CONDANNATI I PROTETTI DELLA LEGA

CONDANNATI I PROTETTI DELLA LEGA

foto-GRUn certo Giovanni Robusti, Cobas del latte, ha tentato la via della politica e dopo sorti più o meno favorevoli, è subentrato, nel 2008, al parlamento europeo al posto di Umberto Bossi, nel frattempo diventato ministro dell’attuale governo Berlusconi ter.

Però è in politica da tempo, anche lui fa parte del ventennio e percepisce stipendi tali da non dover più mungere le vacche e puzzare di bestia.

Anche Antonio di Pietro, nel 2001, in cerca di candidati con un certo corredo di seguaci, lo candidò ma la cosa finì male e Robusti sì è dato definitivamente alla Lega. ( ecco un po’ della sua storia)

Il 1° luglio di quest’anno è uscita la sentenza della Corte d’Appello di Torino che ha condannato per associazione a delinquere i Cobas del latte del Piemonte e l’europarlamentare leghista Giovanni Robusti.

Per non pagare le famose multe dell’Ue sullo sforamento delle quote latte, avevano inventato il sistema di vendere latte finto a cooperative inesistenti.

La vicenda delle quote latte parte da lontano: gli allevatori dichiaravano molto meno di quanto ricavavano, sempre per fregare il fisco.  L’evasione salì oltre i 200 milioni di euro.

Tutte furbate ai danni degli allevatori onesti. Illegalità che la Lega copre e protegge (soprattutto il Trota è molto attivo in questo campo), allo scopo di spillare qualche voto in più.

Da qui parte l’antieuropeismo e l’antistatalismo  e la propaganda antifiscale della Lega, che pare legata a doppio filo con questi allevatori disonesti che, con l’aiuto della Lega, fanno pagare a tutti noi, le loro illegalità.

E Bossi che blatera tanto contro i terroni, dovrebbe tener conto che le condanne per frode dei suoi preziosi allevatori disonesti, sono un brutto affare anche al Nord.

Di queste frodi sulle quote latte si è parlato pochissimo, perché dell’agricoltura non importa niente a nessuno, ma hanno colpito seriamente gli agricoltori ed allevatori onesti, costretti ad accettare prezzi bassissimi dei loro prodotti.

Gli espedienti messi in piedi dai Cobas del latte e dai  furbastri alla Giovanni Robusti, hanno ingiustamente offeso l’onore di tanti allevatori onesti, trascinati tutti nella fanghiglia puzzolente di quei disonesti protetti dalla Lega.

Per sapere qualcosa di più preciso,  leggere qui. 

Annunci

6 Risposte

  1. sono poveri angioletti puri e sicuramente perseguitati. E’ per questo che si mettono sotto la grande ala parlamentare che tutto assolve e tutto protegge

    1. Il danno che hanno arrecato questi allevatori disonesti non è stato solo un danno verso il fisco. La Lega ha ottenuto dal governo di far pagare a tutti noi, quelle multe.
      Ma quello che ci ha danneggiato ancora di più è il discredito che noi abbiamo avuto in Europa a vantaggio dei produttori olandesi, francesi e tedeschi. I prezzi sono scesi. e l’allevatore onesto, quello che ha rispettato le quote latte, sta rischiando la sua azienda a causa dei prezzi bassi del prodotto e degli aumenti della mangimistica.
      Di queste cose dovrebbe farsi carico il neoministro Saverio Romano, eletto per promozione, ma se ne guarda bene.
      C’è la Lega che fa il mastino da guardia.
      Grazie Franca. Ciao.

  2. La questione delle quote latte in Europa ha radici lontane, Parte dal 1984 e si conclude con la legge 448 del 1992. Impone regole precise ed il rispetto delle regole sta alla base della legalità
    Se molti allevatori non hanno rispettato le regole imposte perchè ritenute inique e penalizzanti, dovevano cercare di far modificare la legge, imporre regole nuove e non falsificare produzioni ed indirizzi di allevamenti falsi per ottenere i rimborsi europei.
    C’erano indirizzi di allevatori persino in Piazza Navona!!!!
    E’ ovvio che tutto questo danneggia le persone oneste.
    Il post voleva mettere l’accento sulla dignità delle persone che agiscono nel rispetto delle regole,dignità che viene calpestata dai disonesti.
    La Lega. che è un partito al governo ormai da 10 anni anzichè proteggere questi personaggi, doveva cercare di cambiare le regole, tramite i suoi rappresentanti in Europa.
    Se non lo ha fatto si è rivelata ancora una volta il partito dei corporativismi medievali, senza capirli del tutto, perchè ha fatto gli interessi solo di qualche allevatore, ma non di tutta la categoria..

  3. la lega guarda solo nel proprio piatto degli interessi – tutte le loro azioni e il loro modo di porsi è all’insegna del me ne frego di quello che mi sta attorno, curo il mio orticello e ci campo bene, stop – speriamo solo che il vento del cambiamento spazzi via una metalità egoistica, miope, interessata che danneggia il vivere comune – ciao

    1. Questi sono stati condannati, ma le multe non le vogliono pagare.
      E Bossi è riuscito ad inserire nella finanziaria una norma che blocca i pagamenti delle multe, e condona le illegalità commesse.
      Spero che il Presidente della Repubblica non la firmi, perchè non si possono bellamente proteggere gli evasori e coloro che operano disonestamente.
      Ciao Loretta, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: