ADDIO SOLE DELLE ALPI

ADDIO SOLE DELLE ALPI

Nella trasmissione “Servizio Pubblico” del 22 marzo, condotta da Michele Santoro, si è parlato di Tangentopoli, delle conseguenze di quel periodo e della corruzione che continua ad imperversare in questo paese, nonostante tutto, se non peggio di prima.

E’ stato intervistato anche Vittorio Sgarbi, il quale, secondo me, ha dato una risposta condivisibile in tema di politica:  «Tangentopoli ha distrutto i partiti così com’erano strutturati nella prima repubblica e da quelle macerie sono nati i partiti padroni. Il Pdl è di Berlusconi, la Lega è di Bossi, l’Udc è di Casini, il Fli è di Fini, l’Idv è di Di Pietro.  Resta fuori il PD dove – dice Sgarbi – c’è un minimo di democrazia».

Ho trovato questa risposta condivisibile perché gli effetti di un uomo solo che comanda nei partiti si sono visti, soprattutto, in questi giorni, nella Lega Nord.

Il sindaco leghista, Flavio Tosi, di Verona, che nella classifica dei sindaci più graditi risulta al secondo posto con più del 66% di gradimento, non non ha potuto mettere il proprio nome su una lista civica col “sole delle Alpi”. 

Dopo interminabili discussioni, sono giunti ad un compromesso. Sulla lista civica che porta il nome di Tosi non c’è il simbolo della Lega, non c’è il sole delle Alpi e non c’è Alberto da Giussano. C’è uno scudo crociato che assomiglia alla vecchia DC.

 La Lega Nord, con tutta la simbologia che l’accompagna, è solo di Bossi.

Gli amministratori del Pdl che a Verona hanno collaborato con Tosi e si sono trovati bene a lavorare con lui, hanno deciso di sostenerlo anche nelle prossime elezioni amministrative di maggio.

Non l’avessero mai fatto, è intervenuto immediatamente il segugio del padrone del Pdl, Alfano, che ha “sospeso” dal movimento politico del padrone, questi amministratori disubbidienti, i quali però hanno trovato una via d’uscita adottando lo strattagemma della Brambilla, hanno inventato un “Forza Verona” con simbolo identico al “Forza Lecco” della Brambilla che è, a sua volta, simile al vecchio Forza Italia.Vale a dire fantasia zero.

Sono convinta che se Virginio Merola, sindaco Pd di Bologna, volesse fare una lista civica sua, per le prossime elezioni amministrative, il Pd gli lascierebbe usare il simbolo del partito.

Secondo i dati raccolti nella sedicesima edizione  dell’indagine Monitorcittà dell’Istituto di ricerca Datamonitor, i sindaci più amati d’Italia risultano:

**Sindaci delle città

Luigi De Magistris, Napoli,   69,8%

Flavio Tosi, Verona, 66,1%

Piero Fassino. Torino, 64,8%

Massimo Zedda, Cagliari, 63,9%

Vincenzo De Luca, Salerno, 63,5%

Graziano Delrio, Reggio Emilia, 63,4%

**Sindaci delle aree metropolitane

Il primo posto spetta a Virginio Merola di Bologna col 53,7%

L’indagine ha fotografato anche la soddisfazione espressa dai cittadini sulla qualità dei servizi erogati. Su questo podio si confermano Bolzano (76,7%) e Trento (71%), mentre Reggio Emilia col 66,4% supera Belluno ferma al 64,1% e Pordenone al 61,8%.

Annunci

10 Risposte

  1. Anch’io ho condiviso le affermazioni di Sgarbi sui partiti padronali, anche se mi è rimasto il dubbio di aver capito male: Possibile che Sgarbi riconosca al PD qualcosa di positivo?
    Ma forse si tratta di riposizionamenti, oggi alla radio ho sentito Iva Zanicchi affermare che se Berlusconi si ritira dalla politica lei passa con Bersani, sempre che Bersani la voglia e sia disposto ad ascoltare i suoi consigli e la motivazione del passaggio sarebbe che Bersani è una brava persona come lo era Berlusconi motivo per il quale, a suo tempo, aveva scelto forza italia
    e “rieccheli!”
    Ciao Spera

    1. Si tenta il riposizionamento, si ha paura delle prossime elezioni e si cerca il,carrozzone vincente. Vedrai quanti saranno quelli che si cambiano la giacca, un po’ come nell’immediato dopoguerra, dalle mia parti almeno, nessuno era stato fascista. E’ sempre stato così per gli opportunisti in carriera.
      Povera Zanicchi ridursi a cambiare bandiera per stare ancora da qualche parte. ma chi ci crede! Stia con berlusconi visto che l’ha sposato fin dall’inizio, anche e soprattutto per fare un po’ di strapagata Tv.
      Dopo tangentopoli ci siamo trovati i “partiti padroni” che è una situazione politica peggiore di quella di prima. Il capo branco, il leader, quello che ha sempre l’ultima parola. Basta, cerchiamo un po’ di democrazia e diamo voce un po’ a tutti.
      anche nei partiti.
      Ciao Sileno, un abbraccio.

  2. Quarda caso ho sempre pensato che se c’era un leghista fuori dal coro era proprio Tosi.
    Era ora che anche in quel partito qualcuno usasse la sua testa e non fosse più telecomandato.
    Alfanino non sarà il primo nè l’ultimo rassegnati.
    Ciao speradisole Un abbraccio Lidia.
    @Sileno anche voi dite rieccheli?Ciao.

    1. Tosi qualche volta ha preso le distanze dalle sparate di Bossi. Per questo forse risulta più credibile, e risulta più credibile persino di Maroni, che con i suoi respingimenti e le ronde ha fatto semplicemente schifo.
      Questo Tosi per esere così amato forse ha fatto bene il sindaco e giustamente vuole riprovare a correre con le sue gambe.
      Ma lo dovrà fare senza l’ombra del sole delle Alpi.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  3. @ Gibran,
    no, l’ho usato solo perché lo sento molte volte e mi da un’idea negativa.
    Ciao Lidia se credi sono certo che Spera è tanto gentile da passarti la mia mail.
    @ Spera ,
    mi scuso per l’invasione del tuo spazio, per farmi perdonare questa sera anziché guardare Ballarò, ( che però registro), andrò in Federazione a lavorare per la campagna elettorale.

    1. Bravo, meglio lavorare in Federazione per la campagna elettorale. Muoversi e partecipare è meglio che ascoltare i soliti (questa sera a Ballarò c’è Lupi, non perdi niente anche se non registri).
      Auguri di buon lavoro e a presto. Un abbraccio
      OK per Lidia.

  4. “Forza Lecco” sembra tanto una battuta un po’ zozza… 😀
    Tosi… bah… non so… non ho mai capito come possa essere tanto amato… sarà un bravo amministratore? Per me è un mistero più grande di quello del chupacabras!

    1. Eh! si, la Brambilla si presenta alle elezioni amministrative con il simbolo “Forza Lecco”. Pensa che coppia se Bocchino si mette con lei!!!!.
      Ciao Ippaso, un abbraccio.

  5. Cara Spera, se Sgarbi ha detto una cosa sensata v’e’ una sola spiegazione:
    il suo pusher gliel’ha procurata buona, stavolta….

    Ciao
    Zac

    1. E’ probabile che fosse una partita buona e pura. Quella sera a “Servizio Pubblico” con Santoro sembrava persino educato.
      Ciao Zac, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: