COSA SUCCEDE QUANDO UN BOSCO BRUCIA

COSA SUCCEDE QUANDO UN BOSCO BRUCIA

Quando un bosco di macchia mediterranea (immagine) viene ghermito dalle fiamme, il costo che si paga è salatissimo.

Un costo misurabile in termini di ossigeno, perdita di qualità dell’aria, perdita di stabilizzazione climatica e idrogeologica, perdita di produzione legnosa, perdita di funzione ricreativa e turistica.

E non per ultimo, perdita di biodiversità, cioè di futuro per i nostri figli e per l’intero pianeta.

Oltre, infatti, al danno diretto che interessa alberi, flora del sottobosco, soggetti e tempi di recupero in genere molto lenti, è la fauna a non trovare scampo tra le fiamme e a finire soffocata dal fumo.

E’ stato calcolato che un incendio distruttivo in un ettaro di pineta può causare la morte di 300 uccelli, 400 piccoli mammiferi e 5 milioni di insetti, dalle specie che nidificano sul terreno, come quaglie e fagiani, i cui pulcini non hanno via di fuga, alle lepri, ai conigli, agli scoiattoli e martore, orsi, cervi, caprioli, fino a tartarughe, passando per uccelli rapaci, picchi, lucherini, frosoni e altri volatili segnalati nel Libro Rosso degli animali d’Italia del Wwf per essere tra le specie maggiormente minacciate dalle distruzioni degli ecosistemi forestali.

Ci sono, poi, gli effetti indiretti dell’incendio dovuti alla carenza del cibo e alla migrazione forzata a cui è costretta la fauna superstite, con fenomeni di sovraffollamento, sfruttamento intensivo delle risorse e accentuazione della competizione alimentare e per gli spazi di vita. Tutti fattori che determinano un incremento della mortalità degli animali.

Con l’incenerimento degli alberi perdiamo un inestimabile valore frutto  di secoli e secoli di evoluzione biologica. Per la deforestazione, sulla terra scompaiono ogni giorno 150 tipi di piante e animali che nessuno potrà vedere mai più.

Ecco qui un caso recente in Liguria.

Annunci

4 Risposte

  1. Il problema degli incendi qui in Sardegna è una costante. Ogni anno tanti boschi e campagne vengono date alle fiamme per svariati motivi che non è il caso dilungarsi. Quello da te esposto è una sacrosanta verità: danni inimmaginabili. Fortuna che la maggior parte della flora, per il motivo che le radici vengono risparmiate dalle fiamme, al contrario delle parti aeree, si rigenera ma….in quanto tempo? Ma la fauna purtroppo…..! Si potrebbe proporre a chi di dovere, per intenderci quelli che disonorevolmente occupano poltrone inutilmente, di impiegare per il tempo strettamente necessario l’esercito come prevenzione, come si è fatto per la spazzatura in Campania. Il dubbio è che per ogni incendio si mette in moto la macchinetta contasoldi , visto che vengono impiegati tantissimi uomini e mezzi per lo spegnimento, è che qualcuno, o più, approfittino della situazione per arrotondare lo stipendio (vedi protezione in…civile e cricche varie).
    Scusa se mi sono dilungato.
    Ciao.

    1. Il guaio è che ci stiamo abituando anche a questi disastri. Succede ogni anno, puntualmente, ma non ci diamo peso, ed intanto togliamo un pezzo di bellezza al nostro paese ed un pezzo di futuro ai nostri figli.
      Quando poi questi incendi sono provocati volontariamente, sarebbe necessario cacciare in galera l’autore di questi “delitti” contro la natura, chiudere la cella e buttare via la chiave.
      Non è una cosa da niente, e se poi su questo c’è qualcuno che ne trae profitto, ripeto, deve essere punito.
      Vorrei che la magistratura procedesse anche contro questi delinquenti.
      Grazie Antonio, hai il cuore gentile di uno che ama il proprio paese e la proria bellisima, straordinaria e direi unica Regione: la Sardegna.
      A completamento lascio un articolo, per coloro che vorranno saperne di più.
      http://www.leggo.it/articolo.php?id=135262&sez=ITALIA
      Ciao Antonio, un abbraccio

  2. Stasera al TG hanno detto che bruciano i boschi tra Manarola e Riomaggiore, 5Terre. Qualche disgraziato ha appiccato il fuoco. Un paesaggio bellissimo e boschi meravigliosi, distrutti per decenni da qualche testa di c…. Molti turisti hanno rischiato di morire nel fuoco. Io ogni qualvolta ho un pò di ferie vado in quella zona e quasi tutti i giorni faccio camminate in quei boschi, su quei sentieri. qualche anno fa hanno bruciato i boschi sopra Bonassola e Framura, un incendio domato solo in una settimana. Io questi piromani, scusate, li farei cuocere sulla brace… a fuoco lento.. (non in senso metaforico)

    1. Condivido in pieno Raffaele.
      E’ un delitto appiccare il fuoco della nostra bellissima macchia mediterranea.
      Un tesoro di natura, gettato via in pochi attimi per speculazioni o peggio.
      Perchè non va mai in galera nessuno, per questi delitti?
      Non esiste nel nostro codice penale il reato di “violenza ai beni della natura?” Se non esiste dovremmo proporlo.
      Ciao Raffaele, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: