STA A NOI

STA A NOI

pd_bandieraAdesso sta a noi eleggere un governo PD che segua l’esempio dei socialisti francesi facendo quello che si può e si deve fare.

Non miracoli ma cose sensate, basta seguire gli esempi di cose sensate fatte negli altri paesi UE.

E chi nega di aver votato Berlusconi, sostenendo di non aver votato, è ancora più colpevole dei berluscones veri. Per non aver impedito all’ex di “governare” per 20 anni riducendoci in mutande.  Lui,  non l’euro,  non Prodi e nemmeno Monti.

Sta a noi, ora,  trasformare questo Paese in un Paese normale, indipendente da ingerenze estranee, capace di rialzarsi con dignità e recuperare il più presto possibile, tutto quello che è stato perso in questi ultimi anni di governo di destra.

Annunci

12 Risposte

  1. Volesse il Fato, ( perchè di troppi italiani ho scarsissima fiducia visti i pessimi governi dell’ultimo quarto di secolo), che finalmente possa esserci un governo PD e con i numeri per poter governare.
    Ciao Spera

    1. Questa volta ci credo davvero. Sento tante sirene del malaugurio, vedo spuntare tanti cespugli che tentano di erodere voti, ascolto filosofi e soloni che criticano a più non posso questo partito, ma gli italiani stavolta sapranno scegliere bene.
      Come dice Umberto Ambrosoli, vincitore delle primarie del Pd in Lombardia: «Ora affronteremo un percorso difficile, e duro perché la menzogna appartiene al linguaggio dei nostri avversari, ma non abbiamo paura»
      Ciao Sileno, un abbraccio.

  2. Questa volta ce la faremo,ne sono più che convinta,vinceremo alla faccia di quei babbioni i quali credono ancora che mangiamo bambini.Dobbiamo ancora fare gli ultimi sforzi per rendere all’Italia serietà e credibilità,Sarebbe troppo divertente vedere la faccia dell’ex scretolarsi dalla rabbia come argilla al sole.
    Ciao spera un abbraccio a presto Lidia.

    1. Credo proprio che si sgretolerà dalla rabbia, il cerone arancione gli si scioglierà. E sarà finalmente finita. Ma prima ci toccherà sopportare un sacco di balle ed una campagna elettorale con colpi bassi pericolosi. Ormai siamo vaccinati, spero che lo siano anche tanti italiani.
      In quanto ad argomenti da prospettare per il futuro di questo paese, l’ex non ha niente, tutta roba vecchia e stravecchia. Toglierà l’Imu da lui stesso voluta, abbasserà le tasse, soprattutto le sue, non toglierà un euro ai ricchi e neppure darà la caccia agli evasori, ma scaricherà tutto il peso del welfare sui poveracci, tanto i ricchi potranno andare a curarsi all’estero. Metterà sulla graticola a fuoco lento i vari magistrati e bacerà i piedi al papa. Nulla di nuovo.
      Infine esibirà quella disgraziata che ha 50 anni meno di lui e che ha lo stomaco di sopportarlo, come la sua futura signora. Come sappiamo può comprare quasi tutto, anche la giovinezza degli altri. Comunque, tutte cose di cui non ci importa niente.
      Ciao Lidia, un grande abbraccio

  3. E il bello e’ che ce la faremo, come dice anche Gibran.
    Io aggiungo solo che qualche bambino ce lo mangeremo ancora, qualora risultasse nipote dei larussa, dei cicchitto e di gentaglia varia.

    Ciao
    Zac

    1. Ce lo mangeremo sì. E berremo finalmente quella bottiglia che abbiamo messo in frigo, in sostituzione di quella che abbiamo stappato l’11/11/11, quando l’ex si dimise.

      Non so come si prospetterà la scheda elettorale prossima futura, ma sicuramente sarà un lenzuolo. Non riesco a starci dietro. Avremo tre o quattro simboli nuovi nati dal pdl (gli ex An, i montiani, gli antimontiani e i berluschini), grillo, gli arancioni, le trilogie o quadrilogie del centro, le sinistre sinistre, i verdi, la destra e la destra nera, oltre alla “probabile” lista Monti. Un casino davvero. E dove si collocheranno i vari Scilipoti? E il disperato Giovanardi? Se fossimo inglesi cominceremo a scommettere.
      Ciao Zac, un abbraccio.

  4. mi sa che nonotante i venti di protesta a cui ci si poteva illudere di aderire, l’unica soluzione per questa Italia martoriata sia questa sinistra tanto contrastata dal nostro confuso Berlu! ciao

    1. Alla fine l’unica ancora di salvezza per questo paese resta la chiara e sicura tranquillità di un uomo serio e onesto, e la forza di un partito che ha saputo rinnovarsi e fa di tutto per continuare a modernizzarsi.
      Ciao Loretta, un abbraccio.

  5. Lui ha permesso che i commercianti e anche le istituzioni ignorassero la valuta e cioè 1euro=1936,27lire. In breve è diventato un rapporto di 1euro=1000lire: lui e il suo governo non hanno vigilato su questo. Conseguenza: impoverimento di tutti i dipendenti e pensionati del 50% e arricchimento del 10% della popolazione
    Riguardo al PD, non c’è alternativa. Di Bersani mi fido, ma non di tutti gli altri rappresentanti. Del popolo delle primarie mi fido, se così non fosse non sarei andata a votare (è stata la prima volta): non c’è altra scelta!
    Come va Speradisole? Io sono diventata nonna per la seconda volta il giorno 11 scorso.
    Ciao
    Nou

    1. E’ vero, ricordiamo tutti come coloro che dovevano controllare che l’euro fosse applicato con correttezza, hanno invece contribuito a che si facesse confusione. Ed equiparare 1 euro a 1000 lire, facendo raddoppiare di colpo tutti i prezzi. E forse è anche per questo che ha avuto tanti voti, da parte di coloro che in questo giochetto ci hanno guadagnato il doppio.
      Se ti fidi di Bersani, ti puoi fidare anche di tutti gli altri, perché saprà come tenerli a bada. Bersani non è Prodi ed il centrosinistra con Vendola, non è l’Unione di Prodi Allora non c’era il Pd e Prodi dovette accettare di imbarcare tutta una serie di personaggi che andavano da Diliberto, Bertinotti, a Dini e Mastella, una accozzaglia disordinata nella quale era impossibile andare d’accordo.
      Io adesso sto bene, Grazie Nou. Voglio congratularmi con te. Diventare nonna è sempre un evento bellissimo, vuol dire che la vita continua e che avrai sempre qualcuno vicino a te, qualcuno di molto giovane, vivace e pieno di vita. Sarà una gioia per te.
      Per ora un grande abbraccio. Ciao.

  6. Con tutto il rispetto ma nei confronti del Pd non ho troppa fiducia. Ho già detto come per me l’elezione di Bersani sia stata più un’occasione persa che una guadagnata per il suo elettorato, perché in realtà non cambierà nulla! Adesso hanno varato le Parlamentarie segno che il tanto disprezzato Grillo fa schifo a tutti tanto da copiarlo! Quello che penso è che in realtà tra il Pd che sarà al Governo tra qualche mese (perché non vedo sinceramente cosa si possa frapporre tra il Pd e la vittoria) sia una brutta copia di altri governi della sinistra precedenti che, vorrei ricordare, hanno fatto quanto Berlusconi (cioè nulla) con la sola attenuante di essere durati in media tra i 2 e i 3 anni per l’eccessiva litigiosità. Forse questo carattere mancherà, di certo se stanno assieme a Vendola in rischio non può che aumentare e poi mi piacerebbe che Bersani tirasse fuori le palle una volta per tutte e cacciasse dal Pd tutte quelle persone che negli anni si sono abituati a vivere di politica! Perché sbagliamo se pensiamo che il guaio sia stato solo Berlusconi! Il guaio è che in venti anni di seconda repubblica i parlamentari non hanno fatto un bel niente! Quindi ciò che accomuna i partiti è appunto questo: l’immobilità e il desiderio di percepire stipendio fisso o pensione a fine legislatura! Dentro e fuori il Pd. Se Bersani non ha il coraggio di voltare pagina e mandare via i soliti noti, tra il futuro governo e il governo Prodi cosa cambierà? Ci saranno i soliti nomi che vorranno una certa poltrona e l’Italia sarà comandata ancora dalla stessa classe politica che ha fatto disastri. Mi piacerebbe vedere un Governo Bersani di età media di quarant’anni perché son convinto che alcune individualità nel Pd ci siano e siano anche promettenti. Ma se continuiamo a mettere i soliti Franceschini, Bindi, D’Alema, Fioroni e compagnia bella, chi può illudersi che qualcosa cambi? Per cambiare dovremmo provare a cambiare persone perchè non è che nel Pd ci sia stato un ricambio generazionale importante! Basta pensare a Bersani stesso che è in Parlamento dal 1996. Per un ricambio generazionale ci sarebbe bisogno di cambiare appunto il premier, ecco perchè non lo fa!
    Un saluto

    1. Spesso sento fare discorsi simili al tuo per quanto riguarda il Pd.
      Ma questo centrosinistra non è la brutta copia degli altri governi di sinistra per il fatto che il Pd ha pochi anni di vita, è nato solo nel 2007 e Bersani è segretario solo da tre anni.
      E’ vero che Bersani è in parlamento dal ’96, e che è in politica da tempo, ma è un buon amministratore, è una persona seria, di parola, affidabile e poco banderuola. Ho la fortuna di conoscerlo bene e ne apprezzo le qualità. E Bersani ha il coraggio di voltare pagina e non rappresenta il passato. Sta cambiando molte cose, le primarie lo dimostrano, e la scelta dei parlamentari è diventata un obbligo per il Pd, considerato che si andrà a votare con questa legge elettorale che il Pd non ha votato.
      Non so se hanno copiato da Grillo, ma io che frequento questo partito so che se ne parla da molto tempo della opportunità di scegliere anche con l’aiuto della base, le persone da mandare in parlamento. Non ci saranno i D’Alema, I Follini, I Veltroni (anche se mi dispiace), non ci sarà la Turco, Castagnetti e tanti altri, entreranno personaggi nuovi, che non abbiano già incarichi. Si vogliono evitare i doppi incarichi.

      Sul fatto che i governi non abbiano fatto niente, hai ragione, quelli di destra sono sempre stati solo alla ricerca del consenso e non si sono mai azzardati di fare qualcosa di “liberale” veramente, come avevano promesso, e poi sono stati prigionieri del problemi giudiziari del capo supremo. Quelli di sinistra, (durati poco per la verità) hanno tentato di liberalizzare qualcosa, ma, per esempio Bersani è stato crocefisso dai tassisti e dai farmacisti e da tutte le lobby che la destra ha sempre protetto, per non parlare di Prodi, che nel tentativo di mettere in ordine i conti dello Stato, ha toccato le pensioni di reversibilità E’ venuto giù il mondo intero di proteste, nelle sedi dell’Inps.
      Occorrerebbe a questo punto, avere meno paura, non rincorrere il consenso ad ogni costo, fare le cose giuste nel rispetto delle condizioni dei cittadini, ma avere la mano ferma per continuare un lavoro di risanamento che almeno, per il momento, ci ha salvato dal fallimento, verso il quale si veleggiava gonfie vele.
      Inoltre Vendola non rappresenta i rifondaioli di Bertinotti, quelli sono andati nella compagine di Dilibero e Ferrero. Vendola ha la saggezza e la finezza del politico di razza e sa come deve comportarsi entro una coalizione di cui ha condiviso precisi intenti.
      Ciao Tommaso, è sempre un piacere conversare con te.
      Ti abbraccio e arrivederci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: