PUTTANIERI E PUTTANE

PUTTANIERI E PUTTANE

Un direttore di una grande azienda israeliana presso un Hotel, perché in viaggio di lavoro, ha chiesto alla conciergerie il servizio di una squillo che assomigliasse il più possibile a Pippa Middleton, la sorella della più famosa Kate.

E fin qui tutto nella normalità, fino a quando nel sentire suonare alla porta della sua stanza ha aperto e si è trovato innanzi nientemeno che sua figlia.

Il manager dalla sorpresa, non proprio gradevole, ha avuto un infarto ed è stato immantinente portato all’ospedale.

L’uomo, 49 anni, la cui identità non è stata comunicata, è sposato da molto tempo, ed era in una località di Eilat, punta meridionale di Israele lungo il Mar Rosso, quando ha chiesto tramite centralino dell’Hotel un’agenzia che le mandasse presso la sua camera una squillo giovane e assomigliante, appunto, a Pippa. Invece di Pippa, si è visto davanti la figlia.

L’uomo non aveva avuto idea migliore che trascorrere qualche ora di sano buon sesso, visto che si stava annoiando e la notte era ancora lunga, ma quando ha riconosciuto la ragazza con un abbigliamento molto “leggero” e con un atteggiamento piuttosto volgare, dallo sconforto gli è venuto un attacco di cuore che, fortunatamente, non lo ha portato alla morte. Infatti, è stato ricoverato al più vicino ospedale e dopo un trattamento di pochi giorni ha potuto riprendere il suo lavoro.

Non si hanno notizie delle reazioni della figlia e nemmeno della moglie.

Annunci

25 Risposte

  1. Mi ricorda quella storia di quei due che divennero amanti virtuali in chat, fino al giorno in cui decisero di incontrarsi….. Erano marito e moglie 🙂
    Ciao

    1. Anche questa è una bella sorpresa. Mi auguro che c’abbiano fatto una bella risata sopra.
      Ciao, un abbraccio.

  2. Ho sentito parlare di un puttaniere che si faceva chiamare ” papi”, chissà se in fondo non era uno che avrebbe gradito la sorpresa di Eilat.

    1. Già, ma quello se le faceva portare a casa le puttane. A proposito sai che qualcuno ha proposto di continuare con la dinastia? Ci mancherebbe anche questa!
      Ciao, un abbraccio.
      P.S. Grazie

      1. Ci è andata già bene che non proponessero il “Papero”, vuoi vedere che piano piano si stanno avviando sulla via di Damasco?
        Un abbraccio.

  3. Ironia del destino, a volte il mondo è più piccolo di quanto si possa immaginare…
    Perlomeno non hanno dovuto faticare per avvertire un familiare. 😉
    Ciao, carissima.

    1. Eh! Sì il mondo è piccolo. Ma se il padre è puttaniere, secondo me, si merita una puttana in famiglia, Così, per par condicio.
      Ciao, un abbraccio.

  4. Una sorpresa con i fiocchi!

    1. Davvero, e il colpo al cuore c’è stato. Chissà se l’episodio lo ha un po’ redento. Tutto non succede mai per caso.
      Ciao, un abbraccio.

  5. Ora capisci perchè alcune volte son contento di no aver figli???
    Scherzi a parte…chi di spada ferisce..di spada perisce e qui..in quanto a allusioni da avanspettacolo ci si può sbizzarrire…
    a.y.s. Bibi
    P.S. ho abbassato il livello della discussione..

    1. Tranquillo, semmai è il titolo del post che abbassa la discussione.
      Comunque per quel padre è stata una bella lezione. Ma non credo che smetta, certi vizietti rimangono. Con ogni probabilità se ne guarderà bene dal chiederle rassomiglianti alla Pippa.
      Ciao, un abbraccio.

  6. Quanto colloquio in questa famiglia,credo che la mano dx non sapesse cosa faceva
    la sx.
    Ciao speradisole un’abbraccio Lidia.

    1. Spesso i genitori non sanno che cosa combinano i figli e viceversa. Le scelte dei figli, tuttavia, spesso dipendono dall’esempio dei genitori. Anche se non c’è dialogo, certe si intuiscono.
      Ciao carissima, un abbraccio.

  7. Buon sangue non mente! 😀

    1. Per me ben gli sta. Così impara la lezione!
      Ciao.

  8. Speradisole,
    stamani seguivo la trasmissione Omnibus sulla 7. Tra gli altri partecipava l’Elefantino. Cosa è stato capace di affermare? Due perle. a) La prescrizione significa che i magistrati non hanno trovato le prove. Per smentirlo non occorre un praticante avvocato, ma basterebbe, un disoccupato che abiti anche oltre sette kilometri da una Facolta di Giurisprudenza. Ora poichè questa castroneria sesquipedale, non saprei come altro definirla, è stata pronunciata in una trasmissione televisiva, per una moltitudine di ascoltatori (purtroppo) diventerà Vangelo. b) Alle cene eleganti partecipavano tutti, sono rimasto in trepida attesa che nominasse qualche coinvitato di prestigio, poi guardandosi in.torno, non a lui che ci sarebbero voluti giorni interi, ma al tavolo, esclamava – quasi in estasi – “Rossella”. Chi è una delle tante? Non potendosi certo trattare di quel dipendente di “B”, o mi sbaglio. Poi serafico insisteva qualche volta e lo ha detto anche il “B” partecipavano anche i figli. Veramente in tribunale – quando finalmente ha ritenuto di sedersi davanti ai giudici – il “B” ha semplicemente riferito che in quel locale dove si svolgevano le cc.dd. “cene eleganti”, era l’ex discoteca dei figli, non che frequentassero le cene eleganti (?). Dopo altre amenità varie pronunciate dal medesimo, sono stato assalito da violenti conati di ………..tanto da dover spegnere il televisore.
    Un abbraccio.

    1. L’Elefantino è sempre stato uno sfegatato sostenitore del papi e lo ha sempre giustificato. Non abbiamo dimenticato la sua spudoratezza, quando sbandierava le mutande, in difesa del puttaniere che, secondo l’elefante, poteva fare quello che voleva. Non è vero un personaggio pubblico resta tale e non può trasformare la sua casa in un puttanaio senza provocare fastidio e schifo nelle persone dotate di buonsenso.
      Ma sono d’accordo con te che la sua dialettica è talmente invasiva da rivoltare una frittata come se niente fosse. La prescrizione non è assoluzione. E le prove ci sono e come. Ma solo chi ha tanti soldi e fior di avvocati può tirare avanti negli anni un processo fino ad arrivare alla prescrizione.
      Vedrai che anche qui, con altri due appelli, i giudici non riusciranno a portare a termine completamente entro il 2014 questo processo, e tutto finirà in prescrizione. Comunque quello che è importante è che finalmente si sia arrivati ad una condanna. Questo gli fa allontanare il Quirinale e, come io credo, anche molti elettori di destra che non credono più in lui. Questi elettori non voteranno mai a sinistra, ma il loro disamore si manifesterà in qualche modo, magari votano Montezemolo. Questo il papi lo sa, ne è ben conscio e non tornerà mai più in pista.
      Quello che lo indispettisce di più è l’interdizione dai pubblici uffici, interdizione che se fosse confermata gli toglierebbe la sedia di onorevole e quindi l’immunità, cui tiene tantissimo.
      Se l’elefantino ha avuto il coraggio di dire che alle cene eleganti partecipavano anche i figli, non ha fatto un gran buon servizio al suo padrone. Lo ha squalificato ancora di più Infatti, al Corriere online, Berlusconi ha testualmente dichiarato: «Sono padre di cinque figli, nonno di sei nipoti e sono “incensurato”. È incredibile parlare di naturale capacità a delinquere»
      A sostegno della sua innocenza ha portato lo stato di famiglia, come se quel documento fosse sufficiente a scagionarlo. Se l’elefantino cita i figli a testimone delle virtù di castità e correttezza del padre, non ha certo fatto bene. E forse il furbo papi glielo farà notare. Le carceri sono piene di padri e di nonni condannati che non si sono mai sognati di invocare la loro innocenza attraverso lo stato di famiglia.
      Ma Berlusconi non demorde. Ho appreso adesso che non si ritira e che dopo questa sentenza si sente “obbligato” a restare in campo. La Mussolini dice che bisogna rottanare questo tipo di giustizia e riformarla in modo che non si possa più condannare uno come Berlusconi. Robe da matti. Farà una conferenza stampa, una delle tante e dirà le sue ragioni. Non lascia la politica.
      Sinceramente pensavo che la cosa fosse chiusa. Ma purtroppo non è così.
      Un abbraccio forte. Ciao.

  9. C’è da dire che sua figlia l’ha guardata poco, presumo. Avrebbe notato una certa somiglianza con la Pippa.
    La prossima volta invece di chiedere una squillo si farà una pippa.

    1. Sì, hai ragione, molto probabilmente risolverà la questione da solo.
      Ciao

  10. Ti scrissi qualche giorno fa,che continuerà a fare il puparo e dopo quello che ho sentito stasera purtroppo non mi ha smentito. Mi auguro soltanto che gli italiani nel frattempo siano un pò maturati,spero che non crederanno più ad un buffone livido di rabbia per la sentenza.Bugiardo avido ma soprattutto puttaniere,ad un certo punto,pensavo gli si staccheranno i bottoni dalla giacca,da quanto era livido di rabbia.
    Ma quando mai ci lascerà in pace?
    Ciao speradisole un’abbraccio Lidia.
    PS.Grazie.

    1. Chi lo conosce bene come Bossi l’aveva detto, Berlusconi non lasciarà mai la politica, perché ha troppi processi e aveva ragione. Rimane in campo è vero, ma almeno non si candida a Presidente del consiglio. La sua decisione ha sparpagliato quei centristi che cercavano di rifare la Dc. Ha certamente ricostruito un bipolarismo che sembrava finire. E questo il Pdl lo sa e gli strateghi di quel partito sono più spaventati di prima. La sua presenza è troppo ingombrante.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  11. Dato che non c’è nessun riferimento, nemmeno il nome dell’albergo, mi sembra proprio una notizia del tutto inventata.

    1. La notizia l’ho presa da una rivista e, personalmente penso che sia una storia vera.. I motivi per cui non sono stati indicati nomi delle persone e neppure il nome dell’albergo, possono essere diversi: soprattutto la privacy delle persone, oppure si è voluto lanciare un avvertimento a coloro che hanno l’abitudine, quando sono fuori per affari o altro, di farsi mandare le puttane in camera, abitudine piuttosto frequente.
      Ciao, un saluto.

  12. E’ questa la rovina dell’Italia: i dubbiosi. Poco male quando si tratta di una squillo (si chiameranno ancora così, dopo il papy?). Ma putroppo c’è gente che dubita delle cene eleganti, dei rapporti con la mafia, dell’origine di certi parimoni miliardari, dei massaggi allo “sconocchiato”, delle telefonate subito dopo il terremoto all’Aquila, dell’appalto per la Scuola dei Marescialli, dello scandalo della Maddalena (G8), sulla macelleria della DIAZ, sulle misure della Minetti, sui maglioni di Formigoni, sul disvalore di Renzi per il PD, sulla ridiscesa in campo del cav. e basta o mi viene la nausea.

    1. A volte dubitare è anche un fatto positivo, consente alle persone di pensare e di non prendere per buono tutto quello che ci viene detto.
      Ma quando ci sono dei fatti concreti che non si riescono a smentire se non con clamorose bugie, il dubbio non dovrebbe neppure esistere. E’ un fatto che alla Diaz hanno massacrato dei ragazzi inermi, è un fatto che c’erano persone che ridevano nel letto per il terremoto dell’Aquila, è un fatto che si voleva fare della Protezione Civile, una società privata, in modo che non fosse più controllata dalla Corte dei Conti. È un fatto che il papi si faceva portare a casa le puttane con le macchine blu pagate da tutti noi, e così via. Davanti ai fatti non ci debbono essere dubbi, ma solo certezze.
      IL fatto però che 315 persone tutte compatte, con 315 cervelli diversi, abbiano votato la Ruby come la nipote di Mubarak, mi ha fatto venire il dubbio che queste persone avessero un cervello.
      Ciao Gerry, un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: