LA SOFFERENZA DI OGGI…

LA SOFFERENZA DI OGGI…

bandiera

«Credo che la sofferenza di oggi possa insegnare qualcosa alla sinistra: per esempio, che non si vive di sole tattiche, la sinistra non può farlo.

Che non si può passar sopra i principi, non sono trattabili.

Che con Berlusconi non si fanno riforme né accordi.

Che le ambiguità del passato si pagano tutte.

Berlusconi, la destra, possono fare quello che vogliono, possono sfondare il muro della decenza e della costituzionalità e restano in piedi lo stesso.

Ma se la sinistra non è limpida, unita, sinceramente agganciata a dei principi di igiene politica che tutti riconoscono, allora la sinistra paga e duramente.

Non ha alternative all’essere “brava”, sincera, unita, pulita. Aggiungerei generosa.

È come se la storia la richiamasse senza sconti al rispetto della sua natura, della sua vocazione.

Quel fronte ideale che Grillo si impegna a rivendicare per sé e per la sua formazione esiste già: sta nella base della sinistra».


(Francesco Guccini)

Annunci

11 Risposte

  1. Questa immonda legge elettorale è stata nefasta per la sinistra, quando i candidati per il Parlamento non hanno più avuto la necessità di andare nelle piazze e confrontarsi con la gente, ma bastava individuare la correntinadel notabile giusto per avere un posto garantito in lista, poi le primarie che, a mio parere sono una scopiazzatura del sistema americano, alieno in questo Paese, facciamo la guerra all’ultimo sangue con insulti e calunnie nei confronti degli avversari, fino ieri compagni di strada e quando ci siamo ben dissanguati ed esauriti, ci troviamo a fronteggiare gli avversari politici freschi come rose, mentre i compagni sconfitti alle primarie faranno tutto il possibile perché il vincitore delle primarie subisca una sonora sconfitta e la gente pensi: ma se invece avesse vinto X anziché Y sarebbe stata tutta un’altra storia e così siamo sempre perdenti.
    Un partito serio deve trovare al suo interno il candidato giusto e portare nelle piazze fra la gente un programma serio, solo così può rappresentare degnamente i suoi elettori.

    1. Purtroppo cerchiamo il colpevole di questo disastro fuori dal partito, e non vediamo che è dentro casa. Chiediamoci chi abbiamo mandato in parlamento, chi presentandosi con la faccia “pulita” è riuscito ad ingannarci?
      C’è gente che si definisce di sinistra ma che odia la sinistra, c’è anche chi come D’Alema e Fioroni, non vogliono alcun cambiamento. Queste persone non siedono solo in parlamento, ma ci sono anche negli enti locali, occupano posizioni di rilievo, poltrone importanti, sono quelli che appaiono i più saggi, i più ponderati, sono quelli che hanno sempre più degli altri il senso delle istituzioni. e non mancano di rilevarlo, sono quelli contro ogni cambiamento reale.
      Sono quelli che dobbiamo cacciare via.
      Solo epurandosi il partito può rafforzarsi.
      Con coraggio si può
      Ciao carissimo, un abbraccio

  2. Oggi ho la certezza che la sinistra in Italia è solo utopia e che il PD è il grande inganno. Non me ne dimenticherò mai più.
    Ciao

    1. Carissimo, si è visto bene che dentro il Pd c’è una sinistra che odia la sinistra. C’è anche chi da fuori del partito, fa di tutto per distruggere l’idea di sinistra, presentandosi però di sinistra. Questi sono i traditori.
      Vanno cacciati, non vanno ascoltati e soprattutto non bisogna lasciarsi sopraffare. In questo modo, lasciando che di noi si facciano macerie, la destra diventa sempre più potente.
      Ciao, un abbraccio.

  3. Spera! Prova girare la bandiera magari vi porta fortuna.
    🙂 🙂

  4. NON HO PAROLE…SONO DISPERATO..MA QUESTI GRAN COGLIONI CHE SI DEFINISCONO DI SINISTRA HANNO MAI LETTO QUALCHE LIBRO?MA NON E’ ORA CHE MENTRE LITIGANO COME STUPIDE GALLINE LE DESTRE CI FANNO NERI?MA BERLUSCONI RIESCE A COMPRARE ANCHE QUELLI DI SINISTRA..MI FANNO SCHIFO..SOPRATTUTTO D’ALEMA E RENZI!!MARIO DA VARESE!

    Inviato da iPhone

    1. Non so se hai dato uno sguardo al blog, ma sono anni che sostengo con tutto il cuore questo partito ed ora che lo vedo tradito ne sono dispiaciuta, ma non disperata.
      Sono convinta che quello che è successo non sia un male infinito, ma una cura che ci voleva. Ora si debbono stanare i traditori, qualcuno ci deve dire il nome e cognome di tutti quelli, per esempio, che hanno pugnalato Prodi alle spalle.
      Dico Prodi perché era l’unico che faceva paura a Berlusconi, uno dei pochi che riesce a fargli mangiare bile.
      Ma Prodi faceva paura anche a qualcuno dentro al Pd. Ben 101 parlamentari, un quarto di quelli che abbiamo mandato lì a rappresentarci hanno tradito il mandato ed ora abbiamo il diritto di sapere come si chiamano per poterli sbattere via.
      Spero che quelli che appaiono meno saggi, meno col senso delle istituzione, meno tradizionalisti riescano a fare piazza pulita degli ipocriti e a cacciare via questi traditori.
      Ciao, benvenuto, e un abbraccio.

  5. Battuta scema, ma gli ambidestri sono sempre esistiti ed usano la destra o la sinistra a seconda delle occasioni!
    Ad ogni illusione di essere quasi arrivati ad un traguardo tanto agognato, c’è sempre stato qualcuno dall’interno che ha fatto di tutto acchè il sogno diventasse incubo.
    Questa volta non è ne sogno ne incubo ma cruda realtà, la fine di tutto!
    Ciao Speradisole, a te per la forza che hai di crederci ancora, e a tutti gli amici che ti seguono, perché anche da loro ho imparato tanto. Per adesso a seguire discorsi di politica dico basta.

    1. Gli ambidestri è vero sono sempre esistiti, ma è ora che in politica si faccia chiarezza, o si sceglie una parte o l’altra, questo per rispetto agli elettori.
      Che razza di gente abbiamo mandato là a rappresentaci?
      Una razza bastarda, l’abbiamo capito. A me ha ferito in particolare quel no a Prodi da parte dei 101 traditori. Peggio di quei 315 disposti a giurare da qui all’eternità che la Ruby è la nipote di Mubarak.. Dico Peggio perché la lealtà è una cosa seria e va rispettata. Facciamo pulizia e non solo a Roma, anche gli enti locali necessitano di una bella sgrassatura.
      Non sarà facile, ma ci sono forze giovani incredibili che non aspettano altro.
      Ciao Antonio, un abbraccio

  6. Ciao Spera.

    Con gente cosi dove speravate d’andare!

  7. Sono venti anni che la sinistra esiste semplicemente perché non è la destra,campando della rendita di posizione frutto del gioco delle parti del bipolarismo.
    Per anni ci han parlato di voto utile e della priorità di abbattere berlusconi, che doveva precedere la riforma della sinistra. I termini invece andavano invertiti: per battere berlusconi bisogna prima riformare questa sinistra.
    Il bluff del governo del cambiamento è finito.
    E’ stato sufficiente introdurre nel sistema un terzo elemento di comparazione – il movimento – e il PD è esploso: comprensibile quando si esiste solo per i demeriti di berlusconi invece che per meriti propri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: