AL MIO PARTITO DEMOCRATICO DICO…

bandieraAL MIO PARTITO DEMOCRATICO DICO...

NELLA QUASI SCONFITTA VOGLIO ANCORA PIU’ BENE AL PD

Gli sarà chiesto di fare l’impossibile.

Gli sarà chiesto di fare alleanze contro natura.

Gli sarà data la colpa di tutte le malefatte del governo Monti in questo ultimo anno.

Gli sarà imputata la sconfitta perché non ha promesso favole.

Gli sarà sbattuto in faccia la poca capacità attrattiva.

Gli sarà rinfacciato di non aver fatto niente quando è stato con Monti al governo.

Gli sarà azzoppata qualsiasi iniziativa perché si trova a latere un partito sfascista per eccellenza.

Gli sarà impedito qualunque movimento da una destra rissosa e col culo che ride.

E chissà quante altre cose gli saranno imputate.

Per tutto questo gli voglio ancora più bene.

E non ho niente da rimproverargli.

Perché ho la certezza che esistano ancora destra e sinistra e che esista una politica con ideali irrinunciabili, non collegati ad interessi personali.

Annunci

13 Risposte

  1. Scusatemi ma io gli rimprovero una sola cosa: non aver fatto quello che doveva quando era al governo, invece di essersi lasciato impietosire da un piagnucolone. Ne stiamo pagando ancora le conseguenze. Però non ho perso la speranza in un riscatto, per questo ho votato e rivoterò sempre Partito Democratico.
    Ciao.

    1. In questo paese che sta andando alla deriva si capirà troppo tardi che cosa sia effettivamente un partito solido e democratico. Spero solo che lo si capisca prima che arrivi il guru che risolve tutto e che comanda tutto. Alla fascistoide per intenderci.
      Dovevamo andare alle urne prima, nel novembre 2011 quando grillo non si sapeva dov’era, ma col senno di poi sono tutti bravi a giudicare.
      Quello che in effetti ha deluso è stato il governo Monti. Si pensava che governasse meglio di quello che ha fatto senza portare l’Italia alla esasperazione. E’ stata una delusione per tutti, ed il Pd ne ha pagato le conseguenze più grandi. La destra meno, perché Berlusconi sa intortare bene la sua gente. E l’Italia, lo sappiamo dal dopoguerra e anche da prima, è prevalentemente di destra.
      Ciao, un abbraccio.

  2. Cara Sole, senza polemiche, dici che esiste una politica con idee irrinunciabile e che al Pd viene data la colpa di tutte le malefatte del governo Monti, come se certi provvedimenti non fossero stati votati senza se è senza ma da tutto il PD, ti chiedo solo : a quali principi che citi appartiene il finanziamento di 230 miliardi votato il 5 dicembre scorso, mentre il Paese reale muore di fame e siamo quasi in bancarotta?
    http://www.osservatorioiraq.it/forze-armate-e-spese-militari-in-piazza-contro-la-nuova-legge

    Io non l’ho capito….
    Ciao
    Raffaele

    1. Sì, ho detto che esistono idee irrinunciabili in politica e mi riferivo innanzitutto alla differenza sostanziale che c’è tra destra e sinistra, contro chi, invece, come grillo, dice che sono tutti uguali.
      Le idee irrinunciabili sono quelle di una società giusta, di solidarietà, di uguaglianza, di collettivismo, di scuola pubblica e di sanità pubblica.
      Il finanziamento alle spese militari è una “cosa” che rientra nei doveri di un governo. Lo fanno tutti i paesi, anche quelli democratici. Ma in questi tempi di crisi, si tratta di discriminare le priorità e riservare quelle risorse a risolvere i problemi di solidarietà e di mancanza di lavoro che, appunto in tempi di crisi economica, si sono accentuati. Lo sai bene che per quanto il Pd appoggiasse il governo Monti, in parlamento è sempre stato minoranza, e con la minoranza le cose si possono un po’ cambiare, ma sicuramente non eliminare.
      Debbo anche dire che moltissimi giornali, apparentemente di sinistra, ed anche molti che si dichiaravano di sinistra, hanno lavorato alacremente contro il Pd. E sono convinta che il movimento di grillo sia cresciuto così tanto di recente anche per l’ampia visibilità gratuita che ha avuto.
      Ma ormai siamo a questo punto. Il nostro paese è ingovernabile, mi auguro che Bersani, fra tre mesi al massimo, si dimetta, e si torni alle elezioni. Che vinca grillo e che risolva i problemi di povertà in cui saremo trascinati inesorabilmente. Vedremo che cosa saprà fare oltre che dire che gli altri sono tutti morti.
      Un consiglio Raffaele: se hai 1000 euro in banca investito in titoli di Stato, ti consiglio di toglierli e metterli sotto il materasso. Siccome grillo ha promesso che dimezzerà il debito pubblico, come conseguenza i tuoi 1000 euro in Bot diventeranno 500.
      Con simpatia, un abbraccio.

      1. Cara Sole, ti tranquillizzo, non ho neppure 1€ investito in titoli italiani, dal 2003 da quando ho visto cosa è successo con l’€uro in Italia, ho cambiato strategie di investimento. Poi vorrei fare una precisazione, io sono e sempre sarò di sinistra, è il PD che non lo è più. Sulle spese militari, un conto è un investimento normale, un altro è essere il sesto Paese al mondo come spese, mentre la gente si suicida perché non sa come mantenere la famiglia…
        Ciao, un abbraccio

  3. Il PD paga un suo peccato originale. Da anni va demonizzando, ridimensionando o, nel migliore dei casi, ignorando i movimenti che provenivano dalla piazza e dalla gente comune e di chiaro orientamento a sinistra. E’ successo prima con i girotondini, poi con il popolo viola, poi con il M5S e anche con Rivoluzione Civile. Come se loro avessero il monopolio del pensiero di sinistra; una sorta di divina investitura a pensare da progressisti. I vari Veltroni, Melandri, Fassino, D’Alema, Letta; tutti bravini, pierini, primini della classe e snob, oggi hanno pagato amaramente la loro miope arroganza (ed era l’ora che succedesse). Ora rincorrono Grillo ma temo che sia troppo tardi.

    Un abbraccio.

    1. Purtroppo hai ragione, questa arroganza dei capi del PD è solo miopia che si paga carissima, cosa che mi rende molto, molto insoddisfatta del mio partito.

  4. Magari per voi doveste andare con Monti, invece mi sa che, almeno dalle notizie di questi giorni, dovrete cercare l’alleanza con il M5S. Di certo non vi invidio minimamente in quanto se il partito per il quale ho votato si trovasse in questa situazione mi verrebbe da piangere e probabilmente non lo rivoterei alle elezioni che si terranno comunque fra un anno al massimo, credo. Diciamo che in questa maniera almeno verifichiamo la bontà delle idee grilline ma è indubbio che da queste elezioni voi abbiate perso almeno due volte: una perché avevate un vantaggio incolmabile col centro destra e due perché vi dovete arrabattare a cercare una maggioranza, mentre il centrodestra starà comodamente all’opposizione (e che opposizione visti i numeri) aspettando che si torni a votare e il Pd se non si rinnova rischia di perdere altri punti percentuali. Tutto questo non si sarebbe verificato se il popolo democratico avesse scelto Renzi secondo me! Ma comunque una bella parte di questa sconfitta va imputata al segretario attuale perché quando una barca affonda affonda col capitano. In questo caso Bersani dice di aver parlato un linguaggio di verità senza far capire come possa arrogarsi il diritto di dire ciò, ma secondo me il problema è un altro: a sentire le proposte del Pd il venerdì prima del voto su Rai2 mi sono terrorizzato, soprattutto quelle relative all’IMU perché non sarebbero state né sostenibili né vincenti in quanto avrebbero depresso ulteriormente il settore delle costruzioni dandogli la mazzata finale! Quello che dico è che manca qualcosa a livello di idee al Pd, non vorrei un Pd che reclamasse la restituzione dell’Imu che secondo me non è sostenibile nel lungo termine, ma se vuoi vincere non ti puoi permettere di proporre qualcosa di dannoso per l’economia italiana! Soprattutto in questo periodo!
    Un saluto Speradisole!

    1. Non credo proprio che il Pd scelga Monti, può darsi che ne accetti l’appoggio per quanto riguarda il Senato, ma non la politica di Monti.
      Il m5s non accetta nulla, non si assume responsabilità, sta a guardare e sghignazza quando sente parlare di responsabilità. Non riesco a capire questo atteggiamento, un po’ truffaldino, atteggiamento che sembra voler dire, andate tutti via, siete tutti morti e qui ci stiamo solo noi. Mi sembra che il condominio del parlamento sia difficile con chi è lì solo per rompere le scatole, ma se gli italiani l’hanno scelto, come primo partito, significa che confidano molto nelle capacità di grillo e dei suoi. Staremo a vedere, io ci credo poco.
      Non possiamo ragionare con il senno di poi, e pensare che tutto questo non sarebbe successo se al posto di Bersani ci fosse stato Renzi, le cose non sarebbero cambiate molto. Lo dimostra il fatto che un terzo degli italiani è di destra e mai, chiunque guidi il Pd, darebbe un voto alla sinistra. Lo dimostra ancor più chiaramente il voto in Lombardia. Ma arriverà anche il momento di Renzi, adesso non mi sembra che sia una carta da bruciare, ma piuttosto una risorsa da preservare.
      A livello di idee il Pd le ha molto chiare, non manca niente, ma sono idee come la solidarietà, la giustizia per tutti, il collettivismo, che fanno poca presa sulle persone, abituati da anni di berlusconismo a parlare solo di soldi e di interessi. (O di donne)
      Il Pd non ha promesso di restituire l’Imu perché si sa benissimo che il nostro paese non è in grado di fare questo, a meno che non si taglino tutte le risorse alla sanità e alle scuole pubbliche. Una cosa che il Pd non farà mai e che difenderà con tutte le unghie possibili, proprio per il bene dei più derelitti di questo paese e non per i miliardari.
      Ciao Tommaso, un abbraccio.

  5. @ Per Mario
    Ma non so bene se stiamo parlando dello stesso partito. Ti rammento che il Pd è nato nel 2008, solo 5 anni fa, dalla fusione dell’ex Ds e di tutti i petali in cui si era divisa la Dc. E’ stata un’operazione non facile, anche dolorosa, che ha portato all’uscita di persone rispettabili, come Angius, o Mussi, e dall’altra parte all’entrata di persone assai difficili da gestire come La Binetti, Rutelli, per elencarne solo due per tipo.
    E’ vero che non ha raccolto le varie forme di protesta, provenienti anche dalla sinistra, probabilmente per tutta quella serie di problematiche che si sono innescate nel partito per la presenza di personaggi dalla storia politica molto diversa.
    Tuttavia il mio post è rivolto al Pd in quanto partito. In questi anni si è formato, alcune figure non ci sono più, ed ha conservato quelle idee che per me sono irrinunciabili, come la solidarietà, la giustizia sociale, il collettivismo. Sono le idee che non trovo da nessun’altra parte, neppure nel m5s.
    Se vogliamo poi criticare la classe dirigente del partito, allora facciamo un altro discorso e ci trasciniamo sul piano personale. E qui dico subito che non posso tollerare un D’Alema, che dai tempi del 1998 sta con i piedi dalla parte di Berlusconi, o Veltroni, che con il suo ma anche.. voleva includere tutto e tutti.
    Ho sempre detto che sostengo, apprezzo e stimo, sempre parlando di personaggi, Bersani, per la sua onestà, concretezza, fede di sinistra, sincerità nel parlare. Condivido in pieno un suo motto: “ io sto bene se anche il mio vicino sta bene”. Ed è questa la politica che mi piace.
    Ma ognuno ha i suoi gusti e per fortuna possiamo ancora pensare diversamente, ma liberamente parlarci.
    Ciao carissimo, un abbraccio.

  6. @ Per Silvana
    Purtroppo hai ragione, questa arroganza dei capi del PD è solo miopia che si paga carissima, cosa che mi rende molto, molto insoddisfatta della classe che guida il mio partito.
    Hai toccato il punto dolente di questo partito e la sua debilezza: la gente che lo guida. E qui, sono con te, sono dolori. So che Bersani è un buon amministratore, ma non è un abile e furbo capopopolo.
    Mentre magari nello stesso partito ci sono dei furbi, che però, pur amministrando, sono dei pessimi amministratori e giocano alle sedie libere. Questo non va bene e come si è visto porta alla distruzione anche di ideali.
    Mi viene da dire che in certuni si è inserita la vena avvelenata del berlusconismo.
    Ciao carissima, un abbraccio.

  7. Condivido in pieno un suo motto: “ io sto bene se anche il mio vicino sta bene”. Ed è questa la politica che mi piace.

    Infatti abbiamo visto come ha fatto stare bene le classi più disagiate ,questo ultimo anno che ha governato con il PDL e con Monti!

    1. Già era meglio andare al voto un anno fa.
      Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: