DOVE AVERE IL PISELLO CONTA

DOVE AVERE IL PISELLO CONTA

LAPIDAZIONE

Il rapporto di Amnesty International  fornisce un ampio quadro delle esecuzioni eseguite tramite lapidazioni.  Pena di morte che resta in vigore in moltissimi paesi.  Iran, l’Arabia Saudita,  gli Emirati Arabi Uniti, la Nigeria, il Pakistan, il Sudan, lo Yemen, il Bangladesh. Nella provincia di Aceh , Indonesia, la lapidazione è stata introdotta nel 2009.  Ma anche i talebani in Afghanistan  hanno eseguito lapidazioni , Amnesty ha avuto notizie della lapidazione di una coppia  uccisa il 15 agosto 2010 al nord dell’Afghanistan da loro riconquistato. Altri orrori simili sono stati compiuti da uomini di religione locale negli anni 2005 e 2007.

Una morte atroce, quella per lapidazione, regolata dagli articoli 102 e 104 del codice penale iraniano. “La donna deve essere sepolta in piedi sino al seno. Le pietre con le quali deve essere colpita alla testa non devono essere né troppo grandi, perché la ucciderebbero subito, né troppo piccole”

Una pena che ha lo scopo di infliggere dolore e una lenta sofferenza, sino alla morte.

Secondo Azadeh Kian Thiebaut, specialista della società iraniana, presso il Centro nazionale delle ricerche (Francia): “le donne sono punite di più perché i giudici ritengono che andando contro la legge, appannino l’immagine di purezza della donna musulmana. Di fronte all’adulterio la popolazione femminile è particolarmente fragile. Se il marito può invocare un matrimonio temporaneo, che gli permette di contrarre una relazione “ufficiale” che può andare da alcuni minuti a 99 anni con qualsiasi donna, la coniuge, accusata di adulterio finirà sotto la frusta del giudice oppure al peggiore dei casi all’uncino di una gru. Poiché in Iran, l’inesattezza è un crimine suscettibile della pena di morte”.

Una storia esemplare accaduta nel 2007 in Somalia: Aisha Ibrahim Duhulow aveva 13 anni. E’ stata lapidata il 27 ottobre 2008 da un gruppo di 50 uomini. L’esecuzione è avvenuta all’interno di uno stadio della città meridionale di Chisimaio, in Somalia, di fronte ad un migliaio di spettatori.

Aisha  era arrivata a Chisimaio tre mesi prima, proveniente dal campo profughi di Hagardeer, in Kenya. Nella città portuale somala, Aisha è stata stuprata da tre uomini e si era rivolta ai miliziani di “al Shabab”, che controllavano la zona, per avere giustizia.

La sua denuncia aveva ottenuto come risultato l’arresto, l’accusa di adulterio e la lapidazione.  Nessuno dei tre stupratori è stato arrestato. Un uomo , che si è qualificato come lo sceicco Hayakalah, ha dichiarato  a Radio Shabelle, un’emittente somala:  “Lei stessa ha fornito le prove, ha confessato ufficialmente la sua colpevolezza e ci ha detto che era contenta di andare incontro alla punizione della legge islamica”.

Secondo testimoni oculari, invece, raggiunti da Amnesty International, Aisha ha lottato contro i carnefici ed è stata trascinata a forza nello stadio. Qui la ragazza è stata interrata e i 50 uomini addetti all’esecuzione hanno iniziato a colpirla, usando le pietre appena scaricate da un camion. Ad un certo punto è stato chiesto ad alcune infermiere di verificare se la ragazza fosse ancora viva; fatto ciò, la lapidazione è ripresa fino alla morte della bambina.

Sono le donne ad essere condannate a morire per lapidazione, spesso a causa del diverso trattamento che subiscono davanti alla legge e nei tribunali, in aperta violazione degli standard internazionali sul giusto processo.

Sono, in particolar modo vittime di processi iniqui, perchè meno istruite rispetto agli uomini e per questo motivo indotte più facilmente a firmare confessioni di crimini mai commessi. Confessioni spesso ottenute sotto tortura.  Inoltre, la discriminazione cui vanno incontro, in altri aspetti della loro vita, fa sì che siano più soggette a condanne a morte, per adulterio.

(Fonte: l’Unità)

Annunci

17 Risposte

  1. E’ spaventoso, sono massacri legalizzati.
    Sarebbe questo il “maggior rispetto” per le donne di cui parlava Gheddafi?
    Chissà come se la passeranno le nuove reclute italiane.
    Ciao speradisole, buona domenica.

    1. Con ogni probabilità le convertite non hanno un’dea di che cosa riservi loro l’islam se, per caso commettono, una inesattezza.
      Mi ha stupito anche la possibilità che ha l’uomo di contrarre matrimonio “temporaneo” anche di pochi minuti con qualsiasi donna. E bada bene che la donna non può ribellarsi. Comunque la donna sposata “ufficialmente” anche per pochi minuti, e poi abbandonata, rimane sposata e se va con un altro uomo commette adulterio, quindi può essere condannata e lapidata.

      Davvero questi uomini hanno paura delle donne, tanto da distruggerle, non solo nasconderle.
      Che tristezza e che dolore. Se pemso a quella povera bambina di 13 anni, lapidata perchè cercava giustizia, mi viene una rabbia infinita.

      Mi rendo conto di non sapere niente di questo mondo.
      Ciao pesciolina, buona domenica anche a te.

  2. Ma loro cosa ne sanno veramente del corano,hanno partecipato soltanto ad uno show.
    Poi per quanto ne so io il corano non ammette violenza,loro lo interpretano ad uso e consumo loro la donna deve essere sottomessa qualsiasi sia il prezzo.
    Ma quello che non capisco,i paesi così detti evoluti non fanno niente per vietare questo scempio.Troppi interessi con alcuni paesi,per altri la completa indifferenza.
    E’il nostro premier gli bacia la mano,dovrebbe lavarsi la bocca con la varichina.
    Ciao speradisole a presto Lidia.

    1. Nel Corano non credo che ci sia questa cattiveria.
      E’ stata messa in piedi dagli uomini.
      Ma anche al tempo di Gesù, la lapidazione era una pratica di condanna a morte per la donna adultera, tanto che nel vangelo si riporta il famoso episodio in cui Gesù dice a coloro che hanno le pietre in mano per lapidare l’adultera “chi è senza peccato, scagli la prima pietra”.
      Si vede che è una pratica orientale, di quei posti, che nei paesi integralisti è diventata legge dello stato.
      Ma l’occidente dovrebbe fare qualcosa, anche se non si può entrare a dettare legge in casa d’altri.
      Piuttosto che fare affari con questi paesi bisognerebbe starne lontani, e non ricevere i loro rappresentanti con tanta pompa magna, non solo Gheddafi, ma anche gli emiri, gli sceicchi e tutta quella gente lì.
      Invece noi ci inchiniamo.
      Che miseria!
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  3. Infatti lo stravolgimenti delle leggi è proprio una prerogrativa degli uomini fin dai tempi antichi,come vedi si è protatta nel tempo.
    Ma chi ne fa le spese sono le donne o più deboli,mettili in ordine tu,ma comunque rimane l’amaro in bocca.
    Ciao spera a presto Lidia.

    1. Rimane l-amaro in bocca.
      Oltre all-oltreggio della castrazione sessuale anche la lapidazione.
      Ma che cosa si vuole dalle donne in quei paesi.
      Ciao Lidia, un abbraccio.

  4. Tralasciando le attività circensi del governo(??) italiano,
    credo che 50 uomini che lapidano una bambina non necessiti di commento alcuno.

    Si può solo fare un paragone:
    Anna Frank.

    Zac

    1. Ho trovato la storia di questa bambina di appena 13 anni, stuprata e lapidata perchè stuprata di una cattiveria incredibile.
      Sì il paragone con Anna Frank ci sta tutto.

      Così come trovo ipocrita infliggere 99 frustate (già due volte) per vedere il sangue di una donna scorrere.
      Non credo che la flagellazione sia una cosa da poco e non so come si possa sopravvivere a tante frustate.
      Sono maligna ma secondo me alcuni uomini c’hanno anche goduto nel vedere frustare una donna!
      Sadismo di gruppo!
      Ciao Zac.

  5. E’ vero non bisognerebbe fare affari con i paesi che usano la barbarie e l’ingiustizia e discriminano le donne in un modo così umiliante. Però vorrei sottolineare che i paesi che ci vendono il petrolio sono proprio quelli, ogni volta che noi utilizziamo la macchina per cose superflue e che nelle famiglie c’é una macchina per ogni suo rappresentante non siamo un pochino responsabili dell’impotenza dell’Occidente verso questi poteri dispotici e ignoranti? Perchè non cercare di utilizzare le forme di energia alternative e non sentire quegli scienziati che propongono lo studio di programmi seri per l’eliminazione delle scorie radioattive ed installare centrali nucleari? Il problema delle scorie è serio ma si può risolvere. Perchè non dare spazio alla ricerca scientifica che può aiutare a risolvere anche questi problemi. Dal punto di vista ecologico non sono favorevole alle centrali nucleari ma di fronte a queste cose mi domando se la Francia (dalla quale importiamo energia nucleare)e altri paesi non siano più lungimiranti di noi.

    1. Hai ragione Elettra, i primi a manterene in piedi questi paesi che applicano barbarie simili ai propri concittadini, siamo noi occidentali che dipendiamo completamente dal loro petrolio.
      Sono anche convinta che i miliardi di euro che consegnamo a questi paesi vengano tutti intascati da chi è al acomando di questi stessi pasei, altrimenti resta inspiegabile la povertà in cui i cittadini vivono.
      Sarebbe giustissimo sviluppare ricerche importanti per installare un nucleare sicuro. E già qualcuno c’era quasi arrivato con la fusione a freddo dell’idrogeno (non so dire altro e neppure che significa), ma ciò sta a dimostrare che studi del genere si fanno. Ma non in Italia, dove la ricerca scientifica, anzichè essere incrementata, viene decapitata per tagli sconsiderati.
      Sarebbe giusto ed opportuno in certo qual modo, “isolare” nel loro mondo col loro petrolio, questi paesi, ma temo che anche nel loro isolamento, il problema della emancipazione femminile e della liberazione della donna dalla schiavitù maschile non si risolva.
      Non dimentichiamo che oltre a queste barbarie come la lapidazione, esiste la infibulazione femminile, altra immensa umiliazione dolorosa applicata alle donne, che le segna per tutta la vita.
      E’ tutto un mondo, carissima Elettra, che non conosciamo e che si potrebbe aiutare forse, con personaggi tipo la regina di Giordania, in grado di portare la donna ad esempi diversi.
      Sono secoli che l’occidente sfrutta questi paesi, ma non è riuscita ad introdurre un minimo di civiltà per le donne.
      Tante belle cose, alberghi, lussi sfrenati come le spiagge del mar morto Sharm El Sheik dove anche gli italiani vanno a dare tanti soldi, e non si vede dietro la condizione di dolore e di povertà delle persone e soprattutto delle donne.
      La Germania e la Francia sono certamente più lungimiranti di noi, ed hanno avuto il buon senso di non proporre un referendum contro il nuclerare, subito dopo lo scoppio della centrale di Chernobyl, come invece abbiamo fatto noi.
      Sull’onda delle emozioni spesso poi si prendono decisioni sbagliate, ma un invito anche alla ricerca dell’energia “pulita” ed al suo sviluppo è necessario. Ma siamo sempre lì, senza mezzi per aumentare la ricerca si progredisce poco e noi dipenderemo sempre da altri.
      Grazie Elettra del tuo commento graditissimo.
      Un saluto, ciao.

  6. […] Carfagna e le rappresentanti del mondo femminileOlimpio e la spy-narrative (2) News & articoliDOVE AVERE IL PISELLO CONTA « Speradisole's BlogHitler, il marocchino ? | IncapervincaFemale Iranian activist charged with ‘waging war against […]

  7. Allora.. bisogna finirla ed uscire da un eterno equivoco. La lega dice delle idiozie enormi riguardo al mondo islamico ma è anche vero che la sinistra italiana non ha mai fatto nulla a parte parole … parole… parole…
    Articolo sull’Unità ma prese di posizione politiche? Nessuna.
    Bisogna avere il coraggio di dire a questi signori che se vogliono essere considerati membri di una società civile devono piantarla con cose così altrimenti li si prende a calci in culo.
    Estremismo? No, solo basta ipocrisie di comodo.
    Ovviamente questo comporterebbe grossi problemi legati al petrolio ma visto che comunque le guerre per il controllo del petrolio le fanno in ogni caso (vedi Iraq..) almeno sarebbe chiaro il perchè si va a morire.
    a.y.s. Bibi

    1. Gli interessi hanno sempre prevalso, in tutti i governi ed in tutti i paesi.
      Anche la sinistra ha le sue colpe, magari sapesse risolvere questi grossi problemi mondiali, però ne parla e non si inginocchia davanti a Gheddafi.
      Almeno la sinistra non ha mandato i militari in Iraq al seguito di Bush, e appena ha potuto li ha tolti da là.
      Qualche protesta contro la pena di morte lo ha fatto.
      Ma la destra, questa destra nostra, mai una voce.
      E non credo che tutto sia sempre legato ad interessi petroliferi, ma molto ad interessi politici.
      Noi eravamo in Iran già al tempo dello Scià di Persia, ma non mi risulta che allora lapidassero le donne, eppure lo Scià era musulmano.
      E’ difficile bibi, fare i duri e puri, anche se lo si desidera moltissimo.
      In sostanza è sempre e solo questione di soldi, di affari, di ricchezza.
      I poveri restano tali, i disgraziati pure.
      Ciao bibi, a presto

  8. Devono morire tutti di atroci malattie questi mussulmani bastardi, le loro braccia quelle che hanno tirato i sassi si devono corrodere di cancrena piena d’infezioni gravi….la maledizione arriverà tra pochi istanti…con bolle, rossori e poi l’amputazione delle loro braccia…

    1. E’ incredibile, che cosa sono capaci di “inventare” gli uomini, in nome di una religione!
      La natura in sè, carissima Valeria, è femmina. Il maschio serve ad una sola cosa, fatta quella non ha più ragion d’essere.
      Per poter sopravvalere hanno inventato la religione solo per maschi.
      Gli islamici sono maestri, ma anche i cristiani non sono da meno.
      Anche al tempo di Gesù si lapidavano le donne adultere e solo le donne venivano punite.
      Quello che non è tollerabile è che nonostante i progressi in tutti i campi del sapere, quello della donna è rimasto un tabù.
      E temo che non scomparirà mai.
      Ciao Valeria, un caro saluto di “solidarietà” femminile.

  9. Gli dovrebbero bruciare tutti e fare un bel faló…quella civiltà è un errore di Dio e vanno eliminati…sono solo assassini spietati

    1. Credo che la religione sia la causa di tutto questo. Solo i vili si nascondono dietro un Dio per uccidere le donne di cui, con ogni probabilità, hanno paura.
      Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: