UN CALCIO ALL’EQUITA’ E ALLA COSTITUZIONE

UN CALCIO ALL’EQUITA’ E ALLA COSTITUZIONE

L’articolo 53 della Costituzione recita:«Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri dI progressività».

Un principio sacrosanto che, molto spesso, è disatteso, soprattutto negli ultimi provvedimenti legislativi “anticrisi”.

Un esempio di tradimento del dettato costituzionale è il “Decreto fiscale” del 2 marzo u.s. che ha esteso la Mini-patrimoniale anche ai depositi bancari (compresi i conti-depositi online) e postali:

Pagheremo l’1 ‰ sul nostro patrimonio attraverso le banche o altri intermediari finanziari, quindi alla fonte.

E qui casca l’asino, nel senso che si scopre l’ennesimo inganno ai danni dei cittadini onesti e più poveri.

L’aliquota per il 2012 è l’1 ‰ (0,1%) ma con un minimo di 34,2 euro ed un massimo di 1.200 euro.

Non ci vuole una laurea in matematica per capire che per un pensionato che ha un conto corrente presso le poste di 2.000 euro dovrebbe pagare 2 euro e invece deve sborsare 34,2 euro, come se avesse in deposito 34.200 euro.  Un milionario che ha un deposito di  20.000.000 euro, invece, pagherà al massimo 1.200 euro.

Dal 2013 l’aliquota sale all’1,5 ‰, scompare la soglia massima, mentre rimane attiva quella minima.

Riprendendo lo stesso esempio, nel 2013 , quando verrà abolita la quota massima, e l’aliquota sale all’1,5 ‰, il deposito di 20.000.000 di euro dovrà pagare 30.000 euro, il deposito di 2.000 mila euro pagherà ancora 34,2 euro.

Il milionario pagherà un po’ di più ma il piccolo risparmiatore pagherà in proporzione aliquote ben superiori all’1,5‰.

Questa legge sulla patrimoniale non ha senso, se si accanisce contro chi ha pochissimo in deposito o in  libretti di risparmio, tanto che conviene tenere i 2.000 euro sotto il materasso.  Per me, è chiaramente anche anticostituzionale.

No ho trovato finora nessuno che abbia detto che questo prelievo così com’è impostato è iniquo, anticostituzionale e nessuna associazione di consumatori, per ora, a mia conoscenza, sembra essersene accorto o fatto carico.

Annunci

6 Risposte

  1. Complimenti per la tua attenzione!
    Resto dell’avviso che quella signora che piangeva non riuscendo a pronunciare la parola: “sacrifici” in quel momento avesse un orgasmo per la gioia e poi penso anche che quel quel logorroico e presenzialista di sottosegratario ex portaborse di tremonti, prima di addormentarsi goda pensando a quanta povera gente è riuscito a far piangere.
    Perfino il direttore del Corriere della Sera a “Che tempo che fa”, ha accusato i professori al governo di essere troppo lontani dalla gente e dai loro problemi e di non spendere una parola per dare speranza in cambio dei sacrifici richiesti.
    Ciao Spera

    1. Ma come vedi a rimetterci sono sempre i soliti. Mi sono chiesta il perchè di un minimo e di un massimo e non in un prelievo progressivo.
      Si vede che è come per le pensioni, probabilmente i depositi presso le poste o le banche al di sotto di una cifra sono molto numerosi e allora tassano quelli così sono sicuri di incassare, mentre i patrimoni più alti, anche se avrebbero reso in termini di soldi, non sono stati toccati.
      Non so chi sia che ragiona in questo modo, ma è certamente il modo di agire di Berlusconi, Mi ricordo che una delle prime leggi ad personam che fece fu quella di non far tassare l’eredità dei grandi patrimoni.
      Be! siamo sempre su quella strada.
      Ciao Sileno, un abbraccio.

  2. Dal momento che le percentuali per me è algebra,mi è venuto in aiuto il tg di new 24,dicendo che ogni dieci ricchi italiani ci sono dieci milioni di poveri.
    Se la matematica non è un’opinione i conti gli tornano anche troppo.
    La Fornero è un coccodrillo al contrario,prima piange poi mangia.
    Ciao speradisole un abbraccio Lidia.

    1. Pochi ricchi e tanti poveri, così si ridurrà questo paese, come ai tempi dei principi e baroni dell’ottocento.
      La società è diventata corrotta, non si rispettono le regole e si evade il fisco alla grande. I risultati dell’agenzia delle entrate dicono che chi dichiara redditi imponibili, per una percentuale altissima, non supera i 1.500 euro al mese. Io mi chiedo come mai quando viaggio con la mia piccola utilitaria, vedo attorno a me dei Suv, dei macchinoni costosissimi? Sono tutte partite Iva per cui si può detrarre tutto? Alla fine chi paga sono solo i dipendenti ed i pensionati, e sono solo quelli che mantengono lo stato sociale, la sanità, la scuola pubblica e purtroppo anche i partiti, i parassiti e i parlamentari.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  3. Spera ti chiedo scusa,ho sbagliato a dire dieci milioni ,ma sono tre,comunque sono sempre tanti .
    Ariciao.

    1. Sì hai ragione, in ogni modo sono sempre tanti.
      Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: