?

Quel che accade sotto i nostri occhi è una tragedia stonata.

Almeno dateci un movente.

(Toni Jop)

Annunci

18 Risposte

  1. A me starebbe a cuore che quasi tutti gli attuali dirigenti del PD (escluderei Civati e pochi altri) sparissero x sempre dalla scena politica e magari trovassero un’occupazione lavorativa precaria a 800€ al mese..
    Scusa ma è diventato proprio impossibile sopportare quello che fanno ogni giorno.
    Non avercene, ciao un abbraccio

    1. Teniamo presente alcune cose.
      La prima è che i parlamentari Pd sono persone scelte dai dirigenti dell’attuale Pd (le cosiddette parlamentarie sono state un po’ una farsa, messe su all’ultimo momento, con indicati i nomi già scelti dalla dirigenza).
      La seconda è che il Pd non ha un segretario che abbia la forza di dire alcunché nei confronti del Presidente del Consiglio.
      La terza è che Letta è stato messo a capo del governo da Napolitano.
      Di conseguenza se si votava la dimissione della Cancellieri (ma anche di Alfano per la questione kazaka), si sarebbe votato contro Napolitano, che voleva dire contro Letta e quindi contro il governo.
      Questi sono tutti giochini politici che non tengono in nessun conto ciò che pensa la base del partito Pd.
      C’è solo da augurarsi che chi guiderà, dopo l’otto di dicembre il partito, abbia la forza di cambiare il sistema dei giochi e degli equilibri, e soprattutto di allontanare l’ombra così ingombrante di Napolitano.
      E dopo finalmente si cominci a parlare di cose serie. Finora sono stati solo inchini alla destra e a Napolitano. Tanto valeva che al governo il Pd non ci fosse.
      Ciao carissimo, un abbraccio.

      P.S. Comunque non demordo e non voterò mai grillo, questo è chiaro.

  2. Anche l’ultimo filino di speranza si è spezzato. Sono in perfetta malafede. Puntano solo alla conservazione del potere e dei loro privilegi. Non ce l’hanno un movente confessabile. Non si può dire che “alcune telefonate non ci piacciono e per questo la invitiamo ad andare avanti” (a farne di altre?)

    1. E’ proprio per questo che ho inserito nel post le parole di Toni Jop. Esprimono molto meglio di quanto avrei potuto dire io lo stato d’animo degli iscritti al Pd. Tutto ciò dipende dal fatto che alla guida di questo partito non c’è una personalità in grado di modificare profondamente il modo di fare che adesso c’è in campo.
      Comprendiamo che la Cancellieri non si poteva cacciare perché Napolitano si sarebbe arrabbiato e anche perché l’asse tra Letta e Alfano si sarebbe incrinata. Il governo era in pericolo perché è un governo non votato, ma messo in piedi dal capo dello stato e da Berlusconi.
      Ma non comprendiamo che a sopportare tutto questo peso debba essere sempre il Pd e debba essere sempre il Pd a tradire la propria base.
      C’è solo da augurarsi che questa specie di stato agonico finisca presto, altrimenti il Pd si assottiglia a tal punto che cade per inerzia.
      Ciao carissimo, un abbraccio.

  3. Vorrei poter scrivere qualche parola di speranza, invece vedo che giorno dopo giorno sprofondiamo sempre più; ho fatto un grosso sforzo per votare alle primarie, non credo che l’otto dicembre andrò ancora a votare non sentendomi rappresentato da nessuno dei tre candidati; l’unico dal quale per le idee sentivo minore la distanza, ha però alle spalle una processione di cariatidi inamovibili, ( non è che il sindaco ne abbia di meno, precisiamo!), fra i quali il primo è l’inciuccione posato sulla spalla del presidente, sempre in sintonia per mantenere in sella il frodatore, utile, anzi indispensabile, per poter accedere al colle più alto.
    E una volta di più: mala,mala tempora currunt!

    1. Hai ragione, non sono bei tempi. Non sono bei tempi per la sinistra tutta e soprattutto per il Pd. I Famosi 101 hanno una forza inaudita. Lo si è visto da come si sono svolte queste ultime vicende, non c’è stato neppure un dibattito, Letta ha semplicemente imposto ai parlamentari di votare la fiducia alla Cancellieri. Un analoga situazione deve essersi svolta, a suo tempo, quando lo squadrone dei 101 decise di affossare Prodi.
      È triste doverlo ammettere, ma anche il nuovo segretario del Pd, chiunque sia dei tre, difficilmente riuscirà a cambiare la situazione. Ma in ogni modo occorre tentare, guardare oltre e sperare che i giurassici di questo partito magicamente scompaiano. Così si rischia non solo l’immobilità, ma la fine del partito.
      Ciao carissimo, un abbraccio.

  4. il gruppo dirigente di questo partito dev’essere preso a calci nel sedere. Basterebbe questo.

    1. Cerchiamo di mandarli a casa. Dopo anni e anni di permanenza in quelle stanze debbono stare a casa, ma starci veramente, senza apparire poi come opinionisti da tutte le parti e continuare a rompere le scatole.
      Ciao, un abbraccio.

      1. La degenerazione della classe dirigente non è nel DNA di questi o di altri, è legata al permanere in posti di comando o di potere per troppo tempo. Allungandosi questi tempi si arriva a considerare normali alcuni privilegi, a considerarsi depositari della verità, ad approfittare, ad utilizzare “il tengo famiglia” più di quanto sia lecito. Non possiamo sperare di poterli mandare a casa, il sistema sviluppa anticorpi eccezionali per difendersi. Se al posto di questi verranno altri, fra qualche tempo il problema si riproporrà. L’unica è mettere dei limiti, senza deroghe, al numero dei mandati politici. In questo modo nessuno sarà in conflitto di interesse (o lo sarà molto meno) nello stabilire regole o nel varare provvedimenti utili alla casta e dannosi per il popolo. Riusciranno a fare almeno questa riforma?
        Abbracci

        1. Il guaio è che non ci danno neppure una giustificazione valida di quello che fanno. L’unica cosa che sentiamo dire è: che non ci sono alternative, oppure che cade il governo.
          Ma lo vogliamo tenere in piedi per forza questo govenro? E perché dovremmo farlo solo a spese nostre?
          Ricambio gli abbracci.

  5. Molto risiede (mi spiace dirlo) nella mediocrità degli uomini. In passato abbiamo avuto grandi esempi, gente umile che aveva idee, ideali, capacità intellettiva e non si mostrava. erano gli “altri” ad andarli a cercare! Ogg di Cincinnato non esiste traccia.

    1. Ci sono persone nuove dentro il partito, facce pulite, ma i dirigenti che stanno a Roma, non li sanno riconoscere, o meglio non li vogliono riconoscere. Sarebbe sufficiente che facessero un giretto sul territorio e si renderebbero conto che la vera risorsa del partito sta nella gente del territorio e dovrebbero tutelare questo immenso tesoro. Invece….fanno i giochetti tra loro.
      Ciao, un abbraccio.

  6. Perchè continuare a torturarsi con tali amletici enigmi?
    Forse vi pervade lo stesso spirito masochista?
    In fondo basterebbe guardare solo un po oltre, ma solo per un istante, il tempo di uno shock istituzionale!
    Perseverare nella stessa direzione fa male a tutti, al Paese, al partito, alle classi più deboli…non siate egoisti!!!
    Einstein diceva: Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi…- dedicato a tutti coloro che non cambiano le cattive abitudini…!!!-

    1. Magari avessimo la capacità di guardare oltre, ma ogni volta che ci proviamo, riceviamo pugni nello stomaco. Chi sta a Roma da tanto tempo non ha capito che la gente che vota questo partito è cambiata e ha voglia che i cambiamenti si verifichino anche nella classe dirigente. Ma per buttarli fuori ci sono pochi mezzi: o non si va a votare e allora si fa vincere la destra (o grillo), oppure si va a votare in massa, ma non potendo scegliere chi inviare in quelle stanze, alla fine si fanno sempre e solo gli interesse di chi da 40 anni sta li dentro e ci ha fatto i capelli bianchi.
      Ciao, un abbraccio

  7. Ho letto tutto l’articolo di Toni, sappiamo bene chi ci vuole affondare, è vero ci stiamo facendo del male da soli, ma sono certa che siamo il male minore, al contrario di chi non vuole fare niente e, aspetta la chimera del 100%100 o se vuoi il 51%
    PS. codicesociale a noi non piace cambiare, lo so lei risponderebbe ( solo gli scemi non cambiamo idea) faccia lei.
    Ciao spera un abbraccio Lidia.

    1. Per questo paese non siamo un male, siamo forse l’unica salvezza, ma tanti ci remano contro. A cominciare da chi ha tanti voti e li tiene in frigorifero e se ne sta a rigirarsi i pollici urlando contro tutto e tutti, senza combinare niente. Facile, molto facile.
      Facile anche raccogliere consensi senza prendersi responsabilità.
      Ma siamo anche stanchi di pagare sempre noi, la forza non dura in eterno se riceviamo solo botte e dispiaceri. Prima o poi implodiamo.
      Ciao carissima, un abbraccio.

  8. Solito, impareggiabile, Compagno Toni.

    1. Ogni volta che leggo un suo articolo mi si apre il cuore. Solo un bravo giornalista sa icrociare il pensiero degli altri in modo egregio. E Toni Jop ha quessto carisma. Mi fa piacere anche che sia dalla “nostra” parte.
      Ciao, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: