BEPPE CIVATI

BEPPE CIVATI

935609_146840532169754_453826989_n

«La sinistra è un fatto intellettuale e di umanità», parole di Pippo Civati, 37 anni, il deputato Pd a cui left dedica la sua storia di copertina. Civati, almeno da giudicare dai consensi in Rete, rappresenta tante speranze per i militanti democratici delusi dalle larghe intese. Dimostra, come fa notare Maurizio Torrealta nel suo editoriale, di «non avere paura di affrontare il vuoto». Candidatosi alla corsa a segretario, Civati si racconta a Sofia Basso in una lunga intervista. Per il resto, il partito democratico è ancora squassato dalle correnti interne, come scrive Rocco Vazzana. (da Left *)

(*In edicola sabato 18/5/2013 con l’Unità)

Annunci

12 Risposte

  1. Eh?
    Che ti dicevo?
    Pippo e’ semplicemente straordinario.
    In svariati decenni di impegno politico non ho mai conosciuto una persona neppure avvicinabile a lui, davvero uno in gamba.

    Non mi ricordo se te l’avevo gia’ detto, ma alle elezioni vinte dal nano su Veltroni, Pippo era stato votato online dai lettori dell’Espresso come possibile segretario del pd, nelle stanze del potere romano comincio’ il subbuglio, ma chi e’ costui, cosa vuole, chi lo conosce (la Leopolda venne molto dopo).
    Al che pensarono bene di inserirlo nel collegio lombardia2 per la camera dopo la ventesima posizione.
    Quando chiesi ai capoccia romani il perche’ di tale sciagurata scelta mi risposero
    “E’ troppo giovane”.

    C’e’ poco da dire, cara Spera, per anni siamo stati letteralmente presi per il culo dalle Finocchiaro, dai LaTorre, dai Bersani, dai D’Alema, dai Franceschini, dai Fioroni, dai Letta etc etc etc.

    E oggi, che non possono piu’ presentarsi dentro a qualsiasi sezione del partito in qualsiasi regione d’Italia, hanno piazzato li’ Epifani a fare il solito parafulmine.

    Ricordo, per ultimo, che su 340 parlamentari eletti alla camera, il giorno della fiducia al piu’ inverosimile governo dal 48 a oggi, l’UNICO ad alzarsi e uscire dall’aula e’ stato Pippo.

    L’Unico, perdio.

    Ciao
    Zac

    1. Quando il Pd è nato dopo tanto soffrire con una sinistra ultradivisa e fatta di spezzatini con delle percentuali ridicole, ha suscitato speranze in molti, e si è pensato di poter dar vita a qualcosa di diverso da quello che avevamo vissuto prima.
      Poi è successo che nessuno ha saputo svestirsi della precedente esperienza per iniziarne una tutta nuova. Si sono conservati privilegi, reggenze, caporalati, capisezione, capicorrente, ognuno voleva la sua parte ed il partito ha finito con diventare un coacervo di egoismi personali. Tant’è che appena eletto un segretario ci si affrettava subito a segargli le gambe. Per non parlare poi delle esperienze di governo.
      Andando avanti così la bolla è scoppiata, gli interessi privati hanno prevalso, gli egoismi personali pure, fino a che siamo arrivati a questo tiro alla fune in cui vince chi, apparentemente, ha più forza.
      In tutto questo giochetto di rivalsa la gente non c’ha capito più niente e ha abbandonato il partito.
      Tuttavia penso e sostengo che non sia il momento di piangere sugli errori, adesso si deve mette una pietra su tutto, cacciare la vecchia dirigenza, lasciare che questi giovani vengano fuoiri, si facciano conoscere e diano nuova vita al partito.
      Non abbandonerei mai queste nuove generazioni, per questo penso che non sia giusto stracciare la tessera, lasciarli soli, non incoraggiarli con la nostra presenza e con il nostro “numero” di iscritti, nonostante tutto.
      Ciao Zac, un abbraccio.

  2. I dinosauri resistono e resisteranno. Mi auguro che lo facciano ancora per poco.

    1. Sono forti i dinosauri che sono nel partito perché sono “l’apparato”. Per rimuoverli ci vuole un bel lavoro ai fianchi che questi giovani, di cui Civati è forse il più noto, stanno facendo.
      Ciao Luigi, un abbraccio.

  3. Cara Sole quoto al 100% il commento di Zac.
    Un abbraccio, ciao

    1. Sì anch’io quoto al 100% Zac, e lui lo sa bene. Ci capita a volte di dire le stesse cose, con parole diverse.
      Io mi affido a questi giovani, sono una realtà che il partito ha dentro di sé.
      Ciao Raffaele, un abbraccio

  4. Questo piace anche a me. 😉
    Ciao carissima, un abbraccio.

    1. Vedi carissima, nella “disperazione” c’è sempre una lama di speranza che appare.
      A me è sempre piaciuto, perché ho avuto modo di ascoltarlo in diverse occasioni.
      Mi fa piacere anche che dica che gli impegni non gli debbono togliere lo spazio per coccolarsi la sua figlioletta Nina di sei mesi. Non se la vuole perdere. E’ un buon padre il che migliora anche la persona (e non fa male al partito).
      Ciao, un abbraccio.

  5. Ho notato che dopo il pasticcio del PD con le larghe intese, i commenti a certi post sono diminuiti. Molti non hanno il coraggio di argomentare negativamente per rispetto verso la tua persona, perché sono certo tanti sono rimasti delusi, io per primo. Ammiro te, Speradisole, gli autori di questi quattro commenti qua sopra, per la passione, la voglia di credere in una rinascita del partito, magari da affidare nelle mani di un giovane come Beppe Civati, che “sogna” di cambiare il PD, ma la strada sarà lunga e tortuosa. Mi auguro solo che la strada del vero cambiamento sia più corta di quella che dovrà affrontare qualcuno per andare dietro le sbarre, questa volta meritatamente!
    Allora mi ricrederò.
    Ciao e scusa per lo sfogo.

    1. Forse il motivo per cui i commenti sono diminuiti, è principalmente da imputare alla scrivente. Si sente e si avverte che ho perso un po’ dell’entusiasmo che avevo qualche tempo fa, perché non mi aspettavo, sinceramente, di finire al governo con quella masnada di “impresentabili”. Per mesi se non per anni si è sostenuto il contrario ed invece ora ci troviamo di fronte a questa realtà.
      Errori sopra errori ci hanno portato a questo, il principale è stato quello di allearci con Vendola per poi parlare, durante la campagna elettorale, solo di alleanze con Monti, con la sua lista civica. E’ ovvio che la gente non capisce bene ed ora ecco i risultati.
      Tuttavia ciò non significa che il Pd non esista più, come molti soloni commentatori ci vogliono far bere (o sognano), non è così, c’è anzi un subbuglio che muove la base come non mai, il che sta ad indicare che il partito è ancora vivo e che saprà, almeno è quello che spero, tirarsi fuori dal pantano, se alla guida del partito potranno andare personaggi nuovi. Civati è uno di quelli, un bellissima realtà.
      Ciao Antonio, un abbraccio.

  6. NON CONOSCEVO BEPPE CIVATI,HO IMPARATO A CONOSCERLO DALLE ELEZIONI.MA DAL QUELLO CHE HO VISTO E SENTITO E’ UNA PERSONA DETERMINATA E NON CACIARONA, MA NON SO QUANTO POSSA ESSERGLI UTILE LA SUA PACATEZZA INTORNO A TROPPI URLATORI.
    SPERIAMO ANCHE A ME PIACE.
    CIAO SPERA UN ABBRACCIO LIDIA.

    1. INFATTI, OGNI VOLTA CHE INTERVIENE A QUALCHE TALK SHOW IN TV, QUELLI DELLA PARTE POLITICA OPPOSTA, MOLTO PIU’ ARROGANTI DI LUI FINISCONO PER TOGLIERLI LA PAROLA E LUI, CHE E’ EDUCATO, SPESSO LASCIA PERDERE. (SAPPIAMO CHE I DISCEPOLI DEL GRAN CAN DI ARCORE SONO ANDATI A SCUOLA PER IMPARARE LE TECNICHE MIGLIORI PER DESTABILIZZARE L’AVVERSARIO NELLE CONVERSAZIONI ED E’ DA QUEL MODO DI FARE E DALLA COMPARSA IN TV DEL BUNGABUNGARO CHE LA TV E’ DIVENTATA INSOPPORTABILE).
      DOVREBBE INTERVENIRE IL CONDUTTORE, MA NON LO FA QUASI MAI E COSI’ NON SI RIESCE A CAPIRE FINOI IN FONDO CHE COSA CIVATI RAPPRESENTI DI NUOVO.
      COMUNQUE CI SONO GIORNALI ED INTERNET CHE POSSONO COMPLETARE L’INFORMAZIONE.
      CIAO CARISSIMA, UN ABBRACCIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: