IL FIORE DEL MESE – HIPPEASTRUM

IL FIORE DEL MESE – HIPPEASTRUM

Il genere Hippeastrum, comprende piante originarie delle regioni tropicali dei Caraibi, Messico e Sud America ed appartengono alla famiglia delle Amayllidaceae (o Liliaceae).

I floricoltori tendono a chiamare questa pianta bellissima dal superbo fiore, con la sua vecchia denominazione   AMARILLIDE anche se ciò è sbagliato in quanto oramai a livello internazionale i botanici hanno classificato questa pianta come Hippeastrum. Il vero Amarillide in realtà è una specie sudafricana.

Gli Hippeastri vivono in vari habitat, dalla foresta umida atlantica agli altipiani andini, dai litorali sabbiosi ad aree subdesertiche.

Il colore predominante è il rosso,  ma gli ibridi presentano una vasta gamma di sfumature. Alcune specie sono profumate, gli ibridi non lo sono mai.

L’Hippeastrum è consigliato come pianta d’appartamento. Ha bulbi grandi e raggiunge un’altezza che va da 50 a 80 cm. I fiori, rossi con la base bianca, sono lunghi 12-15 cm e sbocciano a coppie. . La fioritura dura  più di 10 giorni.

Possono essere esposti anche in peno sole, ma vivono bene anche a mezz’ombra. Una cosa bisogna evitare assolutamente: le correnti d’aria. Avvizziscono il fiore molto presto.

Quando sono fioriti si possono annaffiare ogni due o tre giorni, quando il fiore è sparito (va tolto), l’annaffiatura deve essere sufficientemente rara, ogni 15-20 giorni per evitare marcescenze.

Come concime si possono usare quelli liquidi per piante d’appartamento, seguendo le istruzioni: indicativamente uno o due  misurini per litro d’acqua.

Ce ne sono di vari e bellissimi: per esempio

HIPPEASTRUM VITTATUM

514425527_a9b7b7a4ae

 

L’Hippeastrum vittatum è uno splendido esemplare di questo genere con fiori molto grandi e larghi fino a 15 cm di colore bianco striati di rosso.

HIPPEASTRUM APHRODITE

28hmtko

La dimensione del fiore e l’altezza gambo sono gli stessi della grande fioritura Amaryllis, tranne che producono un fiore “doppio.

CURIOSITA

Il nome del genere “Hippeastrum” deriva dal greco e significa “Stella del cavaliere”. Non si sa con certezza da cosa derivi questo curioso nome.  La prima identificazione di questa pianta fu fatta Linneo che chiamò il primo Hippeastrum da lui classificato Amaryllis equestris e non si sa per quale motivo abbia associato il nome “equestris” alla pianta. Nel Curtis’s Botanical Magazine del 1795 viene fornita una spiegazione: sembra che all’inizio della fioritura se osservati attentamente ricordano le orecchie di un cavallo, quindi il fiore avrebbe ricordato a Linneo la testa di un cavallo, da qui il nome.

Alcuni anni dopo però William Dean Herbert, un botanico studioso della famiglia delle Amaryllidaceae del 1800, si rese conto che la pianta classificata da Linneo come Amaryllis in realtà non aveva nulla a che vedere con quel tipo di piante e così coniò un nuovo genere e per mantenere il nome dato da Linneo (Amaryllis equestris) chiamò il genere Hippeastrum,  “stella del cavaliere”.

Annunci

13 Risposte

  1. In questa giornata fredda e piovosa,questi fiori ti rallegrano,anche il nome è bellissimo fa pensare ai cavalieri,che hanno senpre scatenato fantasie di quando eravamo adolescenti,almeno da parte mia.
    spera sei magica,ciao a presto Lidia.

    1. Alle cose brutte, bisogna reagire con pensieri belli. E’ quello che cerco di fare, ogni tanto.
      C’è chi va dal parrucchiere, chi fa viaggi, chi si sfoga litigando, io compro fiori.
      Questo è un fiore che il fioraio in questo giorni, tiene in vetrina. Mi ha colpito la sua bellezza. Ne ho comprato uno, (assomiglia a quello di mezzo bianco variegato di rosso). Il fioraio mi ha assicutato che è perenne, e che fiorirà anche il prossimo anno.
      Vedremo se sarò brava nel mantenerlo.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  2. […] [FONTE: Consulta l'articolo originale] Filed Under  articolo, famiglia, sbagliato, superbo […]

  3. Spera non riesco ad entrare su Pigback,mi da impossibile visiulazzare la pagina.
    ciao a presto Lidia.

    1. Il blog Sinistra europea ha solamente citato questo post, come fonte e quindi rimanda sempre a me.
      Se un blog come “Sinistra Europea” legge questo modesto blog, è un onore grandissimo per me.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

    1. Di fronte alle cose tristi di questi giorni, un antidoto è pensare a cose belle.
      Ciao Marta, un abbraccio.

  4. E in questo momento più che mai ce n’è davvero bisogno. Buon lunedì 🙂

  5. Hi, just wanted to mention, I liked this article.
    It was funny. Keep on posting!

    1. If interested in articles about flowers, there are many in the blog.
      Thank you and goodbye.

  6. It’s a pity you don’t have a donate button!

    I’d without a doubt donate to this fantastic blog! I guess for now i’ll settle for book-marking and adding your RSS
    feed to my Google account. I look forward to brand new updates and will
    share this blog with my Facebook group. Chat soon!

  7. […] Così per non fare confusione qualche altro geniale botanico (siamo già nell’ 800) pensò bene di cambiargli il nome  in Hippeastrum (ovvero Stella del cavaliere) ( https://speradisole.wordpress.com/2011/02/27/il-fiore-del-mese-hippeastrum/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: