UNA LEGGE DAVVERO “FICHISSIMA”

UNA LEGGE DAVVERO “FICHISSIMA

parlamentoPoche settimane fa, il Consiglio dei Ministri (Governo Letta) ha trovato un soluzione per tagliare il finanziamento pubblico ai partiti agevolando e defiscalizzando i contributi dei privati che dovrebbero diventare l’unica forma di sostentamento.

Una legge (quando entrerà in vigore) davvero “fichissima”. Adesso, per finanziare i partiti, paghiamo tutti 1,50 euro l’anno (In Germania 5 euro). Da quando entrerà in vigore la nuova legge pagherà solo chi vorrà pagare, ma con sgravi fiscali. Gli sgravi fiscali li paghiamo tutti, quindi anche se qualcuno non vorrà finanziare i partiti, finanzierà comunque quelli che vogliono finanziarli.

Mah! Credo che si sia voluto dare un contentino ai grillini, si è messo in campo un po’ di demagogia. Avrei preferito buone regole e buona visibilità delle spese effettive, non sono per niente d’accordo con il finanziamento privato ai partiti.

Prima di tutto bisogna evitare la sudditanza psicologica verso il finanziatore. Cosa difficilissima da fare.

Poi ci sono problemi non indifferenti da risolvere.

Le campagne elettorali sono fondamentali e costano moltissimo, la pubblicità pure, affidarsi a finanziatori privati può succedere che questi “finanziatori” passino da un partito all’altro con l’esclusivo scopo di stare sempre e comunque dalla parte del vincitore.

Se movimenti o partiti non riuscissero a raccogliere finanziamenti privati (mettiamo quelli di sinistra che non sono ben visti dai possessori di patrimoni), non potrebbero neppure presentarsi alle elezioni o comunque morirebbero dopo poco. In questo modo si lascia la politica in mano a chi ha più soldi.

Se in contemporanea non si fa una buona legge che regoli le lobby, con il finanziamento privato ai partiti si fa in modo che queste entrino nei palazzi del potere molto di più di quanto non lo facciano ora. Diventerebbe ancora più facile controllare il potere tramite i finanziamenti lobbistici.

La democrazia costa parecchio e soprattutto costano parecchio i partiti. Piccoli finanziamenti da parte dei privati non potranno mai coprire le spese di una struttura partitica. Sembra si voglia ritornare ad una politica dei notabili che se lo possono permettere o che agiscono per nome di qualcun’altro, essendo coperti finanziariamente.

Non bastava diminuire un po’ i costi e controllare che le spese fossero fatte per il partito e non per altri fini?
La politica perderà con il tempo la sua autonomia e quando ce ne accorgeremo forse sarà troppo tardi.

Probabilmente, in vista dell’approvazione di questa legge, Berlusconi è intenzionato e ri-ri-fondare Forza Italia, o un’altra cosa simile, sempre personale, guidata da tutti manager. Alcuni gli hanno già detto di no, come Montezemolo e Marchini, ma ne troverà altri. Come si vede è già in cerca di soldi, proprio lui che ne ha tanti.

Annunci

6 Risposte

  1. Sono nettamente contrario all’abolizione del finanziamento ai partiti. Sicuramente un taglio è obbligato, ma negli USA dove tutto è affidato ai privati, le lobby proliferano e condizionano la politica di quel Paese (armi, sanità, ecc..).

    1. Temo che il rimedio che vogliono mettere per evitare i vari Fiorito, Lusi, eccetera, sia peggio del male. Sarebbero sufficienti buone regole, soldi non eccessivi, e controlli.
      In questo paese la corruzione è facile, figuriamoci poi se diventa “quasi” ufficiale.
      Inoltre chi denuncia molto può detrarre anche molto e quindi è un sistema per porre di nuovo a carico della comunità il costo del mantenimento dei partiti, con l’aggravante della sudditanza dei partiti ai finanziatori.
      Ciao pattume, un abbraccio.
      .

  2. Così si cancellano,partecipazioni passione amore per la politica.Andrà avanti il nano si candideranno e i vari Briatore,anche grillo gioirà.
    Ciao spera un abbraccio Lidia.

    1. Andranno avanti le grandi lobby, i poteri finanziari e chi detiene la ricchezza. Come potranno i partiti liberamente proporre leggi che non incontrino i favori di queste lobby?
      Per me è la fine della politica vera, rimane la politica degli interessi, quella che per 20 anni ci ha diseducato completamente all’amore per la collettività ed al rispetto delle istituzioni.
      Ciao carissima, un abbraccio.

  3. Alleanza scellerata che non può produrre altro che scelleratezze! E questo sarebbe il rinnovamento? Mi piacerebbe sapere il pensiero di Bersani sull’operato del suo successore e del presidente del consiglio dei ministri che, tra non molto, sarà costretto ad appoggiare qualche legge ad hoc per minimizzare i danni in favore di una metastasi italiana.
    Ciao.

    1. Io spero che una legge così non passi. Dovranno trovare un sistema equo in grado di sostenere i partiti tutti, in modo che anche chi non è un paperone possa fare politica e chi non detiene poteri finanziari possa liberamente legiferare a favore della società tuttà, anche dei più deboli.
      Mi dà l’idea di un ospedale che per innalzare la propria “eccellenza”, rifiuta di curare i malati cronici, quelli in fine vita. Non ci sarebbero più morti e la qualità del lavoro diverrebbe davvero “eccellente”.
      Comunque vada a rimetterci è sempre il più deboie, la storia non cambia mai.
      Ciao carissimo un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: